TUTTO QUELLO CHE NON SAI SUL JEFTA, l’accordo commerciale Europa-Giappone che stiamo firmando.

Author: Claudio Messora ByoBlu – Il video blog di Claudio Messora

Il Ministro dello Sviluppo economico Luigi di Maio ha dato il via libera del Governo italiano alla firma del Jefta, l’accordo di partenariato economico fra Europa e Giappone, siglato dalla Commissione EU nel 2017, il più grande mai sottoscritto dall’Unione se si pensa che arriverà a coprire un volume commerciale pari a circa il doppio del CETA (qui l’approfondimento sul CETA realizzato da Byoblu).

Si è svolto a Roma, il 17 luglio alla Camera dei Deputati, il confronto fra parlamentari e associazioni “Accordo commerciale Europa-Giappone? No, grazie!”, evento promosso dal comitato Stop-TTIP con l’intento di promuovere il dialogo e una corretta informazione su un trattato di libero scambio che purtroppo, come altri ben noti, è rimasto segreto almeno fino al “furto” del documento compiuto da Greenpeace.

Byoblu ha effettuato le riprese di quell’evento e oggi ve le presenta: si parla di controlli e tutele sotto attacco, di OGM e sicurezza alimentare, della mancata trasparenza con cui vengono prese certe decisioni e del rischio democratico sempre in agguato nei trattati internazionali e nei meccanismi di risoluzione delle controversie.

Per Repubblica, 8 italiani su 10 non sanno riconoscere una bufala. Ma è vero, o è una bufala?


Dona oggi, resta libero domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/byoblu. Con altri mezzi: http://www.byoblu.com/sostienimi#comesidona
___
In questi giorni è stata diffusa l'ennesima fake news sulle fake news: una bufala sulle bufale. Repubblica ha titolato addirittura che l'82% degli italiani non sanno riconoscere una pagina Facebook di bufale, quando ci si imbattono. Da dove arriva questo dato? Ho approfondito la fonte per voi, e ho scoperto che…
___
LINK: – Qui la ricerca scaricabile in PDF: https://drive.google.com/open?id=1riFWfRY8HyCBecC4yrWebuGUjQf0Xdrh – L'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa: https://www.unisob.na.it/ – L'articolo di Repubblica: http://www.repubblica.it/tecnologia/2018/07/22/news/_l_82_per_cento_degli_italiani_non_sa_riconoscere_una_bufala_sul_web_-202297774/
___ Vieni a discuterne qui, siamo già a migliaia: http://www.byoblu.com/unisciti-alla-grande-comunita-byoblu-telegram

VACCINI: NESSUNA OFFESA DAL CODACONS PER RICCIARDI. LO DICE LA MAGISTRATURA – Carlo Rienzi

Author: Claudio Messora ByoBlu – Il video blog di Claudio Messora

In esclusiva su Byoblu il commento del Presidente del Codacons Carlo Rienzi: il tribunale gli ha dato ragione, riguardo alla sponsorizzazione delle iniziative di Gualtiero Ricciardi, presidente Istituto Superiore della Sanità, da parte delle case farmaceutiche Crucell, Glaxo Smith Kline, Pfizer e Sanofi Pasteur MSD.

L’antefatto: nel novembre 2016, in occasione di un convegno sui vaccini, il Codacons aveva diffuso un volantino dove riportava che “le iniziative” del Ricciardi “sarebbero” state sponsorizzate da varie case farmaceutiche produttrici di vaccini, mentre era a capo dell’ISS come Commissario straordinario.

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità aveva allora denunciato Carlo Rienzi e Nicola Basilico per aver leso il suo onore e la sua reputazione, in quanto sarebbe stato affermato che “egli stesso” era sponsorizzato dalle case farmaceutiche. Ora, la sentenza n.1231/18 del Tribunale di Roma, emessa in data 13 giugno, ha dichiarato il non luogo a procedere, perché “il fatto non sussiste”.

Nelle motivazioni della sentenza si legge che “emerge dagli atti che, almeno alla data del 28.5.2013, il Ricciardi aveva effettivamente svolto consulenze per diverse case farmaceutiche anche produttrici di vaccini”e, si aggiunge, “che le varie iniziative (e non il Ricciardi) siano state sponsorizzate dalle case farmaceutiche produttrici di vaccini, vi è prova in atti: vi sono i contratti con i quali le case farmaceutiche hanno sponsorizzato i Progetti di cui si parla nel volantino, stipulati con l’Università Cattolica del Sacro Cuore o le dichiarazioni dei legali rappresentanti delle case farmaceutiche che confermano il dato”.

Nella sostanza, il Giudice per l’Udienza Preliminare Giulia Proto ha rigettato la richiesta di Ricciardi in quanto mal formulata: mentre il volantino di Rienzi sosteneva infatti che sarebbero state “le iniziative” di Ricciardi ad essere state sponsorizzate dalle case farmaceutiche (fatto acclarato), la denuncia è stata presentata sul fatto che “il Ricciardi stesso” sarebbe stato sponsorizzato dalle case farmaceutiche. “Non vi è dunque alcuna offesa al Ricciardi”, si legge nella sentenza, “dal momento che nello scritto incriminato non si legge quanto riportato nell’imputazione, riferensodi invece, la sponsorizzazione, alle iniziative ivi indicate, circostanza oggettivamente dimostrata“.

Dunque le iniziative di Ricciardi sono state sponsorizzate dalle case farmaceutiche produttrici di vaccini e Ricciardi è in una posizione tale da avere un’influenza determinante nelle decisioni sulle politiche vaccinali. La magistratura non lo dice, ma lasciamo ai lettori decidere se questo configuri o meno un conflitto d’interessi.

VACCINI: NESSUNA OFFESA DAL CODACONS PER RICCIARDI. LO DICE LA MAGISTRATURA – Carlo Rienzi


Dona oggi, resta libero domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/byoblu. Con altri mezzi: http://www.byoblu.com/sostienimi#comesidona
___
In esclusiva su Byoblu il commento del Presidente del Codacons Carlo Rienzi: il tribunale gli ha dato ragione, riguardo alla sponsorizzazione delle iniziative di Gualtiero Ricciardi, presidente Istituto Superiore della Sanità, da parte delle case farmaceutiche Crucell, Glaxo Smith Kline, Pfizer e Sanofi Pasteur MSD. L’antefatto: nel novembre 2016, in occasione di un convegno sui vaccini, il Codacons aveva diffuso un volantino dove riportava che "le iniziative" del Ricciardi "sarebbero" state sponsorizzate da varie case farmaceutiche produttrici di vaccini, mentre era a capo dell’ISS come Commissario straordinario. Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità aveva allora denunciato Carlo Rienzi e Nicola Basilico per aver leso il suo onore e la sua reputazione, in quanto sarebbe stato affermato che "egli stesso" era sponsorizzato dalle case farmaceutiche. Ora, la sentenza n.1231/18 del Tribunale di Roma, emessa in data 13 giugno, ha dichiarato il non luogo a procedere, perché “il fatto non sussiste”. Nelle motivazioni della sentenza si legge che “emerge dagli atti che, almeno alla data del 28.5.2013, il Ricciardi aveva effettivamente svolto consulenze per diverse case farmaceutiche anche produttrici di vaccini”e, si aggiunge, “che le varie iniziative (e non il Ricciardi) siano state sponsorizzate dalle case farmaceutiche produttrici di vaccini, vi è prova in atti: vi sono i contratti con i quali le case farmaceutiche hanno sponsorizzato i Progetti di cui si parla nel volantino, stipulati con l’Università Cattolica del Sacro Cuore o le dichiarazioni dei legali rappresentanti delle case farmaceutiche che confermano il dato”. Nella sostanza, il Giudice per l'Udienza Preliminare Giulia Proto ha rigettato la richiesta di Ricciardi in quanto mal formulata: mentre il volantino di Rienzi sosteneva infatti che sarebbero state "le iniziative" di Ricciardi ad essere state sponsorizzate dalle case farmaceutiche (fatto acclarato), la denuncia è stata presentata sul fatto che "il Ricciardi stesso" sarebbe stato sponsorizzato dalle case farmaceutiche. "Non vi è dunque alcuna offesa al Ricciardi", si legge nella sentenza, "dal momento che nello scritto incriminato non si legge quanto riportato nell'imputazione, riferensodi invece, la sponsorizzazione, alle iniziative ivi indicate, circostanza oggettivamente dimostrata".
___ Vieni a discuterne qui, siamo già a migliaia: http://www.byoblu.com/unisciti-alla-grande-comunita-byoblu-telegram

VACCINI? SONO FARMACI: SERVE BUON SENSO – Giulio Tarro (allievo di Sabin e candidato al Nobel)


Dona oggi, resta libero domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/byoblu. Con altri mezzi: http://www.byoblu.com/sostienimi#comesidona
___
Chi meglio di Giulio Tarro, virologo di fama internazionale, allievo di Sabin – lo scopritore del vaccino anti polio – e candidato al Premio Nobel, nonché autore del libro "10 cose da sapere sui vaccini" può parlarci di virus, cancro, vaccini e del Decreto Lorenzin che ne stabilisce l'obbligatorietà? Il suo libro, "10 cose da sapere sui vaccini" (si può ordinare qui: https://amzn.to/2mfcyoO) è ricco di informazioni molto interessanti, soprattutto le considerazioni che si sviluppano nelle note a piè pagina, che spesso raccontano storie complementari e sorprendenti rispetto al testo principale del libro stesso. Per Byoblu, lo ha intervistato Eugenio Miccoli.
___ Vieni a discuterne qui, siamo già a migliaia: http://www.byoblu.com/unisciti-alla-grande-comunita-byoblu-telegram