Rodrigo Duterte il dittatore comunista che bestemmia Dio

Duterte

Rodrigo Duterte (Filippine), bestemmia Dio ed è un dittatore. Sai che novità…

«È impressionante quanto le dittature si assomiglino terribilmente tra loro», ha scritto Francesco Agnoli nel suo Novecento.

Ti potrebbe interessare anche La tragica alternativa per gli atleti nordcoreani: o l’oro o il gulag

Il Secolo senza croce (Sugarco 2011). «Dai giacobini francesi ai bolscevichi russi, ai nazionalsocialisti tedeschi, ai maoisti cinesi e ai khmer rossi cambogiani. Troviamo sempre gli stessi elementi, analoghe idee fondanti, simili aberrazioni».

Non fa eccezione uno degli ultimi dittatori, l’attuale presidente comunista-antimperialista delle Filippine, Rodrigo Duterte.

Pochi giorni fa ha bestemmiato definendo il Dio cristiano uno “stupido” e ironizzando sulla creazione biblica.

Da sempre spietato anticlericale, ha come nemico principale la Chiesa cattolica che contrasta il suo metodo violento ed omicida contro la droga (si parla di oltre 1000 omicidi in pochi mesi), essendo il mandante di numerose esecuzioni sommarie.

Si è definito l’“Hitler delle Filippine”, paragonando la campagna contro la droga alla Shoah.

Raccontando di aver visto il volto di una missionaria australiana stuprata e uccisa, nel 2016 Duterte ha sghignazzato dicendo: «ero arrabbiato che fosse stata violentata, è stato proprio un peccato perché avrei dovuto avere il diritto di farlo prima io».

Il dittatore filippino ha annunciato la reintroduzione della pena di morte per impiccagione (la più economica), ha firmato una legge sull’aborto per contrastare la sovrappopolazione ed è un acceso sostenitore del mondo Lgbt e dei matrimoni omosessuali.

Anche questo non è una coincidenza: «Distruggere la famiglia, prima società naturale, è essenziale per le dittature», scrive ancora Agnoli, riferendosi ai regimi del ‘900 e ricordando che il primo Paese a legalizzare l’interruzione di gravidanza fu proprio l’Unione Sovietica.

Duterte ha anche minacciato la libertà di stampa, un’altra caratteristica delle dittature: «Solo perché sei un giornalista, non significa che tu sia esente dall’essere assassinato.

Non c’è alcuna libertà di espressione che tenga, quando fai uno sbaglio a qualcuno. La maggior parte di chi viene ucciso, in realtà, ha fatto qualcosa.Se sei un bravo cronista però, sei al sicuro».

All’origine delle dittature, ha scritto Agnoli riferendosi ai regimi del ‘900 -iniziato all’insegna del detto nietzschiano “Dio è morto”– «c’è un’idea di fondo: che la politica, il potere, possano risolvere qualsivoglia problema umano.

Che l’umanità possa redimersi, qui ed ora, integralmente. L’onnipotenza della politica, la svalutazione del singolo, la divinizzazione laicista dello Stato, guida, regolatore di valori, creatore di giustizia, sono all’origine di tutto.

In questo orizzonte puramente immanente, Dio è sempre messo in un angolo, negato» (p. 99).

E’ quello che fecero i dittatori atei, Mao in Cina, Pol Pot in Cambogia, Lenin in Russia, Tito in Jugoslavia, Ceaușescu in Romania, Castro a Cuba, Hoxha in Albania, Kim Jong-un in Corea del Nord ecc.

«Alla religione cristiana, fondata sulla Rivelazione e sull’esistenza di un Dio trascendente, che darà a tutti secondo i loro meriti», ha proseguito il saggista, «contrappongono una religione immanente, con il suo dio, lo Stato; la sua chiesa, il partito; il suo papa, il capo del partito; la sua ortodossia e le sue eresie; con il suo paradiso, la società comunista futura e il suo inferno, i gulag e la morte per i reprobi» (p. 41).

Il presidente filippino, fortunatamente, non è ancora paragonabile ai signori citati poco sopra ma, certamente, è sulla buona strada.

E’ impressionante rintracciare in lui le terribili costanti che hanno caratterizzato gli orrori del Novecento: «tutti – positivisti, terroristi russi, anarchici, futuristi, fascisti, nazisti, comunisti – promettono un mondo migliore, annunciano una nuova morale laica, la fine del monopolio della Chiesa, l’inizio di un uomo nuovo e della felicità prossima ventura.

Il Novecento, di conseguenza, diverrà il secolo della statolatria atea e del giuspositivismo assoluto» (p. 97). Fonte UCCR

Author: IxR

Rodrigo Duterte il dittatore comunista che bestemmia Dio ultima modifica: 2018-07-14T08:00:06+00:00 da admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.