Categorie
Politica

Cagliari, molotov contro il Comando dell’Esercito: reazione contro le esercitazioni Nato?

Roma, 21 mag – Nella notte di venerdì, è stata lanciata una bomba molotov contro la sede del Comando dell’Esercito a Cagliari. L’ingresso dell’edificio è stato anche vandalizzato con della vernice rossa. Un raid di una ventina di persone a capo coperto che hanno “assaltato” la caserma dei militari.

Una molotov per colpire i militari

L’obbiettivo era l’edificio in via Torino che ospita la sede del Comando Militare dell’Esercito. La bottiglia incendiaria ne ha annerito le pareti e la vernice imbratto l’ingresso. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del Distaccamento porto e la polizia con gli specialisti della scientifica per occuparsi dei rilievi. Non si è registrato nessun ferito, ma sicuramente questa azione ha alzato il livello delle proteste anti-militariste.

Infatti, pur non essendoci al momento alcuna rivendicazione, l’atto sembra inserirsi all’interno delle polemiche innescate dalle esercitazioni Nato che dovrebbero verificarsi in questi giorni proprio in Sardegna. Sempre nella mattinata di ieri si era tenuta proprio in via Torino una manifestazione dei Cobas, assieme a Ubs, Liberu e A Foras contro l’invio di armi in Ucraina e l’uso delle basi militari dell’isola.

Le reazioni della politica

Non si sono fatte attendere le prime reazioni alla vicenda. Salvatore Deidda, deputato e capogruppo di Fdi, ha promesso di portare la questione in Parlamento: «I violenti dovrebbero essere isolati e fermati, non alimentati. Presenterò una interrogazione per chiedere chiarimenti al Governo se intende adottare le opportune iniziative a tutela delle nostre Forze Armate». Anche il Presidente della Regione, Christian Solinas, ha espresso la propria condanna in nome dell’intera Giunta Regionale, parlando di «Un gesto di violenza vile e odioso che offende l’intera Sardegna».

Mentre il Sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, ha così commentato: «Un gesto odioso e inutile, soprattutto perché gli uomini dell’esercito sono sempre vicini ai cittadini, specie nei momenti peggiori. Auspico che vengano prontamente individuati i responsabili». Sulla vicenda è intervenuto anche il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, che ha definito l’accaduto: «un gesto grave e vile che offende l’Esercito e la Difesa»

Michele Iozzino


Author: Il Primato Nazionale

Categorie
Politica

Lambrenedetto : sentite cosa mi è successo !!!


Per aiuti e sostenere Lambrenedetto Invia una donazione : IBAN: IT77 J030 6951 6401 0000 0004 258 Attenzione : non usiamo più paypal Potete aiutarci pure ricaricando la POSTEPAY (di Lorenzo Lambrughi) : 5333 1710 7961 7821
(codice fiscale LMBLNZ69B04E507J ) ⚫Potete visitare e iscrivervi al mio Patreon : https://www.patreon.com/lambrenedetto

Categorie
Politica

Franco Fracassi – “Ucraina: dal Donbass a Maidan” (Forme d’Onda – 19/05/2022)


Per comprendere l'attuale guerra in Ucraina andando oltre la martellante propaganda dell'informazione a senso unico, occorre conoscere ciò che è successo negli ultimi 8 anni: dalle proteste pilotate sfociate nelle rivolte violente di EuroMaidan a Kiev nel 2014, al conseguente colpo di Stato; dalla strage antirussa di Odessa, alla guerra nei territori del Donbass. Ne parliamo in questa puntata con il giornalista e scrittore Franco Fracassi, che ha da poco pubblicato il libro "Ucraina. Dal Donbass a Maidan. Cronache di una guerra annunciata". Andiamo anche più indietro nel tempo, alla ricerca delle radici della situazione attuale: scopriamo il ruolo della NATO e degli USA, il peso storico dell'ideologia nazista, la presenza di partiti neonazisti ai vertici della politica ucraina. Podcast originario su Spreaker: https://www.spreaker.com/user/formedondaradio/forme-d-onda-ucraina-dal-donbass-a-maidan

Categorie
Politica

DIEGO FUSARO: Diretta urgente! Vaiolo delle scimmie: la nuova emergenza neoliberale?

Categorie
Politica

Vaiolo delle scimmie, Bassetti torna alla carica: “Avremo migliaia di casi”

Roma, 20 mag — Tramontata quasi del tutto la visibilità e la sovraesposizione mediatica dettate dalla pandemia da coronavirus, i duri tempi di riflusso verso l’anonimato della professione scientifica e nel chiuso dei laboratori sembra spaventare molti di quei medici che nei passati mesi hanno colonizzato televisioni e agenzie di stampa: ed ecco così che il vaiolo delle scimmie, ormai arrivato anche in Italia, con i primi tre casi ufficialmente isolati all’Ospedale Spallanzani di Roma, diventa epicentro del nuovo interesse mediatico. I virologi da salotto non potevano esimersi dal dire la loro.

Bassetti si affretta a dire la sua

Apre le danze Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, il quale intervistato da Un giorno da pecora su Radio1 ha dichiarato: «Più che il Covid, oggi dobbiamo cercare di metterci in sicurezza dal vaiolo delle scimmie. È molto più leggero di quello degli uomini per quanto riguarda i sintomi, si trasmette anche attraverso respiro, ma solo se si sta molto vicini. Non vanno commessi gli errori del passato. Dobbiamo esser tutti uniti tra Paesi europei, scambiandoci informazioni e monitorando eventuali focolai. Nei prossimi giorni arriveremo a qualche migliaio di caso. Chi non ha fatto la vaccinazione contro il vaiolo non è coperto».

Il sensazionalismo tanto caro ai virologi star

Bassetti si focalizza proprio su quella che a suo dire è un surplus di attenzione per la problematica, su cui, nonostante sia nota e conosciuta da tempo, si discuterebbe solo ora, creando un effetto domino di sensazionalismo e preoccupazione. Dice il medico: «Sembra che i problemi infettivi stiano venendo fuori solo adesso, mentre sono sempre esistiti. Oggi è solo diversa l’attenzione mediatica, rispetto a quello che avveniva nell’epoca pre-Covid, e qualunque problema, anche piccolo, viene ingigantito dai media». E, va detto, l’infettivologo genovese non fa nulla per scardinare questo tipo di (morbosa) attenzione. «È come se di colpo si fosse scoperto che ci sono i tumori o le malattie cardiovascolari. Fino a due anni fa il mondo pensava che il libro delle malattie infettive fosse chiuso e questo è stato un grave errore». C’è da dire che suona piuttosto paradossale se andando a ritroso nel tempo ci si confronta con tutte quelle che sono state le dichiarazioni dei virologi in tempo di pandemia.

Il vaiolo delle scimmie, monkey pox, non colpisce solo le scimmie in realtà: contagia e infetta anche conigli, topi, scoiattoli. Il salto di specie e il contagio da animale a uomo è piuttosto raro e nemmeno particolarmente immediato, visto che origina da uno scambio o da un contatto tra fluidi corporei. Da uomo a uomo il contagio potrebbe divenire relativamente più semplice, non venendo cagionato solo dallo scambio di fluidi ma anche da una prolungata esposizione ‘faccia a faccia’ o dallo scambio di biancheria. Proprio sulle modalità di contagio, Bassetti spiega che «in Africa ci sono stati casi di trasmissione da scimmia all’uomo, laddove c’è stato un contatto ravvicinato, soprattutto tra chi vive nelle tribù».

Cluster di omosessuali

Inoltre, «Attraverso un contatto molto ravvicinato, può esserci un contagio interumano. È importante sottolineare che la maggioranza dei casi ad oggi riportati sono avvenuti all’interno di comunità chiuse, di cluster, fatte soprattutto da omosessuali che hanno avuto rapporti con altri uomini. È allora probabile che il contagio sia avvenuto durante o in prossimità di rapporti intimi sessuali». Siamo allora di fronte a un virus che adesso ha una trasmissione interumana in Europa, conclude Bassetti, «quindi non è più un problema del continente africano, che certamente ci deve interessare, ma è un problema a noi molto vicino. Quando un nuovo virus proveniente dal regno animale arriva negli uomini bisogna evitare che si verifichino molti casi, perché questo potrebbe voler dire, ovviamente, che esiste un rischio epidemico».

Cristina Gauri


Author: Il Primato Nazionale