Microsoft Blue will be screen of death

Autore: Welcome to Fudzilla

Too much wicked weed in Seattle

Redmond’s management decisions seem to being made by a collection of student dope heads completely out of touch with reality.

We managed to get a transcript of one of their meetings about the next version of Windows which proves our point. Names have been changed to initials to protect the guilty.

A: Hey guys, guys, guys you know that um, blue screen of death thing, which everyone hassles us about. (assorted groans)
A: Well I just had a really, really cool idea….
B: How cool is it?
C: (Giggles) It is so cool that it could chill Ballmer out! (General giggles)
A: No, no, guys, guys… yeah you too Sandra… what we do is we name our next version of Windows, Windows Blue. Then everyone would think that Blue Screen was a good thing.
C: Or that it was always going to have a Blue Screen of Death.
B: Windows Blue (breathes in and slowly exhales) Yeah that is cool – redeeming.
C: So what should we put in Windows Blue?
A: Well I have been thinking, you know how most people use a desktop to do anything?
B: Unless they are using a tablet…
C: Or a mobile.
A: Well I think it would be really innovative if we got rid of the desktop function completely!
C: Hang on, hang on, I have something really important to say about that….. (loud burp) (hysterical laughter)
B: I want to add… (farts)
(more hysterical laughter)
A: Yeah right what do you reckon though?
C: About what?
A: No desktop on Windows Blue.
B: Well as you guys know I am in marketing… (General raspberries) Yeah, all right! I think it might be interesting to try and market windows as the first operating system that no one can actually use since Windows first came out.
C: OOOhhh now that is what I call thinking. Cool motto too – what about… “And now an operating system that the whole family can’t use: Windows Blue”
A: We could go for the consumer market with “not even your boss could force you to work on our desktop: Windows Blue.”
B: Anyone got any kit-kats? I am starving.

What is perhaps the most alarming is all this is pretty true. Almost every magazine in the US is claiming that Microsoft is going to kill of Windows 8 desktop mode in favour of something more like Metro.

Information Week said that Windows Blue tablet-centricism is so pervasive and the ability to modify Control Panel settings which allowed users to shift to the desktop side of the OS is likely to go.

The changes can certainly be justified in the name of convenience but they will also wean users off the more familiar Explorer environment by encouraging them to conduct more of their business in the tablet UI, the magazine wrote.

Extreme Tech added that if you had any lingering doubts about whether Microsoft was trying to kill off the Desktop, here’s confirmation.

They must be smoking something.

Cina: Ubuntu diventa il sistema operativo ufficiale

Autore: IlSoftware.it

Canonical gioca la carta cinese e comunica di aver stretto un accordo col governo di Pechino affinché Ubuntu possa diventare il sistema operativo ufficialmente supportato nell’immensa nazione asiatica. L’intesa è storica perché, col l’appoggio del governo cinese, Ubuntu sarà direttamente offerto ad una vastissima base di potenziali nuovi utenti: verrà sviluppata una speciale versione della distribuzione, già battezzata con l’appellativo Kylin.
Ubuntu Kylin, stando a quanto dichiarato dai portavoce di Canonical, sarà ben più di un’edizione del sistema operativo contenente, semplicemente, i language pack per il supporto delle lingue scritte e parlate sul territorio cinese: la distribuzione, infatti, si integrerà con alcuni popolari servizi di ricerca utilizzati dagli utenti cinesi (viene espressamente citato il supporto, nella Dash di Ubuntu, dei più popolari strumenti per il download di brani musicali).
Verranno poi aggiunte le mappe di Baidu (il principale motore di ricerca in lingua cinese), un famoso sito per lo shopping online (Taobao), il supporto dei sistemi di pagamento utilizzati dagli istituti di credito cinesi, informazioni sul traffico, sui mezzi pubblici, sui voli aerei e sui treni.
Il team di Canonical sta lavorando con gli autori di una popolare suite office cinese (WPS) in modo tale da gettare le basi per una rapida integrazione all’interno di Kylin.

La Cina vuole così discostarsi sempre più dalle multinazionali americane inducendo gli utenti ad allontanarsi da Microsoft Windows e passare, il più velocemente possibile, ad un sistema operativo supportato dal governo. Il Paese asiatico deve aver visto in Ubuntu un’importante leva per innovare, partendo da una piattaforma distribuita sotto forma di software libero (licenza GNU GPL) che, evidentemente, viene considerata molto promettente. Una valida base per l’adozione non solo sui sistemi desktop e notebook ma anche per la realizzazione di nuovi progetti in ambito “mobile”.

Difficile pensare ad Ubuntu come uno strumento che possa aiutare il governo cinese a controllare ancor più nel dettaglio il comportamento della popolazione, evidenziando attività contro il regime: la sua stessa natura di prodotto opensource permetterebbe la semplice individuazione di componenti sviluppati per monitorare gli utenti. Basti pensare al polverone sollevatosi dopo la decisione di Canonical di inserire uno strumento per la visualizzazione di informazioni commerciali (Richard Stallman contro Ubuntu: disinstallatelo!): immediatamente si è diffusa la notizia sul nome del pacchetto da disinstallare.

Anteprima di Windows Blue a giugno? Altre novità in vista

Autore: IlSoftware.it

Arrivano nuove informazioni su Windows Blue, il corposo pacchetto di aggiornamento per Windows 8 e Windows RT che avrà il compito di suscitare un maggior interesse nell’ultima versione del sistema operativo Microsoft.
Nelle ultime ore è arrivata una conferma ufficiale: Blue sarà presentato nella prossima edizione della conferenza “Build”, annualmente organizzata da Microsoft e riservata agli sviluppatori. È quindi altamente probabile che per il 26-28 giugno (sono i giorni in cui si terrà, a San Francisco, l’importante evento Microsoft) la società di Redmond conti di avere a disposizione una versione d’anteprima di Blue in stato piuttosto avanzato.

Certo è che Blue non verrà incontro a coloro che auspicavano l’introduzione di strumenti per “imbrigliare” la nuova interfaccia in stile Windows Metro: l’interfaccia “a piastrelle” è ormai un punto nodale della nuova filosofia Microsoft ed indietro non si torna più.

Ne è una testimonianza lampante l’introduzione di una finestra per la gestione file appositamente pensata per l’interfaccia portata al debutto con Windows 8: non sarà quindi più necessario accedere alla tradizionale interfaccia desktop per interagire con file e cartelle.

Tra le funzionalità inedite che sono state “avvistate” in Blue c’è anche “slide to shutdown“: essa permetterà di richiedere, con un semplice movimento delle dita, lo spegnimento rapido del sistema, a qualunque tipologia di device appartenga.

Infine, Windows Blue dovrebbe funzionare anche sui dispositivi dotati di schermi piccoli, di dimensioni inferiori ai 10 pixel: l’aggiornamento, infatti, consentirà di eseguire il sistema operativo anche con una risoluzione pari a 1.024×768 pixel.

ET deals: Stackable discounts on Alienware m14x gaming laptop

Autore: ExtremeTech

Since PCs no longer cost as much as a car, instead becoming commodities in many cases, we’ve seen prices on boutique machines drop from stratospheric to ground-level. In the case of Alienware, their purchase by Dell gave them the resources to bring the prices of their extraterrestrial machines down to levels us humans can afford.

The m14x r2 is definitely the bread & butter machine of Alienware’s lineup, if there is such a thing in a premium gaming PC. Take a smattering of gaming-worthy components, a plethora of ports, and a very-much Alienware designed chassis and you’ve got the m14x r2.

Alienware M14x r2 - keyboard backlighting

Customizable backlighting

The model on sale today foregoes the pricier Core i7 processor — which does little for gaming performance — and instead keeps costs down with a (still Ivy Bridge) Core i5-3210M dual-core chip. Keeping your fragging credibility intact is an Nvidia GeForce GT 650M GPU with 1GB of GDDR5 VRAM. It also supports Nvidia’s seamless graphics switching technology, Optimus, letting you use the Ivy Bridge chip’s HD 4000 integrated graphics for those times when 3D horsepower isn’t needed.

Taking this model a step above the previous sales we’ve seen, you also get 6GB of RAM and a 32GB mSATA SSD in addition to the 500GB, 7200 RPM hard drive. The load times and multi-tasking performance of this machine will be quite stellar and definitely better than the previous offers we’ve seen on the entry-level m14x r2 models.

The collection of standard features on this little beast has always impressed us, with goodies like a high capacity 8-cell battery, slot-loading DVD burner, HD webcam, Wireless-N, Bluetooth 4.0, Creative Sound Blaster HD 5.1 Audio, and more. You won’t be left wanting for connectivity either, with two USB 3.0 ports, one USB 2.0 that will charge a mobile device, mini DisplayPort, HDMI, VGA, and a card reader.

Wrapping up this power-packed machine is a 1 year warranty with standard on-site service, a nice upgrade we don’t see from other vendors. Normally this machine retails at $ 1074, but a $ 100 stackable coupon on top of $ 75 instant savings brings the price down to just $ 899 with free shipping.

Click here to start at Dell.com. Apply coupon code LDLK0B2PNL0$ 32 for total $ 175 instant savings. This deal ends April 1 or sooner.

AMD Radeon Sky, una nuova famiglia per il cloud gaming

Autore: Hardware Upgrade RSS

Altra importante novità proveniente dal Game Developer Conference 2013 di San
Francisco è quella che vede il debutto delle schede video AMD Radeon Sky Series.
Si tratta di soluzioni proposte dall’azienda americana per l’utilizzo in sistemi di cloud
gaming, cioè in quelle installazioni per le quali giochi di una certa potenza e
complessità vengono forniti via infrastruttura cloud ad utenti che accedono con
dispositivi molto diversi tra di loro.


amd_radeon_sky.jpg (78059 bytes)


Le schede Sky Series presentate da AMD sono al momento attuale 3. Il modello Radeon
Sky 900
è dotato di due GPU della famiglia Tahiti, per un totale di 3.584 stream
processors, montate su singolo PCB al pari di quanto adottato per la scheda Radeon HD 7990
anticipata al GDC. La dotazione di memoria video è pari a 6 Gbytes, divisi in due blocchi
da 3 Gbytes ciascuno per ogni GPU con frequenza di clock effettiva pari a 5 GHz.


Il modello Radeon Sky 700 integra 1792 stream processors ed è quindi
basato su GPU Tahiti,  nella medesima declinazione utilizzata per il modello Radeon
Sky 900 oltre che nella scheda Radeon HD 7950. In questo caso troviamo 6 Gbytes di memoria
video GDDR5 alla frequenza di clock di 5,5 GHz effettivi. A chiudere la famiglia la scheda
Radeon Sky 500, con GPU della famiglia Pitcairn dotata di 1280 stream
processors in abbinamento a 4 Gbytes di memoria GDDR5 con frequenza di clock effettiva
pari a 4.800 MHz.


Queste schede sono tutte dotate di sistema di raffreddamento passivo, in quanto sono
pensate per un utilizzo all’interno di un server rack per impieghi di cloud gaming. AMD
propone la famiglia Radeon Sky quale alternativa alle proposte NVIDIA Grid,
disponibili con modelli che ricalcano le caratteristiche tecniche delle soluzioni qui
proposte da AMD con modelli a singola GPU oppure con due GPU sullo stesso PCB.