Coronavirus, a Milano la “solidarietà attiva” della brigata Lena-Modotti: “Portiamo spesa e farmaci ad anziani e persone non autosufficienti”


Author: Simone Bauducco Il Fatto Quotidiano

“La nostra è una solidarietà attiva: da un lato diamo una mano a chi non è autosufficiente, dall’altro critichiamo le contraddizioni di un sistema che fa pagare gli ultimi i costi di questa crisi sanitaria”. Dal 13 marzo, gli oltre cinquanta volontari della brigata Lena-Modotti consegnano alimenti e farmaci agli anziani e alle persone che devono affrontare la quarantena a Milano. Un’iniziativa nata dal collettivo Fuori Luogo e dal centro sociale Lambretta che ospita la base operativa della brigata dedicata alla memoria di due partigiane, in collaborazione con un progetto Emergency. Qui i volontari ricevono le richieste di aiuto dal centralino di della Ong, sanificano i propri vestiti e con i dispositivi di protezione partono per svolgere il servizio. Ma c’è di più: grazie alla solidarietà di alcune pizzerie della zona i ragazzi del centro sociale hanno distribuito cibo ai senzatetto della zona e hanno attivato da poco un servizio di ascolto psicologico per le persone sole.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, il governatore De Luca ‘chiude’ la Campania fino a dopo Pasqua: tutti i divieti prorogati al 14 aprile

next

Coronavirus, a Milano la “solidarietà attiva” della brigata Lena-Modotti: “Portiamo spesa e farmaci ad anziani e persone non autosufficienti” ultima modifica: 2020-03-26T09:30:35+01:00 da admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.