Categorie
HardwareSoftware

Monimega | New Products this week

  Monimega  Dear Customer,
some new products available on our website from this week:
Nintendo Switch 6,2 32 GB Blue Red
Nintendo Switch Nintendo 6,2 32 GB Blue Red Colour: Blue Red Internal Memory: 32 GB Screen: 6,2 Approx. range: 6 h Resolution: 1280 x 720 pxASUS ROG Strix G512LW-HN038 Notebook Black 39.6 cm (15.6) 1920 x 1080 pixels 10th gen Intel® Core™ i7 16 GB DDR4 90NR0391-M00950
STYLE ON THE COMPETITION The ROG Strix G15/17 embodies streamlined design, offering a formidable core experience for serious gaming and multitasking on Windows 10 Pro. Featuring up to the latest 10th Gen Intel® Core™ i7 CPU and a GeForce RTX™ 2070 SUPER GPU, it offers high-FPS power that takes full advantage of up to a blazing fast 240Hz/3ms display. Intelligent cooling innovations like liquid metal take performance to another level. Ultrafast...MSI Pro 22XT 9M-245EU 54.6 cm (21.5) 1920 x 1080 pixels Touchscreen 9th gen Intel® Core™ i5 8 GB DDR4-SDRAM 256 GB SSD Wi-Fi...
ENHANCE YOUR VIEWING EXPERIENCE WITH IPS GRADE PANEL PRO 22X Series is equipped with IPS Grade Panel which not only instantly optimizes the screen colors and brightness to ensure that you enjoy every scene at its best, but also allows you to have a consistent picture quality with an extremely wide viewing angle vertically as well horizontally of 178 degrees. NOTHING BUT FOCUS Go Through Every Corner, Edge & Plane for CAD & APP develop...Teka Conventional Hood DM775S 70 cm 603 m3/h 67 dB 278W Inox
If you are looking for household appliances at the best prices, don't miss the Conventional Hood Teka DM775S 70 cm 603 m3/h 67 dB 278W Inox and a wide selection of small household appliances!Approx. dimensions: 70 x 50 x 29,5 cm Power: 278 W Sound intensity: 67 dB Capacity: 603 m3/h Energy classification: Class A Lighting: LED yes 8 W Speeds: 4Teka Gas Hob CGC4G 6750W 60 cm
If you are thinking of renovating your kitchen, purchase Gas Hob Teka CGC4G 6750W 60 cm and other Teka products! The best quality at the best price is now at your fingertips!Approx. dimensions: 60 cm Stoves: 4 Butane: yes Power: 6750 WBalay Induction Hot Plate 3EB864ER 60 cm
If you are thinking of renovating your kitchen, purchase Induction Hot Plate Balay 3EB864ER 60 cm and other Balay products! The best quality at the best price is now at your fingertips!Approx. dimensions: 60 cm Power supply: Light Cooking Areas: 3 Frequency: 60 Hz Cable length: 1,1 m Power: 4600 W Crystal: (3 Cooking Areas)Crucial Hard Drive MX500 2TB SSD
Hard Drive Crucial MX500 2TB SSDTechnology: SSD Capacity: 2 TB Connection: Sata III Speed: 510 MB/s-560 MB/s Characteristics: SATA 6.0 Gb/sBOSCH Induction Hot Plate PID675DC1E 60 cm
If you are thinking of renovating your kitchen, purchase Induction Hot Plate BOSCH PID675DC1E 60 cm and other BOSCH products! The best quality at the best price is now at your fingertips!Approx. dimensions: 60 cm Power: 7400 W Power supply: Light Cooking Areas: 3 Frequency: 60 Hz Cable length: 1,1 mTeka Multipurpose Oven HLF940 77 L 3553W A Black
If you are thinking of renovating your kitchen, purchase Multipurpose Oven Teka HLF940 77 L 3553W A Black and other Teka products! The best quality at the best price is now at your fingertips!Colour: Black Type: Integrable Total oven interior capacity: 77 L Power: 3553 W Functions: 9 Grill Self-cleaning: yes Control: Rotating Timer: Digital Touchpad Lighting: Inside 50 W Power supply: Electric Network Voltage: 220-240 V Energy classificatio...
On our website, please remember to change the language on the top bar depending on the country of destination:
  • Italia → Italiano
  • Österreich und Deutschland → Deutsch
  • Belgique et France → Français
  • Portugal → Português PT
  • España → Español
  • United Kingdom and others → English
Click here to see all the new products on our site

Always at your disposal for any questions and purchases
Thank you for your attention   
Categorie
HardwareSoftware

64-bit x86 Emulation Officially Coming to Windows on ARM

Author: Joel Hruska ExtremeTechExtremeTech

This site may earn affiliate commissions from the links on this page. Terms of use.

For the last couple of years, it’s been possible to buy an ARM PC that runs Windows, with an average user experience that ranges from “acceptable” to “lousy,” depending on what kind of work you need to do with your PC.

Some of the problems Windows 10 on ARM is grappling with today are the same issues Windows RT suffered from in 2012. While Windows on ARM  in 2020 has the x86 emulation capabilities that Windows RT lacked, the feature has been subject to certain restrictions regarding software support. Only 32-bit applications have been supported — and not all of them. Emulated 32-bit gaming is a very hit and miss affair, as this post from Reddit shows.

Now, however, some of these restrictions are going away. In a recent blog post, Microsoft said future versions of Microsoft Edge will use less battery, and that the company is building a native Teams client optimized for Windows on ARM. Finally, the company writes: “We will also expand support for running x64 apps, with x64 emulation starting to roll out to the Windows Insider Program in November.”

This is a Big Deal… if the CPUs Can Handle It

On paper, getting x86-64 emulation into ARM is absolutely a big deal. Customers resist being stuck in situations where a piece of software they need to run might be incompatible with their processor. But how effectively will 64-bit x86 applications be able to run on ARM CPUs?

This is very much an open question. Check reviews of the Surface Pro X, and you’ll note that none of them have very nice things to say about the software side of the experience. There are a handful of native applications that run well and everything that falls into the x86 emulation flavor winds up varying degrees of bad. Many games don’t work (emulation support is limited to OGL 1.1). Games that rely on anti-cheat software don’t work, because that software hasn’t been ported to ARM yet. Microsoft has a full list of the current limitations here.

That’s not just sand. It’s emulated x86 64-bit sand. Also? I hate sand.

In order to make 64-bit Windows on ARM an attractive prospect, Microsoft needs to deliver four specific things:

Native Apps: One of the ways to make 64-bit x86 emulation more attractive is to reassure people they’ll hardly ever need to use it. This may require straight-up paying the Top 500 most-commonly installed PC app vendors to port their software. x86 has a four-decade lead on ARM when it comes to the total number of native applications, and throwing some cash at this problem is the most straightforward way to make it go away.

Low-Level Driver and API Support: API support can overlap with app support depending on the context, but I decided to group it up with drivers for thematic purposes. The shift to supporting 64-bit x86 applications should include better driver support at every level, from anti-cheat software to accessories and peripherals. One of Microsoft’s biggest goals with the next version of Windows on ARM systems should be to eliminate as many low-level snags and “gotchas” as is humanly possible. Find a way to extend gaming support to a version of OpenGL written after the Clinton Administration.

Faster SoCs: It’s not enough to improve the software side of the equation — the hardware inside these systems needs to come up a few notches as well. This is the Achilles heel of emulation; it’s much harder to improve performance when simultaneously performing code translation. This pressure should reduce as more native applications and better low-level driver and API support become available.

Smooth performance: Several reviews of the Surface Pro X note that the unit often stutters or performs erratically when emulating x86. It’s worth making tasks take slightly longer if the result is a smoother end-user experience. Apps that stutter or hang erratically are much more difficult to navigate than apps that respond at slower but more consistent rates. Faster SoCs, as mentioned above, will help resolve these issues.

How Microsoft responds to the above list will shape the conflict between x86 and ARM in the traditional desktop/laptop space. If the company begins aggressively working to make ARM a full partner in terms of overall software availability, DirectX support, and future game releases, it’s going to bring x86 into direct conflict with ARM in relatively short order. This would be especially true if Nvidia were to use its ARM ownership to build CPU cores specifically intended to challenge Intel and AMD in their core spaces.

Trends like this are why I’ve said we’re looking at the most interesting CPU market in decades. How Microsoft treats ARM will shape the x86-versus-ARM competition. So will Nvidia’s decisions about how to best-leverage its new IP. RISC-V is continuing to gain steam. As for these Windows on ARM systems, Microsoft has said it’s working with Acer, HP, Lenovo, Samsung, and its own Surface division to bring Windows 10 on ARM to customers.

Now Read:

Categorie
HardwareSoftware

Google Foto si arricchisce con un editor fotografico intelligente

Author: IlSoftware.it

In una settimana densa di presentazioni e di nuovi prodotti, Google non ha voluto tralasciare neppure le sue soluzioni software. Con l’arrivo dei nuovi smartphone Pixel 4a 5G e Pixel 5, i tecnici dell’azienda di Mountain View hanno voluto aggiungere all’app Google Foto anche un completo editor fotografico che sembra finalmente porsi sullo stesso livello di quello integrato da Apple in iOS.

Con la nuova versione di Google Foto gli ingegneri software hanno integrato nuova funzionalità basate su intelligenza artificiale e apprendimento automatico migliorando significativamente le possibilità offerte agli utenti per il miglioramento delle immagini.

Google Foto si arricchisce con un editor fotografico intelligente

Purtroppo, almeno per adesso, il nuovo editor fotografico di Google Foto sarà compatibile esclusivamente con i nuovi smartphone Pixel 4a 5G e Pixel 5. Nel corso delle settimane successive, la compatibilità sarà estesa agli altri Google Pixel mentre per poter usare l’editor sui dispositivi di altri produttori bisognerà ancora attendere un po’ (a meno di non “giocare” con il rooting del dispositivo: approfondiremo la questione più avanti).
La nuova funzione Portrait Light permette di applicare diversi livelli e posizionare luci ed ombre in maniera ottimale su una foto già scattata. L’intera procedura è governata attraverso un meccanismo di ottimizzazione basato sull’intelligenza artificiale così da ottenere i migliori risultati possibile.

Google Foto si arricchisce con un editor fotografico intelligente

Gli utenti saranno in grado di applicare effetti di luminosità, contrasto e ritratto con un solo tocco, semplificando un processo laborioso che in molti casi può comportare l’uso di alcuni strumenti e filtri specializzati.
Per quanto la denominazione Portrait Light faccia riferimento ai ritratti, si tratta di uo strumento capace di lavorare qualunque foto, comprese quelle importate da altre sorgenti (anche da altri dispositivi).

I nuovi suggerimenti offerti dall’editor di Google Photo aiuteranno a ottenere foto di grande impatto con un solo tocco applicando in modo intelligente le varie ottimizzazioni disponibili.
Suggerimenti familiari come Enhance e Color Pop saranno via a via arricchiti con altri meccanismi per esaltare la resa fotografica.

Google Foto si arricchisce con un editor fotografico intelligente

Tra le nuove funzionalità si porranno in evidenza anche una serie di strumenti avanzati per i fotografi professionisti o per coloro che preferiscono modificare i loro scatti manualmente.

Maggiori informazioni sul nuovo editor di Google Foto nella nota ufficiale.

Categorie
Politica

Sole 24 Ore, ora spunta anche John Elkann. Si allunga ancora la lista dei presunti pretendenti


Author: F. Q. Il Fatto Quotidiano

John Elkann, erede Agnelli, presidente di Fca, avrebbe messo gli occhi su Il Sole 24 Ore e vorrebbe portare il quotidiano finanziario nel suo gruppo editoriale Gedi. Questo quanto sostiene il sito “Professione reporter” dedicato al mondo del giornalismo e dell’editoria. Bocche cucite nella redazione di via Monte Rosa, dove comunque la notizia non sembra scaldare troppo gli animi. Negli anni di indiscrezioni, vere o presunte tali, sul futuro del gruppo ne sono circolate davvero tante. Urbano Cairo, Francesco Gaetano Caltagirone, Carlo De Benedetti, sono solo alcuni dei nomi che negli anni sono stati tirati in ballo come possibili “scalatori”, senza che poi nulla si sia mai concretizzato. Quello che in questo momento cambia un poco le carte in tavola è il cambio al vertice di Confindustria che possiede il 61% del gruppo Sole 24 Ore. Ma le illazioni sulle mosse del neo presidente Carlo Bonomi possono portare a conclusioni opposte. Se, da un lato, c’è che rimarca come il neo presidente degli imprenditori non sia disposto a tollerare che il gruppo editoriale scarichi altre perdite su Confindustria, e sia quindi sensibile ad eventuali avances, dall’altro si dubita fortemente che una delle prime mosse di Bonomi possa essere quello di privarsi dello storico quotidiano dell’associazione. Soprattutto ora che i conti, seppur non certo brillanti, non sono più malmessi come qualche tempo fa. I primi sei mesi del 2020, terribili per tutti, si sono chiusi con un rosso di 5 milioni (1,7 milioni di utili l’anno prima), i ricavi sono scesi ma anche i costi.

Il Sole 24 Ore vale in borsa 24 milioni di euro ma la quota di maggioranza è saldamente in mano a Confindustria. Nessuna scalata insomma. Inoltre nel costo andrebbero conteggiati anche i debiti, una trentina di milioni di euro. Peraltro dopo la notizia non si è registrato nessun particolare movimento del titolo, segno che l’ipotesi non ha fatto breccia nel cuore degli investitori. Da un punto di vista strategico degli Agnelli la mossa potrebbe anche avere un senso. Exor possiede anche l’Economist, autorevole settimanale economico londinese e controlla il gruppo GEDI che pubblica la Repubblica, La Stampa, Il Secolo XIX e 13 testate locali. Acquistando il controllo de Il Sole 24 Ore si porrebbe un problema di eccessiva concentrazione di media in capo ad un unico soggetto, vietata dalla normativa sull’editoria. Una soglia ( 20% delle copie vendute ) che Exor potrebbe però lambire e non superare vendendo alcune testate locali che fanno capo al gruppo Gedi. Tra queste, secondo “professione reporter” il Tirreno (dove lavorano 77 giornalisti) e poi Gazzetta di Modena , Gazzetta di Reggio, Nuova Ferrara.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Categorie
MoVimento 5 Stelle

Giustizia per l’acqua

Author: beppegrillo.it Il Blog di Beppe Grillo

di Kelsey Leonard – Io vengo dalla Shinnecock Nation Tabutni alla tribù Cahuilla. Mi è stato insegnato che l’acqua è viva. Può sentire e ricordare.

Ora voglio che tutti si chiedano “chi possiede diritti legali? Può sembrare una domanda strana, ma la storia ha dimostrato che alcune persone li hanno, ma altre no. Negli Stati Uniti, le persone Indigene come me per la legge non sono stati cittadini fino al 1924. I miei antenati Shinnecock non erano cittadini per la legge. Ma allora mi chiedo perché sosteniamo di essere nazioni governate dalla legge, se alcune persone sono protette, ma altre no? Perché rimane uno dei modi migliori per combattere l’ingiustizia. E noi, da persone Indigene, sappiamo bene cos’è l’ingiustizia.

Una mia cara amica, mi ha detto di una profezia che viene dalla sua gente, gli Anishinaabe. La profezia racconta di un giorno che verrà in cui 30 millilitri di acqua costeranno più di 30 grammi d’oro. Quando mi raccontò questa profezia, mi sedetti per un momento, e pensai a tutte le ingiustizie che vediamo oggi nel nostro mondo, le crisi idriche che vediamo nei giorni nostri, e dissi, “Mi sembra che sia adesso l’ora di quella profezia. “E lei mi guardò diretta, e mi disse, “Quindi cosa pensi di fare?”

Forse ho la soluzione.

Credo che una delle soluzioni per risolvere le numerose ingiustizie idriche che vediamo oggi sia riconoscere che l’acqua è qualcosa di vivo e darle la personificazione legale che merita. Per farlo, dobbiamo trasformare il modo in cui valorizziamo l’acqua. Dobbiamo cominciare a pensare a come ci connettiamo all’acqua.

Infatti se qualcuno vi chiede, “Cos’è l’acqua?” e voi rispondete, “pioggia, oceano, lago, fiume, H2O, liquidi, ecc”. Potreste addirittura capire la sacra essenzialità dell’acqua e dire che l’acqua è vita. Ma se vi chiedessi, invece, “Chi è l’acqua?” Allo stesso modo con cui vi potrei chiedere “Chi è tua nonna?”, “Chi è tua sorella?”, cosa rispondereste?

Questo tipo di orientamento trasforma fondamentalmente il modo in cui vediamo l’acqua, trasforma il modo in cui prendiamo decisioni su come potremmo proteggere l’acqua, proteggerla come proteggereste vostra nonna, vostra madre, vostra sorella, le vostre zie. Questo è il tipo di trasformazione necessario se intendiamo affrontare le svariate crisi idriche nel mondo oggi, queste crisi strazianti trasmesse dai nostri dispositivi elettronici fino al Giorno Zero, fino al punto in cui l’acqua costerà più dell’oro.

Pensate che sia lontano quel giorno o che non arriverà mai?

A Città del Capo, Sudafrica, nel 2018, i residenti erano costretti a docce di due minuti e a 87 litri d’acqua per persona al giorno. Nell’estate del 2019, la cattiva gestione dell’acqua ha portato le strade di Chennai, India, ad essere costeggiate di brocche di plastica mentre i residenti aspettavano che le cisterne portassero l’acqua prima via treno, poi via camion, per rispondere al loro fabbisogno quotidiano. Oppure addirittura negli Stati Uniti, una delle nazioni più sviluppate al mondo. Oggi, Flint, in Michigan, non ha ancora acqua potabile.

Ma c’è anche Neskantaga First Nation, nell’Ontario del Nord, Canada, dove gli abitanti sono avvertiti di bollire l’acqua dal 1995, perchè non sicura. Oppure Grassy Narrows First Nation, che da decenni sta facendo i conti con la contaminazione dell’acqua per colpa delle industrie cartiere e dove uno studio recente ha scoperto che circa il 90% della popolazione indigena ha qualche forma di avvelenamento da mercurio, che causa seri problemi di salute. O nella Riserva Navajo.

Uno studio recente di DIGDEEP e della US Water Alliance ha scoperto che la razza, negli Stati Uniti, è il più forte indicatore di accessibilità all’acqua e all’igiene, e che per noi, Nativi Americani, siamo il gruppo con più probabilità di problemi di disponibilità di acqua e igiene.

Come studente di legge e scienziata indigena credo che molte di queste ingiustizie idriche siano risultato del fallimento del sistema legale occidentale nel riconoscere la personalità giuridica dell’acqua.

Quindi ci dobbiamo chiedere per chi è la giustizia? Solamente per l’umanità?

Eppure abbiamo garantito personalità giuridica alle società. Negli Stati Uniti, la Corte Suprema ha deciso con “Citizens United” che una società è una persona con protezioni simili secondo la Costituzione, come la libertà di parola, e ha applicato un ragionamento simile a “Hobby Lobby,” concludendo che una società ha il diritto di libertà religiosa in difesa contro l’implementazione dell’Affordable Care Act per i suoi dipendenti.

Vi chiedo di fermarvi un secondo e riflettere sul morale del mondo occidentale, in cui si può garantire personificazione legale a una società ma non alla natura, ad una azienda, ma non ad un bosco. È assurdo.

La personalità giuridica ci garantisce la capacità di essere visibili in una corte legale, e di far sentire le nostre voci come persone protette dalla legge. E se quindi si può garantire questo alle società, perché non ai Grandi Laghi? Perché non ai grandi e piccoli fiumi? Perché non ai numerosi corsi d’acqua del nostro pianeta da cui dipendiamo per sopravvivere?

Sappiamo di essere in una crisi climatica globale, sappiamo che prima o poi l’acqua sarà un problema. Facciamo qualcosa. Questo può essere un primo, bellissimo, importantissimo passo in avanti.

(Tedx Tradotto da Luisa Filippi)

Categorie
Energia

Fornitura di energia elettrica per AMG Energia di Palermo


Author: Leonardo Berlen QualEnergia.it

Avviso relativo all’avvio di una procedura negoziata per l’affidamento della fornitura di energia elettrica per usi aziendali per l’annualità 2021. Ente appaltante: AMG Energia spa. Importo: 100.000 € Scadenza: 12/10/2020 Bando (zip)   Bandi del giorno Archivio Bandi