Torino, la “Continassa” ceduta alla Juve. M5S: “Area svenduta agli Agnelli”

Autore: Uploads by antefattoblog

Il consiglio comunale di Torino ha detto sì alla cessione alla squadra dell'area vicina al nuovo stadio dove sorgerà cittadella della Juventus. Il Movimento 5 stelle: "Raddoppiata la cubatura allo stesso prezzo. E' speculazione edilizia"
Views:
106
12
ratings
Time:
02:20
More in
News & Politics

“Hanno manipolato il mercato”, rinviate a giudizio le agenzie di rating. Il parere di Paola Musu

Autore: nocensura.com

Di seguito pubblichiamo il commento di Paola Musu circa il RINVIO A GIUDIZIO dei responsabili delle agenzie di rating "Standard & Poor" e "Fitch"; prima di lasciarvi all'articolo, vi proponiamo alcune considerazioni per coloro che non conoscono la vicenda (visto che non ne parla nessuno è facile…)Quando la procura di Trani iniziò ad indagare su di loro, pubblicammo un nostro 'dossier' (L'Italia vittima di un complotto e le prove che Monti è complice) che illustra nel dettaglio i legami di Mario Monti con il mondo dell'alta finanza e dell'élite bancaria (indispensabile per capire di quali poteri forti è espressione) e offre link di approfondimento per capire gli obiettivi ed i progetti di questi, ricollegandoli ad un aspetto che ha avuto pochissimo risalto: Mario Monti prima di essere nominato senatore a vita e subito dopo premier, collaborava con l'agenzia di rating che secondo la procura di Trani ha deliberatamente penalizzato l'Italia; ovvero secondo l'accusa l'agenzia di rating operava con l'intento evidente di peggiorare la nostra situazione sui mercati, ritenendo l'Italia meno affidabile di quanto avrebbe meritato: la conseguenza di questo è stata la crisi dello spread e la situazione di "emergenza" creata ad arte per IMPORRE la nomina di Monti premier. (uno dei pochi organi di stampa che ha dedicato due articoli alla GRAVISSIMA questione, un vero e proprio complotto a danno degli italiani, è stato il quotidiano di centrodestra "Libero". Ovviamente due articoli su un quotidiano sono ben poca cosa: hanno taciuto praticamente tutti. 

Queste dinamiche sono ben illustrate nell'articolo L'Italia vittima di un complotto e le prove che Monti è complice, un articolo di cui vi consigliamo vivamente la lettura, ricco di chiarimenti e link di approfondimento. 

Staff nocensura.com
– – – – – –

%22Hanno%20manipolato%20il%20mercato%22%2C%20rinviate%20a%20giudizio%20le%20agenzie%20di%20rating.%20Il%20parere%20di%20Paola%20Musu
Paola Musu, l'avvocato che ha denunciato Monti,
Napolitano ed i vertici delle istituzioni

"Hanno manipolato il mercato", rinviate a giudizio le agenzie di rating. Il parere di Paola Musu

Per l’avvocato cagliaritano che ha denunciato Monti e Napolitano la decisione della Procura di Trani “può che rappresentare una piccola boccata di ossigeno per chi, da tempo, grida allo scandalo per l'immobilismo  delle istituzioni tutte"

Di Paola Musu

Il rinvio a giudizio per i responsabili delle agenzie Standard &Poor e Fitch, diffuso stamane dopo le accuse del Pm Ruggero della procura di Trani, non può che rappresentare una piccola boccata di ossigeno per chi, da tempo, grida allo scandalo per l'immobilismo delle istituzioni tutte, dinnanzi ad una condizione di vero e proprio stato di guerra  in cui i politici, non solo italiani, hanno fatto precipitare gli Stati, divenendo complici della consegna dei propri cittadini e delle loro sorti nelle mani di speculatori senza scrupoli che, di fatto, hanno in mano la gestione dei mercati e degli Stati stessi, oramai trasformati nell'equivalente, in fatto ed in diritto, di società per azioni quotate.
Qualche spiraglio, finalmente, sembra muoversi e non solo qui, ma anche oltre oceano. E' del luglio scorso (fonte: washingtontimes.com) la notizia dell'approvazione, da parte della Camera del Congresso americano (238 voti a favore dei repubblicani e 89 dei democratici), con il repubblicano Ron Paul come massimo promotore, di un provvedimento avente ad oggetto il controllo contabile integrale delle operazioni della FED in particolare in materia di politica monetaria. Ed è del 4 settembre scorso (fonte: wordpress.com) la notizia dei primi risultati di tale controllo, i quali hanno evidenziato come tra il dicembre 2007 ed il giugno 2010 la Federal Reserve ha segretamente elargito circa 16 trilioni di dollari, a tasso zero, e praticamente a fondo perduto, posto che pare che neanche un centesimo di queste somme sia stato restituito, per il salvataggio di numerose banche di diversi stati del mondo, oltre che statunitensi, ivi incluse le famigerate Goldman Sachs e Morgan Stanley, oltre a Citigroup, Deutsche Bank, German Bank, Royal Bank of Scotland, UBS, Jp Morgan, BNP Paribas, Barclays PLC, Credit Suisse.

LEGGI TUTTO»»

Diamo il Nobel per la pace a Malala, simbolo di coraggio


Autore: Il Fatto Quotidiano

E’ stata lanciata ieri la campagna italiana per la candidatura al Premio Nobel per la Pace di Malala Yousufzai, la ragazza pakistana di 15 anni che lo scorso 9 ottobre è stata gravemente ferita da un colpo di pistola alla testa per aver difeso il diritto allo studio delle ragazze nel suo paese. La petizione richiede ai leader dei maggiori partiti presenti nel Parlamento Italiano – che hanno la possibilità di presentare candidature per il Nobel – di sostenere Malala.

Change.org ha finora raccolto globalmente più di 100.000 firme in Canada, Inghilterra, Francia e Germania da inviare ai rappresentanti politici. 

Nel frattempo in Pakistan Malala è già simbolo del cambiamento per alcuni, dopo le sue lettere e i suoi appelli per salvare l’istruzione femminile nel suo Paese. All’età di 13 anni è diventata celebre per il blog BBC sul quale ha scritto del regime dei Talebani Pakistani e della loro occupazione militare nel distretto dello Swat dove il diritto all’istruzione delle donne è stato bandito da un editto.

Per altri Malala è invece simbolo “degli infedeli e dell’oscenità”, come ha dichiarato Ihsanullah Ihsan, portavoce dei talebani pakistani, il quale ha rivendicato la responsabilità per l’attentato a Malala aggiungendo che questo attacco non sarà l’ultimo a lei diretto.

Ora la ragazza è a Londra in un ospedale che si è offerto di curarla, ma il Premio Nobel oltre a darle il riconoscimento meritato, potrebbe esserle di protezione.

Fiat, Serbia: turni di 10 ore per 300€ al mese: gli operai in rivolta

Autore: nocensura.com

Ne avevamo parlato nell'articolo "Turni massacranti e 320 euro al mese. Ecco la Fiat in Serbia"; ora i lavoratori si ribellano alle condizioni di lavoro imposte:
– – – – –

Gli operai serbi dello stabilimento Fiat di Kragujevac (Serbia centrale), dove si produce la nuova 500L, non sono soddisfatti ne’ del nuovo orario di lavoro – quattro giorni per turni di dieci ore – ne’ dell’ammontare del salario.
I rappresentanti del sindacato interno hanno avuto per questo un incontro con la direzione dell’impianto (Fas, Fiat Automobili Srbija), che avrebbe promesso aumenti delle paghe, che oscillano attualmente fra i 32 mila e i 34 mila dinari (283-300 euro) al mese.
Come hanno riferito i media a Belgrado, per ora sara’ aumentata del 25% la paga di novembre per tutti quegli operai che hanno fatto lavoro straordinario. Tale attivita’ aggiuntiva – quattro ore il venerdi’ – si e’ resa necessaroa a causa della richiesta sostenuta del nuovo modello di 500L sul mercato europeo – ha riferito l’agenzia FoNet. La settimana lavorativa di quattro giorni (lunedi’, martedi’, mercoledi’, giovedi’) per dieci ore di attivita’ e’ stata introdotta dalla direzione di Fiat Srbija per la prima volta in via sperimentale nella fabbrica di Kragujevac.

LEGGI TUTTO»»