Farmaco per la depressione la riduce così: “Mi ha bruciato la pelle”

farmaco

Prende un farmaco per la depressione e si riduce il volto così: “Mi ha bruciato la pelle” – di Biagio Chiariello

Una 26enne americana ha trascorso oltre un mese in coma a causa della devastante reazione di quel medicinale utilizzato per curare il disturbo bipolare.

Ora sta meglio, ma è completamente sfigurata e ha piaghe su tutto il corpo. “E i medici dicono che potrei avere una ricaduta”, afferma.

Khaliah Shaw, 26enne americana, aveva deciso di prendere quel farmaco per curare la depressione e il disturbo bipolare. Non poteva immaginare che le avrebbe creato altri gravissimi problemi.

Secondo Fox News, nel 2014 alla studentessa del Georgia College sarebbe stata prescritta della Lamotrigina, un farmaco utilizzato anche per il trattamento dell’epilessia, commercializzato come Lamictal negli Stati Uniti.

Poche settimane dopo averlo assunto, diverse vesciche avrebbe cominciato ad apparire sul suo corpo.

“Erano molto dolorose, mi sentivo il corpo in fiamme” ha rivelato Khaliah. La giovane ha così deciso di rivolgersi ad un medico.

La diagnosi è stata impietosa: sindrome di Stevens-Johnson, un disturbo della pelle rarissimo che si verifica in genere con una reazione a qualche particolare farmaco o per un dosaggio errato.

La giovane ha trascorso cinque settimane in coma, indotto dal medico, mentre ha continuamente lentamente a perdere pelle.

Khaliah ha cominciato anche ad avere problemi di vista e ha perso anche le unghie. I medici, ad oggi, ancora non sono riusciti a trovare una cura per il male che affligge la 26enne.

E il timore è che ci possa anche essere una ricaduta. “Mi dicono che potrebbe ripetersi di nuovo e che se così fosse sarebbe peggio della prima volte”, ha detto alla stazione locale 11 Alive.

Denunciato il colosso farmaceutico produttore del farmaco

La ragazza ora ha deciso di denunciare  il gigante farmaceutico britannico GlaxoSmithKline per aver messo in vendita il medicinale “senza avvisare dei rischi potenziali”, riferendo di voler richiedere più di $ 3.45 milioni di dollari.

Non è la prima volta che la società farmaceutica viene citata in tribunale per presunta frode sanitaria.

Nel 2012, la GSK ha accettato di pagare una multa record pari a 3 miliardi di dollari e si è dichiarata colpevole  per ripetuti inganni ai consumatori, disinformazione sugli effetti dei suoi medicinali, e promozione illegale di farmaci.

E all’inizio di questo mese, una giuria statunitense di Chicago ha stabilito che la stessa casa farmaceutica deve pagare 3 milioni di dollari ad una donna che ha citato in giudizio l’azienda dopo il suicidio del marito che aveva assunto una versione generica dell’antidepressivo Paxil. La società farmaceutica ha deciso di andare in appello.

Fonte: fanpage.it – Ti potrebbe interessare anche Zinbryta, l’Ema ritira dal mercato il farmaco: “Gravi danni al cervello. Già 3 i morti”

Author: IxR

Farmaco per la depressione la riduce così: “Mi ha bruciato la pelle” ultima modifica: 2018-07-12T11:00:27+00:00 da admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.