Categorie
Politica

Tesla vola e vale più di tutte le case automobilistiche mondiali !!!

Categorie
Politica

Phil Collins, l’ex moglie lo umilia così: “E’ alcolizzato, non si lava, e inoltre…”

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 ott – Phil Collins si “gode il tour con i Genesis”, mentre l’ex-moglie punta alla sua villa dal valore di 40 milioni di dollari. E, non contenta, si lascia andare pure ad affermazioni pubbliche umilianti per il cantante.

Phil Collins, l’ex moglie e gli attacchi personali

Si chiama Orianne Bates, ed è la terza ex moglie di Phil Collins. La donna, come riporta Tgcom24, è “sul piede di guerra”, dal momento che i suoi legali “hanno infatti rivendicato metà della lussuosa villa di Miami, dal valore di 40 milioni di dollari. L’ex signora Collins lo ha inoltre accusato di essere un ubriacone, dipendente dagli antidolorifici e con una pessima igiene personale.” I dettagli di questo ultimo particolare superano poi ampiamente il grottesco: “La puzza era diventata così forte da farlo vivere come un eremita, rifiutando qualsiasi contatto umano”.

L’umiliazione gratuita di Collins

La scarsa igiene personale di Collins sarebbe stato uno dei “fattori che l’hanno quindi costretta a prendere le distanze da lui e mettere definitavemente una pietra sopra il loro rapporto” secondo quanto riporta ancora Tgcom.

La Bates non si è accontentata di accusare l’ex marito di non lavarsi, ma è andata oltre, raccontando presunti dettagli su dipendenze da antidolorifici e impotenza sessuale: “A quanto dichiara la donna nelle carte bollate a partire dal 2017 Collins iniziò a bere in modo massiccio e ad abusare degli antidolorifici, cadendo in un pericoloso vortice di alcolismo e dipendenza. A questo si accompagnò anche un peggioramento della sua igiene personale, che lo portò a non farsi la doccia e non lavarsi i denti per mesi. L’ex moglie lo ha inoltre descritto come “depresso, aggressivo e incapace di fare sesso”.”

Alberto Celletti

Author: Il Primato Nazionale

Categorie
Politica

Canada: polizia speciale per far rispettare gli obblighi Covid

Il compito affidato questo gruppo è gestire le segnalazioni di inadempienza all’obbligo delle mascherine e e vaccinali da parte delle imprese o del pubblico.

Anthony Murdoch – LifeSiteNews – 13 ottobre 2021

Saskatchewan, Canada – Il Ministero della Salute della provincia canadese del Saskatchewan sta creando un “Covid Enforcement Team (CET)” composto da poliziotti in pensione per aiutare a far rispettare i draconiani passaporti vaccinali e gli obblighi di mascherina.

Secondo il Dr. Johnmark Opondo, un ufficiale medico sanitario dell’Autorità Sanitaria del Saskatchewan (SHA), il CET è “un gruppo di poliziotti in pensione che ci assisterà veramente, in particolare dove siamo a corto di ispettori di sanità pubblica”.

Opondo ha condiviso la creazione del CET durante un [evento] di carattere sanitario tenutosi il 7 ottobre presso il municipio.

“Il lavoro che questo gruppo farà è davvero la disciplina delle denunce di non conformità all’[uso] delle mascherine, la regolamentazione delle prove sulle denunce di non conformità delle vaccinazioni da parte delle imprese o del pubblico”, ha detto Opondo.

In una presentazione ai medici intitolata “Offensive Strategy”, Opondo ha condiviso informazioni dettagliate sul fatto che i poliziotti in pensione che formano il CET riceveranno uno “status speciale di agente” per perseguire coloro che violano le regole COVID della provincia.

Secondo Opondo, il CET sarà responsabile dell’applicazione degli obblighi di mascherina all’interno [dei luoghi pubblici] insieme alla “prova della non conformità della vaccinazione per le imprese che non sono specificamente normate”, come le palestre.

Opondo ha detto che ci vorranno da una a due settimane prima che i funzionari del CET scendano in strada per far rispettare le regole, che ha detto essere “l’altra grande area” di applicazione della sanità pubblica.

Ha anche detto che il gruppo ha sviluppato un “Non-Compliance Reporting From” (modulo di mancata conformità), che in realtà è una linea di spionaggio COVID.

La linea di spionaggio permette di segnalare varie violazioni “COVID”, sia da parte di una persona che di un’azienda.

“Sito di isolamento” in sviluppo

Opondo ha detto durante la sua presentazione che lo SHA sta allestendo un “Sito di isolamento sicuro” nell’ospedale di North Battleford che sarà operativo entro “una o tre settimane da ora”.

Quando saranno pronti per ricevere gli utenti, lavoreremo nello stesso modo in cui abbiamo fatto durante la terza ondata, dove gli ispettori della sanità pubblica e la polizia, una volta che l’ufficiale medico sanitario ha firmato un modulo per l’isolamento sicuro, saranno coinvolti nell’assistenza al trasporto e nello spostamento delle persone nel sito di isolamento sicuro“, ha detto Opondo.

Lo stesso sito è stato usato in precedenza, all’inizio del 2021, come luogo in cui costringere a rimanere coloro che non rispettavano gli ordini di isolamento.

Il Premier del Saskatchewan Scott Moe, annunciando un passaporto vaccinale a settembre, ha detto che “come governo, siamo stati molto pazienti. Forse troppo pazienti” con le persone che hanno scelto di non sottoporsi ai vaccini sperimentali.

L’amministrazione di Moe ha recentemente messo in atto poteri di emergenza di tipo orwelliano, in nome della lotta contro la COVID, che permettono ai funzionari di detenere o rimuovere persone senza un’ordinanza e, a volontà, di sequestrare proprietà personali.

Un avvocato dice che la forza di polizia COVID del Saskatchewan costituisce un abuso di potere

Andre Memauri, un avvocato del Justice Centre for Constitutional Freedoms (JCCF), ha detto a LifeSiteNews che è “molto preoccupante” vedere il SHA creare un “Covid Enforcement Team per far rispettare i loro obblighi“.

Non sarebbe mai stato immaginabile che una “forza speciale” venisse creata per detenere cittadini del Saskatchewan in un “sito di isolamento sicuro” contro la loro volontà“, ha detto Memauri.

L’Autorità Sanitaria del Saskatchewan ha abusato ripetutamente della sua autorità in nome della COVID. Nel marzo 2020, ha vergognosamente cancellato i servizi religiosi drive-in in cui i partecipanti prevedevano di rimanere nelle loro auto parcheggiate, ben separate, con i finestrini abbassati, nonostante l’insoddisfazione dello stesso premier“.

Memauri ha detto a LifeSiteNews che i diritti delle persone sono “suscettibili” di essere “ulteriormente violati quando un’entità che ha esercitato un’autorità dittatoriale aggira le legittime forze dell’ordine con meccanismi di supervisione e assume una propria squadra d’azione“.

“[C’è] Poco o [niente da dire], nessun sistema di supervisione è presentato per incentivare la fiducia del pubblico in tali piani, in aggiunta all’isteria pubblica e facendo sì che molti elettori del Sask Party abbiano dubbi sul ‘Saskatchewan Advantage’“, ha proseguito Memauri.

Personale di polizia respinge gli obblighi COVID

Il gruppo Police on Guard for Thee, composto da poliziotti in servizio attivo e in pensione, con membri in tutto il Canada, si oppone agli “ordini incostituzionali in materia di sanità pubblica”.

Recentemente, un ufficiale di polizia in pensione identificato come “Clay” ha parlato in occasione di una manifestazione contro l’obbligo di vaccinazione a Calgary, Alberta, dicendo: “Il nostro numero sta crescendo ogni giorno, a passi da gigante, ed è in collegamento con il personale in servizio attivo“.

Non si tratta più di pensionati, ma [anche] di poliziotti in servizio attivo che escono allo scoperto e dicono che questo è sbagliato. Ho letto il documento costitutivo molte volte, e non ho mai visto da nessuna parte di esso, dove si dice che il governo sa cosa è meglio per il mio corpo“, ha detto Clay.

Infatti, il sindacato che rappresenta la forza di polizia nazionale del Canada, la Royal Canadian Mounted Police (RCMP), recentemente ha detto che sospenderà gli agenti che decidono di non fare il vaccino COVID-19.

Come è ormai ampiamente noto, le persone cui sono stati somministrati i vaccini sperimentali COVID-19 possono ancora contrarre e diffondere la malattia. Gli studi sul vaccino COVID non hanno mai prodotto prove che i vaccini fermino l’infezione o la trasmissione. Non affermano neppure di ridurre l’ospedalizzazione, ma la misura del successo è nella prevenzione dei sintomi gravi della COVID-19.

Il Dr. Peter McCullough, MD, un eminente internista e cardiologo degli Stati Uniti, ha recentemente affermato che, contro la COVID-19, “[Per] le persone sotto i 50 anni che fondamentalmente non hanno rischi per la salute, non c’è alcun razionale scientifico per loro di farsi vaccinare“.

Ha anche detto che coloro che contraggono la COVID hanno “un’immunità completa e durevole. E (questo è) un principio molto importante: completa e durevole. Non si può battere l’immunità naturale“.

Inoltre, alcuni esperti hanno detto che è meno pericoloso per i bambini avere la COVID, che l’influenza normale.

I vaccini contro la COVID-19, approvati per l’uso di emergenza in Canada, compresa la vaccinazione della Pfizer per i 12 anni e oltre, hanno tutte connessioni con cellule derivate da feti abortiti. Tutti e quattro sono stati anche associati a gravi effetti collaterali come coaguli di sangue, eruzioni cutanee, aborti e persino attacchi cardiaci in uomini giovani e sani.

Link: https://www.lifesitenews.com/news/canadian-province-creates-special-police-force-to-implement-draconian-covid-rules/?utm_source=top_news&utm_campaign=usa

Scelto e tradotto da NICKAL88 per comedonchisciotte.org

Author: Come Don Chisciotte

Categorie
Economia Politica

Nuove prospettive economiche per una rinascita della arti e dei mestieri • con Bill Mitchell

Arte e nuove prospettive economiche al Museo Ecologico di Milano

Categorie
Politica

Il Giuliano Castellino USA preso con le mani nel sacco. Ecco Ray Epps: il provocatore protetto dalla Fed che sembra aver guidato il primo attacco 1/6 al Campidoglio, il Parlamento americano.

Umberto Pascali

Sempre più simili le due grandi provocazioni: il 6 gennaio al Congresso di Washington, e il 9 ottobre alla sede della Cgil a Roma. Sempre più simili come modello di provocazione per criminalizzare la legittima rivolta popolare contro i piani dittatoriali in USA e Italia. Ray Epps, il Castellino USA, e’ stato usato per incitare all’assalto del Parlamento, la folla dei dimostranti adirati per la colossale frode elettorale nelle presidenziali del novembre 2020. Lo stesso Epps ha commesso atti di violenza e distruzione.
Anche così molti dei dimostranti avevano accusato Epps di essere al soldo delle agenzie statali. (Video) Nonostante il suo ruolo riconosciuto e documentato (vedi il filmato), Epps e’ stato cancellato (insieme ai suoi complici impuniti che hanno attuato l’assalto) dalla lista dei ricercati, e il ministro della giustizia di Biden, il corrotto Merrick Garland si rifiuta di commentare. La banda dei Clinton/Bush stanno conducendo un’indagine farsa al Congresso (dove hanno una lieve maggioranza) accusando i sostenitori di Trump di essere, in blocco, feroci insurrezionisti. I media sono stati scatenati per mostrificare i sostenitori di Trump. Non sta funzionando veramente, nonostante la determinazione isterica del partito democratico e dei media.
La stessa FBI e’ stata costretta ad abbandonare l’accusa di insurrezione dopo che vari dei suoi agenti e operatives sono stati denunciati come organizzatori e provocatori della “insurrezione”.
Perciò ne vedremo delle belle. Molti più nomi, fatti, prove verranno alla luce. Specie sulle complicità ad alto livello
Politico e di intelligence.

Ray Epps: il provocatore protetto dai Federali che sembra aver condotto il primo attacco 1/6 al Campidoglio degli Stati Uniti.

n un’udienza alla Camera, il rappresentante Thomas Massie (R-KY) ha interrogato l’AG Merrick Garland su un uomo misterioso, Ray Epps, che ha ordinato ai manifestanti di entrare nel Campidoglio degli Stati Uniti il ​​5 gennaio, e che in seguito ha guidato la folla verso il Campidoglio a gennaio 6…. L’FBI ha cercato di proteggere la sua identità.

Leggete l’integrale qui.

Meet Ray Epps: The Fed-Protected Provocateur Who Appears To Have Led The Very First 1/6 Attack On The U.S. Capitol

Author: maurizioblondet.it