Categorie
Politica

Massa, va in mostra il “Cristo Lgbt”: l’iconografia sacra si piega al diktat “arcobaleno”

Massa, 5 feb – Niente di nuovo sotto il sole: i paladini dell’”uguaglianza” sociale e di genere rispettano i diritti e le sensibilità ma solo della propria comunità “arcobaleno”.Sono in questi giorni in mostra a Massa le opere dell’artista Giuseppe Veneziano. Tali “espressioni artistiche” hanno in comune una particolarità: quella di avere come protagonista la figura di Gesù Cristo impegnato nelle più comuni attività quotidiane come mangiare in un fast food o mentre si fa un selfie.Fino a qui, niente di particolare: persino Madonna negli anni ottanta aveva abusato dell’iconografia cristiana per dare scandalo.

Un’immagine però ha dato particolarmente fastidio ad alcuni appartenenti alla comunità toscana: quella che ritrae il Messia, crocifisso, coperto da un paio di mutande leopardate marchiate “Dolce e Gabbana”. Sulla croce la simbolica scritta “Inri” sostituita dall’acronimo “Lgbt”, ovvero “lesbiche, gay, bisessuali e transgender”.“Per me gli uomini e le donne sono tutti uguali e a me non importa che orientamento sessuale hanno” queste le parole dell’artista sulla sua “opera”: “Mi aspetto critiche dalla Chiesa. Mentre dipingevo questo quadro sapevo che avrei fatto irritare qualcuno, ma l’arte non si può permettere di rappresentare solo tramonti o fiorellini». Questo commento si conforma perfettamente alla più diffusa tendenza dell’arte contemporanea, quella che fa dello scandalo e del gossip la propria ragion d’essere – “validi” sostituti al talento e all’originalità (che non sono necessariamente “tramonti” o “fiorellini”).

Ciò che fa riflettere è che questa mostra, he si tiene al Palazzo Ducale di Massa, è patrocinata dall’amministrazione pubblica nella persona del sindaco Francesco Persiani e dell’assessore alla cultura Eleonora Lama a dispetto dello pseudo-messaggio che potrebbe urtare le sensibilità di un pubblico tradizionale e legato ai valori del cristianesimo.E’ un vero peccato che tali iniziative – che oltre alle condivisibili reazioni sdegnate non ingenera, in realtà, alcuna effettiva riflessione sul potere temporale della Chiesa o simili argomenti – prendano magari il posto di altri eventi culturali molto più meritevoli di essere organizzati con i soldi e gli sforzi dei contribuenti.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

Author: Il Primato Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.