In Edicola sul Fatto Quotidiano del 5 Luglio: Altri soldi ai privati per l’“armonia dei bilanci”


Author: RQuotidiano Il Fatto Quotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

La spinta di Anthony Fauci alla ricerca pericolosa ha contribuito a creare la pandemia COVID-19? (ultima parte)

Gli americani hanno validi motivi per mettere in dubbio la leadership di Fauci nella risposta al COVID-19.

Di: Matthew Cullinan Hoffman Lunedì 15 giugno 2020

(1a parte) – (2a parte) – (3a parte) – (4a parte) – (5a parte) – (6a parte) – (7a parte)

La violazione della sicurezza in un laboratorio cinese ha portato alla pandemia di H1N1 nel 1977

Il peggior fiasco confermato nella storia della ricerca sui vaccini come risposta alle pandemie virali è stata la pandemia di H1N1 del 1977, che oggi la maggior parte dei ricercatori crede sia stata scatenata da uno dei laboratori incaricato di fare ricerche sul vaccino per una nuova influenza, che ha causato il panico nel 1976. La sequenza di eventi che ha portato alla pandemia è stata la commedia degli errori dei funzionari sanitari che è costata ai contribuenti milioni di dollari in ricerche non necessarie, ha ucciso decine di destinatari del vaccino e, infine, ha causato proprio il tipo di epidemia che la ricerca intendeva prevenire.

Il panico si diffuse negli Stati Uniti, quando un’epidemia di influenza dovuta al virus H1N1 (influenza suina) causò 13 ricoveri ospedalieri e un decesso a Fort Dix, New Jersey. L’epidemia fu bloccata a Fort Dix, ma suscitò timori nell’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Gerald Ford, che riteneva il virus potenzialmente pericoloso quanto il virus H1N1 del 1918, che aveva ucciso 50 milioni di persone in tutto il mondo. Ford decise quindi di accelerare la realizzazione di un vaccino che proteggesse la popolazione, con lo scopo dichiarato di vaccinare tutti gli americani.

Quando il vaccino fu pronto, l’influenza era già scomparsa, ma l’amministrazione Ford decise comunque di lanciare una campagna di vaccinazione nazionale. Quarantotto milioni di americani ricevettero il vaccino che, essendo stato fatto in fretta e furia con virus vivo, alla fine provocò la sindrome di Guillain-Barré (paralisi) in oltre 500 persone. In totale 25 persone morirono a causa della reazione e altri subirono danni permanenti.

Tuttavia, il costoso vaccino e i decessi associati non rappresentano la fine della storia. In risposta all’epidemia di H1N1, i laboratori di tutto il mondo hanno iniziato a sperimentare con le scorte esistenti di H1N1 che avevano conservato nei congelatori per decenni, dopo la scomparsa del virus A dell’influenza H1N1 20 anni prima. Improvvisamente, nel maggio 1977, il virus A dell’influenza H1N1 è ricomparso esattamente nella stessa forma di vent’anni prima, dimostrando in modo definitivo l’origine di laboratorio (probabilmente uno cinese), dove la malattia è ricomparsa per la prima volta.

Il virus H1N1 resuscitato ha poi travolto il mondo causando una pandemia ormai dimenticata, chiamata erroneamente “influenza russa”, che ha colpito soprattutto i bambini e, fortunatamente, sembra non aver avuto alcun effetto rilevabile sui tassi di mortalità influenzale stagionale. Il tentativo globale di indagare sull’H1N1 allo scopo di creare un vaccino per una pandemia inesistente aveva ora creato una vera pandemia, anche se i suoi effetti erano lievi.

Poco più di trent’anni dopo, il mondo avrebbe vissuto una farsa simile con l’emergere, ancora una volta, di un’epidemia di “influenza suina” H1N1, questa volta originatasi in Messico nel 2009. L’influenza, che tendeva a essere più letale per i non anziani, ha scatenato il panico in Messico e in tutto il mondo, con la pubblicazione quotidiana del numero dei decessi negli ospedali (tò, che novità, n.d.t.). Cominciò una corsa alla ricerca di un vaccino a costi esorbitanti, e la preoccupazione che la fretta potesse produrre un vaccino pericoloso, come nel 1976.

Tuttavia, man mano che l’influenza si diffondeva, è diventato chiaro che l’influenza suina del 2009 non era nel complesso molto più mortale dell’influenza stagionale, anche se si stima che abbia ucciso circa 12.000 americani durante la sua corsa iniziale, di cui l’87% aveva meno di 65 anni. La maggior parte dei ricoverati aveva condizioni preesistenti.

Quando il vaccino è stato introdotto alla fine del 2009, la pandemia si era già affievolita, e c’era poco interesse per il vaccino tra gli americani, nonostante i suggerimenti del dottor Anthony Fauci e di Barack Obama. Gli operatori sanitari dello stato di New York hanno protestato contro le regole che impongono loro di ricevere il vaccino, preoccupati che non fosse stato testato e che potesse creare effetti negativi sulla salute. Alla fine, più della metà del massiccio stock di vaccino H1N1 acquistato dal governo degli Stati Uniti è rimasto inutilizzato, e la maggior parte di quelle dosi – 71 milioni in totale – è stata semplicemente smaltita.

I critici dicono che la ricerca pericolosa non dà “alcun risultato” per combattere le malattie virali

Un esempio più recente dello stesso tipo di ricerca pericolosa si trova nel recente finanziamento da parte di Fauci di esperimenti sui virus dell’influenza aviaria per la creazione di futuri vaccini, che ha comportato la modifica del virus dell’influenza per renderlo trasmissibile all’uomo. Sebbene tale ricerca suscitasse opinioni contrastanti tra gli scienziati, e fosse stata vietata dall’amministrazione Obama nel 2014 dopo la documentazione di allarmanti violazioni della sicurezza, i funzionari sanitari avevano nuovamente approvato gli esperimenti e permesso il finanziamento del governo degli Stati Uniti, come riferito dalla rivista Science nel febbraio del 2019, seguita dal New York Times nel marzo del 2019. L’articolo del Times citava Fauci che difendeva la ricerca, scrivendo che la considerava una “buona decisione di far riprendere la ricerca”, e rilevando che il suo istituto aveva contribuito con più di 600.000 dollari.

Gli Istituti Nazionali di Sanità non sono stati l’unica organizzazione a finanziare la ricerca sui virus animali. L’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) ha istituito nel 2009 un programma chiamato “PREDICT” per tentare di studiare i virus animali e anticipare le possibili minacce di malattie negli esseri umani. Gli studi hanno riguardato lo stesso tipo di ricerca di “gain of function” condannata dai ricercatori e limitata dai funzionari sanitari statunitensi.

In particolare, USAID e PREDICT hanno anche sostenuto la ricerca presso il Wuhan Institute of Virology. Il programma PREDICT è stato annullato nel 2018, una mossa che è stata decretata dai sostenitori ma sostenuta da scienziati che hanno dubitato della sua efficacia e si sono preoccupati dei pericoli che ha creato.

Richard Ebright, che studia le malattie infettive alla Rutgers, ha dichiarato a Newsweek in aprile che, nonostante i benefici propagandati di tale ricerca promossa dal PREDICT, dopo dieci anni di esistenza il programma aveva avuto zero risultati positivi nella lotta contro le malattie.

“Il programma PREDICT non ha prodotto alcun risultato – assolutamente nessun risultato – utile per prevenire o combattere le epidemie”, ha detto Ebright. “Non ci sono informazioni da quel progetto che contribuiscano in alcun modo, forma o modalità ad affrontare l’epidemia in questione”. La ricerca non fornisce informazioni utili per lo sviluppo di farmaci antivirali. Non fornisce informazioni utili per lo sviluppo di vaccini.

L’ossessione per i vaccini piuttosto che la prevenzione delle malattie alla radice del problema?

Una ricerca così pericolosa è stata abbracciata e promossa da Fauci, Collins e dall’establishment sanitario americano, a causa di un orientamento generale verso la ricerca sui vaccini e i farmaci antivirali, piuttosto che i metodi più tradizionali per affrontare le epidemie di malattie infettive, tra cui la ricerca di contatti e la quarantena. Tali metodi, se eseguiti in modo rigoroso e all’inizio di una nuova epidemia, possono eliminare completamente una nuova malattia.

Fauci ha usato la sua vasta esperienza con l’HIV e l’AIDS come pretesto per affrontare tutte le malattie virali con la stessa strategia di ricerca di vaccini e trattamenti medici. Anche se dopo decenni non è stato sviluppato alcun vaccino per l’HIV, i trattamenti medici possono ora prolungare la durata della vita dei malati per molti decenni. Tuttavia, lo stesso successo non è stato riscontrato in molti casi di malattie infettive, in particolare nelle pandemie di tipo influenzale che colpiscono rapidamente le popolazioni, che sviluppano rapidamente una “immunità del gregge” alla malattia in questione.

Una rassegna delle recenti pandemie illustra il punto. Nella pandemia influenzale del 1957, un vaccino è stato sviluppato rapidamente, ma è stato solo parzialmente efficace e ha avuto uno scarso impatto sulla malattia. Nel 1958 il virus era semplicemente diventato parte dell’influenza stagionale. Anche la pandemia influenzale del 1968 non sembra essere stata influenzata in modo sostanziale dal vaccino sviluppato per contrastarla. Anche gli allarmi “influenza suina” del 1976 e del 2009 hanno portato a una produzione frettolosa di vaccino, che ha avuto scarsi effetto benefici.

L’epidemia di SARS del 2002 è particolarmente esemplificativa. Nel 2004 è stato prodotto un vaccino per la malattia, che da allora ha letteralmente cessato di esistere perché la tradizionale ricerca di contatti e la quarantena l’aveva eliminata.

Il dottor Anthony Fauci ha ammesso da tempo che gli Stati Uniti non sono preparati ad un’epidemia pandemica. Tuttavia, invece di sostenere un sistema di test rapidi e di ricerca di contatti, che se applicato correttamente potrebbe salvare gli Stati Uniti da qualsiasi nuova epidemia di malattia contagiosa, ha spinto per ottenere sempre più denaro per la ricerca di vaccini, sperando che le nuove scoperte scientifiche eliminino in qualche modo la minaccia della malattia.

La disgraziata mentalità di Fauci è stata esposta in due diverse conferenze sulla preparazione alla pandemia nel 2017. In un incontro sul tema organizzata dalla Smithsonian Institution, Fauci ha tenuto una conferenza in cui ha ammesso che la produzione di vaccini arriva sempre troppo tardi per fermare le epidemie di influenza pandemica, e così ha sostenuto la necessità di un “vaccino universale” per prevenire tutte le forme di influenza (eccolo qua, n.d.t.). Fino ad allora, ha affermato Fauci, saremo impreparati ad affrontare pandemie influenzali globali.

In un’altra conferenza organizzata da Bill Gates lo stesso anno, Fauci ha continuato a perseguire il tema di un “vaccino universale” anche ammettendo che le “misure antiquate” di rintracciamento e contenimento dei contatti avevano eliminato la SARS nel 2002 senza un vaccino. Al momento dell’iniziale epidemia di COVID-19 negli Stati Uniti nel gennaio del 2020, Fauci e altri importanti sanitari statunitensi non erano ancora riusciti a creare un sistema di test e di ricerca dei contatti a risposta rapida, l’unico metodo noto per sopprimere efficacemente potenziali focolai di pandemia.

La spinta ossessiva per lo sviluppo di farmaci e vaccini attraverso la ricerca virale, piuttosto che ragionevoli misure preventive, può essere trovata alla fine alla base della pandemia COVID-19. Potrebbe aver portato non solo alla creazione e allo scatenarsi del nuovo coronavirus, ma anche a uno stato di impreparazione per quanto riguarda il contenimento.

Per quanto la ricerca virale possa essere utile in certi contesti, l’eccessiva attenzione del Dr. Fauci e del Dr. Collins per le pericolose funzionalità di “gain of function” della ricerca, nonché la mancanza di enfasi sul tradizionale controllo dell’epidemia, possono ora aver contribuito a creare la pandemia più distruttiva che il mondo abbia mai visto, dai tempi della pandemia influenzale del 1918. Ha spinto loro e altri leader sanitari nazionali in un pericoloso intreccio con la Cina e in una ingenua dipendenza dall’Organizzazione Mondiale della Sanità influenzata dalla Cina. La situazione attuale del mondo dopo la pandemia COVID-19 dovrebbe portare a una rigorosa ricerca della fonte dell’epidemia e, in ultima analisi, a una rivalutazione dello stato di controllo della pandemia e della scienza – o della sua mancanza – del controllo delle malattie pandemiche.

Fonte: https://www.lifesitenews.com/news/did-anthony-faucis-promotion-of-dangerous-research-help-create-the-covid-19-pandemic

Scelto e tradotto da Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

Author: Come Don Chisciotte

Ocean Viking, da domenica tamponi a bordo per i 180 migranti: lunedì il trasferimento sulla nave-quarantena


Author: F. Q. Il Fatto Quotidiano

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Tamponi per tutti i passeggeri, poi, lunedì 6 luglio, il trasferimento sulla nave Moby Zaza, quella cioè noleggiata per permettere la quarantena ai migranti in arrivo sulle coste italiane. È quanto trapela da fonti del Viminale in merito alla vicenda della Ocean Viking che da ieri è ferma a 16 miglia dalle coste della Sicilia, dopo che il comandante ha dichiarato lo stato di emergenza. L’imbarcazione è stato bloccata in acque internazionali per quasi una settimana con a bordo 180 migranti recuperati in diversi salvataggi, e che da giorni chiede un porto sicuro.

Oggi sulla nave della Ong Sos Méditerranée è salito un team medico italiano, un dottore e un mediatore culturale, per verificare le “precarie condizioni delle persone salvate” denunciate dall’Ong. Il personale salito a bordo, secondo fonti del ministero dell’Interno, ha però accertato “l’insussistenza di particolari criticità sanitarie ed ha altresì riferito che qualche tensione che si era registrata sulla nave è in via di superamento”.

In relazione alla richiesta di evacuazione medica, per motivi psicologici, di 46 migranti presenti sulla Ocean Viking, dal Viminale informano che è stato disposto il trasferimento sulla nave di un medico psicoterapeuta, accompagnato da un mediatore culturale, mediante le unità della Capitaneria di porto di Pozzallo.

L’ultimo caso della Ocean Viking, inizia il 25 giugno quando gli uomini e le donne a bordo della Ocean Viking avvistano un barchino in legno in difficoltà a largo di Lampedusa: al termine delle operazioni di soccorso, 51 persone vengono tratte in salvo. Un’ora dopo la nave intercetta un’altra barca, a 40 miglia a sud dell’isola delle Pelagie, salvando altre 67 persone e quattro giorni dopo, il 30 giugno, vengono recuperati altri 63 migranti che erano su due barche alla deriva in zona Sar maltese. In totale 180 persone tra cui 25 minori – 17 dei quali non accompagnati – e due donne, una delle quali incinta di cinque mesi. Il 29 giugno, c’è stata un’evacuazione medica di un migrante: un uomo portato a terra da una motovedetta della Guardia Costiera italiana. Poi il silenzio da parte delle autorità di Italia e Malta, con la nave di Sos Mediterranee che è rimasta in attesa di una risposta che non è ancora arrivata, nonostante le sette richieste di assegnazione del ‘Pos’, il porto sicuro dove sbarcare i sopravvissuti.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Toscana, tre focolai familiari tra Arezzo e Firenze: 18 contagi da coronavirus. Rossi firma ordinanza: “Positivi in alberghi sanitari”

next

Coronavirus, due maxi-focolai in impianti di lavorazione della carne in Brasile: oltre 1.000 contagiati nel Mato Grosso del Sud


Author: F. Q. Il Fatto Quotidiano

Due focolai in altrettanti impianti di lavorazione della carne hanno fatto registrare oltre mille contagi in Brasile, dove la pandemia di coronavirus continua ad affliggere la popolazione, con 42.223 casi e 1.290 vittime solo nelle ultime 24 ore. I numeri del maxi-focolaio sono emersi dopo che la direzione ha avviato test di massa per i dipendenti, come hanno poi spiegato le autorità dello stato del Mato Grosso del Sud.

Il cluster più importante è stato individuato in un impianto della Jbs, azienda che lavora carne suina, dove almeno 1.075 dipendenti erano risultati positivi al 1 luglio, pari al 30% delle persone testate, con 2.518 negativi e altri 541 in fase di analisi. Altri 85 contagi sono stati riscontrati, invece, in un impianto per la lavorazione del pollame della Brf, che conta 1.500 addetti.

Si tratta di due aziende molto importanti per l’economia brasiliana. La Jbs si presenta come la più grande azienda mondiale di lavorazione della carne, mentre la Brf è la prima del mondo per l’esportazione di carne avicola. Gli impianti colpiti si trovano entrambe a Dourados, epicentro dell’epidemia nel Mato Grosso del Sud. Le due società hanno chiuso temporaneamente altri impianti nello stato del Rio Grande del Sud a causa dell’epidemia di Covid-19.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Coronavirus, in Catalogna lockdown per 200mila persone. In Usa nuovo record di contagi giornalieri: oltre 57mila. Iran, stimati 18 milioni di casi

next