Pordenone, sgominata gang di richiedenti asilo: spacciavano eroina agli studenti

Pordenone, 13 mar – La Polizia di Stato è nel bel mezzo di una operazione a tappeto, fatta di arresti e perquisizioni nei confronti di una pericolosa gang criminale dedita allo spaccio dicocaina, eroina, hashish nella città friulana con particolare riferimento al centro cittadino. I provvedimenti restrittivi emessi sono tre e prevedono il carcere: tali misure sono state emanate nei confronti di due cittadini pakistani e un bengalese. Le simpatiche “risorse” intrappolate nella retata erano tutte richiedenti asilo. Due provvedimenti cautelari sono stati invece messi in atto nei confronti di un nigeriano e di una ragazza italiana. Centinaia sono gli episodi di spaccio in pieno giorno e la droga veniva venduta anche a ragazzi giovanissimi, che ancora frequentano la scuola.

Alcuni degli arrestati erano anche già noti alle forze dell’ordine per precedenti simili: tutti loro risultano essere disoccupati. I loro contatti, che gli permettevano di acquistare la droga che poi rivendevano ad adolescenti ed altri nei parchi cittadini, secondo le indagini erano suddivisi in due canali di “approvvigionamento” di varie sostanze, sarebbero stati a Mialno e Mestre. Decine di migliaia di euro sono i frutti dei loro sforzi congiunti, riusciti ad accumulare in pochi mesi. Il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato ha gestito le indagini che ha portato allo smascheramento dell’organizzazione criminale dei “richiedenti asilo”. Operativamente sono state eseguite dalla Squadra Mobile della Questura di Pordenone, con il prezioso aiuto degli uomini del Reparto Prevenzione Crimine di Padova, nonché delle unità cinofile della Polizia di Stato e dell’elicottero del X Reparto Volo di Venezia.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

Author: Il Primato Nazionale

Pordenone, sgominata gang di richiedenti asilo: spacciavano eroina agli studenti ultima modifica: 2019-03-14T08:00:52+01:00 da admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.