TRENDS 2.0.69: LA RESA DEL CONTE DI SAVONA

Author: Danilo DT Finanza.com Blog Network Posts

TRENDS - Analisi tecnica intermarket

FTSEMIB scende a picco con le banche italiane in crisi, spread BTP Bund che buca area 200 punti. Facciamo il punto e spieghiamo COSA sta realmente accadendo e COSA probabilmente vi sta sfuggendo.

Se vi riprendete l’intro dell’articolo su TRENDS della settimana scorsa, leggerete che ho pronosticato come vera protagonista del mercato proprio l’Italia. Ed è interessante fare delle considerazioni in abito intermarket perchè, è il caso di dirlo, NON tutto il mondo è paese, in questo caso.

Ho giocato un po’ con il titolo del post. E’ evidente il riferimento al neo Presidente del Consiglio e il potenziale Ministro dell’Economia Paolo Savona, tanto contestato dal mercato stesso. Ma non voglio andare oltre. Eccovi il video di questa settimana.

Come sempre ho provato per l’ennesima volta a tracciare una serie di scenari per i vari mercati: forex, commodity, equity, bond, analizzando anche le varie correlazione. Ma ho deciso di lasciare la visione del video agli amici sostenitori del blog.

Quindi… benvenuti al nuovo numero di TRENDS, con tanti grafici e tante analisi intermarket che vi aiuteranno a capire le dinamiche dei mercati finanziari, sempre più correlati ed interessanti.

Riprendetevi i post di questa settimana, credo ne valga proprio la pena e poi, se possibile, sostenete questo progetto di cultura finanziaria e di consapevolezza operativa. La registrazione è stata fatta in modo abbastanza impulsivo e diretto, cercando di sintetizzare e velocizzare i ragionamenti. Spero di essere comunque comprensibile. Come sempre critiche e commenti sono ben graditi. Lascio massima libertà ai lettori di contribuire (se vorranno) all’iniziativa, cliccando qui sotto, in modo tale da capirne anche il livello di gradimento. Sappiate che il Vs sostegno è MOLTO importante per la continuazione di questo progetto che vive solo grazie al Vostro sostegno.

Eccovi il video. Buona visione a tutti!

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). 

VN:F [1.9.20_1166]

please wait…

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Apple signs deal with VW

Author: edfu777 [AT] hotmail [DOT] com (Nick Farrell) Fudzilla.com – Home

Fruity cargo cult will work with Hitler’s favourite car company

The super-green Apple will work alongside a European car maker which has been fined for fiddling its emission ratings to take control of its employee’s self-driving shuttles.

Apple has reportedly signed a deal with Volkswagen to turn some of the carmaker’s new T6 Transporter vans into Apple’s self-driving vehicles. The move is being pushed as proving the superiority of Apple’s self driving technology despite the fact that Jobs Mob failed to partner with luxury carmakers BMW and Mercedes-Benz to develop an all-electric self-driving car.

Even Apple’s unpaid press office, the New York Times, admitted that Apple had failed to gain a foothold in the industry due to its insistence that the car industry does what it is told.

“[T]talks with those companies have ended after each rebuffed Apple’s requirements to hand over control of the data and design”, reports The New York Times.

Apple’s deal with Volkswagen is about the only thing to come from the company’s four year old car program. The project has suffered from repeated changes in direction that have hurt morale and led to hundreds of departures from its peak of more than 1,000 members two years ago. The team is now mostly consumed with developing the self driving shuttle, but the project lacks a clear plan beyond the vans.

Death Stranding di Hideo Kojima sarà ambientato in Islanda?

Author: Andrea Guerriero Tom’s Hardware

Death Stranding, l’attesissimo videogame realizzato da Hideo Kojima, potrebbe portarci in Islanda. Ad avanzare l’ipotesi è un fan, che si è fatto notare anche dallo stesso creatore della saga di Metal Gear. Il rumor arriva poco prima del nuovo trailer, previsto per l’E3 2018.

In attesa della kermesse videoludica, Kojima aveva postato un’immagine teaser sul suo account Twitter, estrapolata da una sequenza del filmato che vedremo a Los Ageles. L’utente Rafael Andrade si è accorto che l’immagine del muschio pubblicata dal buon Hideo ricorda assai da vicino quello che si forma nelle rocce laviche in Islanda. La somiglianza notata dal fan è evidente mettendo a confronto le due foto, ma risulta ancora più interessante per via della reazione del game designer. 

Hideo Kojima ha infatti ritwittato il post di Rafael, confermando in qualche modo l’esistenza di un collegamento. Che Death Stranding, o solo parte del gioco, possa essere ambientato davvero in Islanda? Scopriremo tutta la verità nel corso della prossima edizione dell’Electronic Entertainment Expo, durante la conferenza Sony – il 12 giugno, alle ore 3 del mattino italiane.


Tom’s Consiglia

Fame di esclusive su PS4? Date una possibilità a God of War, disponibile da poco sulla console Sony.

Autobomba a Bengasi: almeno 7 morti e 22 feriti

Bengasi, 25 mag – Strage davanti a un hotel di Bengasi, il Tribesti, dove un’autobomba è esplosa nella notte. Il bilancio provvisorio è di sette morti e almeno una ventina di feriti. Ancora nessuno ha rivendicato l’attentato, che è il più grave dal 24 gennaio scorso quando l’obiettivo erano i fedeli di una moschea riuniti in preghiera. Ne morirono 35. Bengasi, seconda città della Libia, è sotto il controllo dall’Esercito nazionale libico (LNA) del generale Khalifa Hafthar, che ha strappato la città al controllo delle milizie islamiste dopo una lunga battaglia, durata quasi quattro anni. Lo stesso generale Haftar, dato per morto, ha fatto il suo rientro in città alla fine di aprile, dopo essere stato per un paio di settimane a Parigi per delle cure.

L’hotel davanti a cui si è verificata l’esplosione è il più grande della città e si trova lungo la strada che dà sul mare, via Jamal Abdannaser. Essendo da poco passata la mezzanotte la strada era molto affollata di persone che stavano celebrando l’iftar, la cena dei musulmani che spezza il digiuno di ramadan. Le vittime dell’attentato sono tutte civili, e tra loro c’è anche una giovane ragazza.

Delle tante auto parcheggiate in strada otto sono andate completamente distrutte. Molti i negozi che hanno subito pesanti danni. Quello di questa notte, oltre a essere uno degli attentati più gravi degli ultimi mesi, è differente dagli altri numerosi episodi che hanno preso di mira obiettivi in qualche modo collegati all’Esercito nazionale Libico, e alla sua opera di liberazione della città, perché si è verificato in una zona centrale.

Anna Pedri

Commenti

commenti

Author: Il Primato Nazionale