Categorie
Politica

Io Apro, ecco cosa è successo ieri in piazza San Silvestro con Marsella (Video)

Il Primato Nazionale mensile in edicola
Roma, 13 apr – Io Apro, cosa è successo ieri in piazza San Silvestro durante la protesta? Come documentato nel dettaglio dai nostri inviati, il centro di Roma era blindato e le vie di accesso a Montecitorio chiuse per le migliaia di cittadini arrivati da ogni parte d’Italia alla manifestazione organizzata da Io Apro. Imprenditori, commercianti, ristoratori, proprietari di palestre messi in ginocchio da 14 mesi di restrizioni hanno bissato la protesta andata in scena martedì scorso per contestare le chiusure imposte dal governo. Alcuni media hanno parlato di “infiltrati” di CasaPound. La qual cosa sarebbe già di per sé piuttosto comica, perché chiunque ha il diritto di scendere in piazza per manifestare al fianco di chi vuole.

Io Apro, CasaPound: “Manifestazione pacifica, piazza esasperata”

Il consigliere municipale di Cpi, Luca Marsella, ha inoltre ribadito la totale estraneità di CasaPound agli scontri andati in scena nel pomeriggio. “Raccontate la verità”, hatwittato Marsella rivolgendosi a una certa stampa, “CasaPoundera sì in piazzama non a lanciare petardi o cercare lo scontro.Abbiamo chiesto alle forze dell’ordine di farci arrivare in piazzaMontecitorio. Ma non ci è stato consentito perché evidentemente anche il diritto a manifestare è stato abolito”.

Oggi, sulla propria pagina Facebook, il movimento delle tartarughe frecciate ribadisce di aver manifestato in modo del tutto pacifico al fianco dei ristoratori di Io Apro. “Testa a testa con la #polizia sì, ma per riottenere la piazza negata ai cittadini. Un atto di forza, pacifico ma determinato, che stava riuscendo a far arrivare tutti a #Montecitorio come da programma”, si legge sulla pagina di Cpi. “Anche il portavoce di #ioapro, appena arrivato in piazza, va da Luca Marsella – si legge ancora sulla pagina di CasaPound – e partecipa alla trattativa per garantire a tutti una manifestazione libera come ci si aspetterebbe in una Nazione che si dice costantemente ‘democratica’. Così purtroppo non è stato. Ore di attesa sotto la pioggia battente, spintoni e promesse non mantenute hanno esasperato la piazza”.

Su quanto accaduto ieri è bene dunque fare chiarezza. Al riguardo pubblichiamo allora il video di Alberto Palladino, giornalista che da anni realizza reportage anche per la nostra testata.

La Redazione

Video di Alberto Palladino


Author: Il Primato Nazionale

Categorie
Politica

Prima era fake news, vietato scriverlo…

Prima era “fake news”, e chi l’ha rivelata mesi fa è stato bollato di negazionista cospirazionista criminale, filo-Putin filo-cinese, omofobo, antisemita.

Adesso che è apparsa sul Daily Mail, e financo su Il Messaggero, possiamo riprenderla

Gli scienziati del Pentagono rivelano un microchip che rileva il COVID-19 nel tuo corpo PRIMA che tu mostri i sintomi

Gli scienziati dell’unità segreta del Pentagono stanno ricercando virus e sviluppando cure pandemiche. Lavorano presso la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) e altri laboratori del Pentagono

  • Le squadre della DARPA hanno visto COVID-19 infettare 1.271 marinai a bordo della USS Theodore Roosevelt mentre il virus si diffondeva incontrollato – In risposta hanno sviluppato un microchip per rilevare COVID asintomatico nel tentativo di prevenire un focolaio
  • Il chip, immerso in un gel, viene inserito sotto la pelle e attiva un sensore se COVID infetta il corpo
  • DARPA ha anche creato un filtro in grado di rimuovere il virus COVID dal sangue quando è collegato alla dialisi
  • Stanno lavorando a un vaccino che funzionerebbe contro tutti i coronavirus, anche quelli non ancora identificati

….

Un’altra invenzione del team di Hepburn è un filtro, che viene posizionato su una macchina per dialisi e rimuove il virus dal sangue.Il trattamento sperimentale di quattro giorni è stato somministrato al “Paziente 16”, il coniuge di un militare, che era in terapia intensiva con insufficienza d’organo e shock settico. “Lo fai passare e questo elimina il virus e rimette il sangue”, ha detto Hepburn. In pochi giorni, il paziente 16 si è ripreso completamente.

La FDA ha autorizzato il filtro per l’uso di emergenza ed è stato utilizzato per trattare quasi 300 pazienti in condizioni critiche.

Hanno nei loro laboratori tessuti di pazienti infettati dall’influenza spagnola 100 anni fa, e nel 2005 un team dell’ospedale Mount Sinai e dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sono riusciti a ricreare il virus (per usi ulteriori…)

Un altro scienziato, il dottor Kayvon Modjarrad, sta attualmente cercando di creare un vaccino contro tutti i coronavirus. “Questa non è fantascienza, questo è un fatto scientifico”, ha detto allo show.

“Abbiamo gli strumenti, abbiamo la tecnologia, per fare tutto questo adesso.”

Ha detto che l’obiettivo era quello di essere in grado di vaccinare le persone contro virus mortali che non sono stati nemmeno identificati.“Virus killer che non abbiamo visto o nemmeno immaginato, saremo protetti”, ha detto.

Fin qui Daily Mail.

Possiamo quindi smentire che sia Bill Gates a voler inserire microchip terapeutici: è direttamente il DARPA, l’ente di ricerca di nuove armi del Pentagono.

Bill e Melinda c’entrano, vale la pena di rievocare,con qualcosa di molto simile per scopo, segnalato dal MIT (Massachusetts Institute of Technology), nel 2019, con l’rmai storica immagine:

Il tatuaggio sottopelle: questo ha voluto Bill Gates

Memorizzazione delle informazioni mediche sotto la superficie della pelle

Coloranti specializzati, forniti insieme a un vaccino, potrebbero consentire l’archiviazione “sul paziente” della storia vaccinale.

I ricercatori hanno dimostrato che il loro nuovo colorante, costituito da nanocristalli chiamati punti quantici, può rimanere per almeno cinque anni sotto la pelle, dove emette luce nel vicino infrarosso che può essere rilevata da uno smartphone appositamente attrezzato.

I ricercatori hanno testato questa strategia di vaccinazione nei ratti, utilizzando cerotti a microaghi che hanno fornito i punti quantici insieme a un vaccino antipolio.Hanno scoperto che quei ratti hanno generato una risposta immunitaria simile alla risposta dei ratti che hanno ricevuto un tradizionale vaccino antipolio iniettato.

La ricerca è stata finanziata dalla Bill and Melinda Gates Foundation e dal Koch Institute Support (core) Grant del National Cancer Institute.

In pratica, “il paziente porta la propria cartella clinica sotto la propria pelle in modo minimamente invasivo ed elegante”. Malattie, vaccinazioni, eccetera.

Ma perché “solo” la propria situazione sanitaria? Perché non il proprio conto corrente, i suoi depositi, e prelievi che potranno essere fatti in digitale, quando finalmente sarà eliminato il contante e il salario sarà sostituito dal reddio universale di sopravvivenza? E perché non la sua fedina penale? O ancor più, il suo atteggiamento verso il dettato politico corretto, per esempio se ha manifestato sentimenti “omofoni, negazionisti, no-vax? Su segnalazione insindacabile di NewsGuard, di Open o di BUTAC?

Il sorridente e umanitario World Economic Forum ci indica un altro utilizzo prossimo:

Che cos’è un “passaporto vaccinale” e ne avrai bisogno la prossima volta che viaggi?

[…]] L’aspettativa è che con un vaccino alcuni aspetti della vita (sic) tornino alla normalità, soprattutto quando si tratta di viaggiare, aspetto che è stato particolarmente colpito.È qui che un “passaporto vaccinale” o una “certificazione di vaccinazione elettronica di conformità per i regolamenti sui valichi di frontiera” potrebbe diventare un documento di viaggio richiesto, per consentire l’attraversamento della frontiera senza interruzioni e l’armonizzazione delle diverse leggi nazionali.

[….] È importante sottolineare che il quadro dovrà essere armonizzato, quando si tratta di standard e casi d’uso per il certificato, da un organismo normativo come l’OMS per garantire che sostenga principi etici ed equi.

Qui,Arnaud Bernaert, Head of Shaping the Future of Health and Healthcare al World Economic Forum, spiega perché il quadro dell’OMS deve essere lo standard globale e quali sono i casi d’uso per la condivisione di dati su diagnostica e vaccini”

[….]

Qui mi fermo: se vi interessa leggetelo voi, anche la traduzione automatica va bene, per capire che il signor Bernaert – di cui ignoriamo chi e perché lo abbia scelto a dirigere per “Dare forma al futuro della salute e della sanità” – già parla come ministro di un governo mondiale vigente . E’ parte dell’Agenda 2030, quella che se riveli che esiste diventi cospirazioni sta, negazionista, no-vax, omofobo, antisemita segnalato da NewsGuard e da Open.

Nel 2030 in Usa solo il 9% dei lavoratori avrà un impiego a tempo pieno e permanente” Gli obbiettivi per il 2030 dettati dal World Economic Forum

Una sola precisazione all’immensa maggioranza che obbedisce, si ammassa per farsi vax e si copre con la mascherina, perché spera che una volta vaccinata e microchippata “tornerò a viaggiare”. Non voi. “Loro” torneranno a viaggiare. Quelli che hanno aerei privati o possono pagare 5 mila dollari un volo che oggi, grazie al turismo di massa, ne costa 500 A/R.

Il vostro futuro è quello descritto qui:

https://twitter.com/WCostituzione/status/1381052379710259206

Il 15/5/2025 #saròchippata nell’ex Macello di Via del Bove e tra un mesetto con 17 crediti tornerò alla #vitanormale di prima: potrò vedere sull’iPad la mostra sulle 76 varianti del COVID e un drone Amazon mi porterà i blatta-burgher. I #noChip non potranno farlo. pic.twitter.com/2NdNWAtJjq

— Sana Costituzione TerreLibere 🇹🇿🇸🇪🇧🇾🇮🇳🌈 (@WCostituzione) April 11, 2021

Sempreché sopravviviate a Pfizer, Astrazeneca o Moderna. Le vostre possibilità non sono poi tante. Specie se siete donne.



«In futuro si tratterà di trovare un modo per ridurre la popolazione. Inizieremo dal vecchio, perché non appena supera i 60-65 anni, l’uomo vive più a lungo di quanto produce e costa caro alla società. Poi i deboli e poi gli inutili che non portano nulla alla società perché ce ne saranno sempre di più, e soprattutto finalmente gli stupidi. Ce ne sbarazzeremo facendo credere loro che sia per il loro bene. Non saremo in grado di superare i test di intelligenza su milioni e milioni di persone, puoi immaginare! Troveremo qualcosa o lo causeremo, una pandemia che colpisce certe persone, una vera crisi economica o meno, un virus che colpirà il vecchio o il grande, non importa, i deboli soccomberanno, i timorosi e gli stupidi ci crederanno e chiederanno di essere curati. Avremo avuto cura di pianificare il trattamento, un trattamento che sarà la soluzione. La selezione degli idioti sarà così fatta da sola: andranno al macello da soli». [Jacques Attali, Il futuro della vita, 1981] (grazie a Giuseppe Angiuli).Questa è una fake news: Attali nonpuò aver detto davvero così…
Vaccini, a Potenza e Matera centinaia di persone in fila © ANSAVaccini, a Potenza e Matera centinaia di persone in fila © ANSA

Author: maurizioblondet.it

Categorie
Politica

No all’obbligo vaccinale per i sanitari, 1500 in piazza a Roma: “Manifestazione riuscita, è solo l’inizio”

La Redazione di ComeDonChisciotte.org riceve e pubblica il comunicato stampa del comitato Di Sana e Robusta Costituzione inerente la manifestazione svoltasi ieri in Piazza del Popolo:

Domenica 11 aprile si è tenuta a Roma la prima manifestazione del neocostituito comitato “Di Sana e Robusta Costituzione”.

Grazie ai 1500 presenti in piazza tra infermieri, medici, fisioterapisti, ostetriche, operatori socio sanitari, farmacisti e psicologi e cittadini comuni, siamo riusciti nell’intento di rendere manifesto il nostro dissenso verso il decreto che dispone l’obbligo di vaccinazione anti Covid per i sanitari.

Non potevamo scegliere una piazza migliore per una manifestazione che ha visto, finalmente come protagonista, il popolo. Il formato della manifestazione pensato per mobilitare, vocalizzandole, le passioni tristi, è perfettamente riuscito. L’obiettivo di condividere ansie, paure e condizionamenti per trasformarle in divertimento, aggregazione ed orgoglio di appartenenza ad una storia comune è stato raggiunto oltre le migliori aspettative.

Il Comitato approfitta del presente comunicato per ripudiare formalmente l’etichetta “NO VAX” ancora una volta utilizzata dal mainstream per screditare le ragioni del dissenso.

Il Comitato si sta organizzando e strutturando in tutta Italia, grazie alle sempre più numerose adesioni che ci giungono ora dopo ora. Faremo sentire la nostra voce e ci mobiliteremo di nuovo nelle prossime settimane.

Una storia nuova è in cammino.

Per info e adesioni, questo è il nostro canale telegram:

https://t.me/disanaerobustacostituzione

La Segreteria del Comitato Di Sana e Robusta Costituzione

Roma, lì 12 aprile 2021

Author: Come Don Chisciotte

Categorie
Politica

Covid, appello dei medici specialisti a Draghi: “Undici milioni di malati gravi lasciati indietro”

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 apr – Un appello concreto sebbene coi toni della disperazione quello dei medici specialisti a Draghi, attraverso il FOCE (Confederazione degli Oncologi, Cardiologi e Ematologi). Un report sconfortante che parla di undici milioni di italiani, malati, che causa pandemia da Covid o per meglio dire di una certa gestione del sistema Salute si sono ritrovati in grandi difficoltà e ora non hanno tempo da perdere.

Gli specialisti inviano a Draghi report su malati gravi

Secondo il rapporto inviato a Draghi, titolato “Stato della gestione delle patologie oncoematologiche e cardiologiche durante la pandemia da Covid in Italia”, sarebbero 160.000 i pazienti cardiologici, 150.000 pazienti e 70.000 oncoematologici in corso di trattamento attivo o trattati negli ultimi 6 mesi, che avrebbero già dovuto ricevere il vaccino per il Covid. Nella data del 20 marzo, però, appena il 7,3% dei pazienti oncologici erano stati vaccinati. Difficoltà che si va ad aggiungere a quelle che un malato grave ha già dovuto subire tra ritardi e complicazioni varie causa ruolo predominante del Covid su tutte le altre malattie, soprattuto a livello organizzativo.

Medici specialisti e il “Piano Marshall” per la Sanità

Il FOCE mette sul piatto un rapporto fatto di proposte pratiche, un “Piano Marshall” per il sistema sanitario. Come si legge nel rapporto consultabile online, in un passaggio ripreso anche da Repubblica, “tra marzo e dicembre 2020 ci sono stati 108.178 decessi in eccesso rispetto agli anni precedenti. Se il 69% è riconducibile a Covid, almeno il 31% è rappresentato da morti legate a patologie non Covid, soprattutto tempo-dipendenti, duvute alla mancata assistenza. Basti pensare che per le malattie cardiologiche la mortalità è raddoppiata. I motivi erano già stati analizzati in un precedente documento inviato lo scorso novembre all’allora Presidente del Consiglio Conte e al Ministro Speranza: ritardi o cancellazioni di interventi chirurgici cardiologici e per tumore dovuti all’affollamento delle terapie intensive; diminuzione degli accessi al pronto soccorso e alle unità di terapie intensive dei pazienti con infarto; 20-30% dei trattamenti oncologici ritardato, se non cancellato; arresto o forte rallentamento degli screening oncologici; quasi azzeramento dei controlli dei pazienti in follow up”.

Leggi anche: “Nuovo lockdown? Gli oncologi frenano: “Per malati di tumore è emergenza doppia”

“Un anno di emergenza, nessun intervento strutturale”

“È doveroso constatare che su questi aspetti dopo un anno di emergenza non è stato operato nessun intervento né strutturale, né organizzativo atto a ridurre queste criticità”, scrivono gli esperti. E ancora, per i pazienti oncologici: “Vengono diffusi dati allarmanti sulla tardività delle diagnosi e quindi l’osservazione di tumori sempre più avanzati. Inoltre, permane la segnalazione dell’eliminazione di oltre 2 milioni di esami di screening e soprattutto l’assenza di dati recenti sullo stato di recupero di questi esami, che sembra assolutamente carente su quasi tutto il territorio nazionale”. Una situazione insostenibile dopo mesi e mesi di investimenti in soluzioni anti-contagio talvolta risibili (come i banchi a rotelle) quella che stanno vivendo milioni di italiani malati gravi senza ombra di dubbio. L’emergenza per alcuni italiani è uno status quo da ben prima del Covid e oggi come allora non vanno lasciati indietro.

Ilaria Paoletti


Author: Il Primato Nazionale

Categorie
Politica

COME I MEDIA CI HANNO IPNOTIZZATO


Com'è possibile che un'intera popolazione abbia accettato un vaccino sperimentale? Ce lo spiega lo psicoterapeuta Marco Pacori