Categorie
Energia

Sostenibilità, la “lezione italiana” in Germania

Author: La Redazione Rinnovabili.it

In questa settimana la startup milanese Enersem, spinoff del Politecnico, presenta all’evento berlinese – come caso di studio internazionale in tema di efficienza energetica ed economia circolare – il progetto realizzato insieme alla storica azienda brianzola di tessuti, che negli stessi giorni si presenta alla prestigiosa fiera Techtextil di Francoforte. A riprova che, in fatto di sostenibilità, l’Italia può dire la sua davanti a una platea internazionale.

Ci sono, fra gli altri, la star internazionale Billie Eilish e il ministro tedesco delle Finanze Christian Lindner fra gli ospiti attesi al Greentech Festival di Berlino, fra il 22 e il 24 giugno 2022. E c’è anche Enersem, spin-off del Politecnico di Milano che, con il suo Ceo e fondatore Matteo Zanchi il 23 giugno espone, dal palco dedicato alle start-up, la sua collaborazione con la storica azienda Gavazzi Tessuti Tecnici S.p.A: un importante percorso in chiave di efficienza energetica ed economia circolare, grazie a un innovativo processo attivato insieme.

In concreto, l’attività di Enersem presso Gavazzi ha portato a ridurre i reflui del 70% e i consumi di gas del 25%, in un’ottica di economia circolare ed efficientamento energetico che guarda al presente, perché per il futuro non c’è più tempo. Il processo messo a punto dagli ingegneri di Enersem e dai responsabili di produzione di Gavazzi ha un obiettivo ambizioso, che ha già raggiunto alcuni dei suoi step (quelli che vengono raccontati a Berlino) e che prosegue anche in direzioni inizialmente non previste. 

Il senso è quello di innovare la produzione del settore tessile tecnico, sviluppando soluzioni in grado di ridurre in maniera significativa l’impatto ambientale, in termini di:

● minor consumo energetico (grazie al recupero termico e alla regolazione ottimale dei forni)

● minore produzione di rifiuti ( grazie al recupero delle resine)

● riutilizzo di acque di processo (grazie a un accurato procedimento di recupero liquidi).

Ed è con questo impegno concreto e concretizzato, peraltro, che in questi stessi giorni Gavazzi si presenta alla Techtextil di Francoforte (sempre in Germania, quindi). Si tratta di una delle fiere più importanti nel panorama mondiale per il tessile: un appuntamento biennale che, causa Covid, ha posticipato a oggi l’edizione del 2021.

Quando è cominciato questo percorso?

Tutto è partito nel 2018, quando Gavazzi doveva realizzare la Diagnosi Energetica per lo stabilimento di Calolziocorte e si è affidata a Enersem. Dopo questa prima collaborazione positiva, Enersem ha proposto a sua volta a Gavazzi di partecipare a un bando di Regione Lombardia che finanzia ricerca e innovazione nell’industria manifatturiera. Grazie a quel bando sono stati identificati alcuni interventi interessanti, complessi e fra loro collegati. 

Gavazzi intendeva ridurre l’impatto ambientale del processo produttivo di tessile tecnico nei vari stabilimenti dell’azienda, nello specifico quello di Arcore. La richiesta nasceva dall’esigenza di migliorare il profilo ambientale, per accrescere ulteriormente la competitività dell’azienda sul mercato, in particolare nei segmenti più sensibili alle tematiche ambientali, ad esempio i clienti internazionali di prodotti per l’edilizia e il settore eolico. 

La proposta si è inserita in un percorso più ampio di sostenibilità ambientale, che ha visto negli anni la realizzazione di diversi interventi di efficienza energetica e introduzione di fonti rinnovabili per l’energia – impianti fotovoltaici e solare termico nello stabilimento di Calolziocorte – e l’avvio recente di un percorso che porterà alla certificazione ambientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.