Categorie
HardwareSoftware

Doom Vulkan Patch Released

Bethesda PR has sent over a quick note this morning that the long-awaited Vulkan patch for Doom is now available, allowing the game to be played with either the OpenGL or Vulkan rendering backends. With this release – and although the distinction is somewhat arbitrary – Doom has become the first performance-intensive game released to use Khronos’s new low-level API, and arguably the first game where the rendering path is being implemented for performance reasons rather than proof-of-concept reasons (as was the case with The Talos Principle).

Notably, id is not calling this a beta release, and the Vulkan rendering path is otherwise not hidden. In a full announcement from id’s Robert Duffy, id notes that via the Vulkan rendering path “we also anticipate some older GPUs will now be able to play the game at good framerates.” Though at the same time it should be mentioned that when it comes to older cards, id is specifically recommending against using Vulkan under Windows 7 with 2GB NVIDIA cards, which rules out some early Kepler cards.

The full FAQ for the patch release can be found over on Bethesda’s forums. Meanwhile the patch itself will be distributed as a Steam update, and gamers will want to be sure to grab the latest AMD or NVIDIA drivers for use with the game.

Autore: AnandTech

Categorie
Calcio

Ronaldo colpisce Adrien Silva in panchina (Video)

Cristiano Ronaldo colpisce in panchina il compagno Adrien Silva, la reazione è esilarante, ma il centrocampista lusitano si è fatto male davvero. La finale degli Europei è durata poco per CR7, costretto ad uscire a metà del primo tempo dopo uno scontro con Payet. Nonostante ciò, il Portogallo è riuscito a salire sul tetto d’Europa vincendo 1-0 dopo i supplementari e alla fine è stata festa grande per un’intera nazione.

Una volta uscito dal campo in lacrime, Ronaldo ha fatto il tifo per i suoi compagni per tutta la partita, andando anche oltre. Il centravanti del Real Madrid è come entrato in trance e in alcuni frangenti non si è nemmeno reso conto di dove fosse e cosa facesse.

prosegui la lettura

Ronaldo colpisce Adrien Silva in panchina (Video) pubblicato su Calcioblog.it 11 luglio 2016 17:21.

Autore: Calcioblog.it

Categorie
HardwareSoftware

Intel shrinks the IDF die


Opinion
 Don’t say who farted

Reports suggest that Intel will only have two so-called “keynote speeches” at its Developer Forum this year – one from CEO Brian Krzanich and the other with Data Centre manager Diane Bryant.

Intel used to be famed for the blizzard of “keynotes” that it thrust onto an unsuspecting and often disbelieving world.

But these days it doesn’t have very much to say at all and is expected to get us all excited about autonomous cars as part of its arrangement with BMW.

Autonomous cars are, of course, all the rage and so it gives Intel a subject to hang its IDF coat on while actually saying not very much at all.

Because the plain fact is that the market has moved away from Intel and like IBM in the past, being a giant behemoth doesn’t make it easy to adjust to a new world and a new set of market conditions.

It is getting harder and harder to excite anyone in the latest sophisticated set of switches although it’s true some people find switches to be really fascinating.

By switches we mean microprocessors. It’s only a kind of Mad Geek that’s interested in this sort of stuff. 

According to financial analysts Seeking Alpha, Intel isn’t even going to mention mobile phone devices at this IDF.

It probably wished it had never mentioned them before because this area is the Big Fail for Chipzilla.

Autore: Fudzilla.com – Home

Categorie
HardwareSoftware

Rise of the Tomb Raider async compute update boosts performance on AMD hardware

When we covered DirectX 12 performance a few months ago, we noted a distinct split between AMD and Nvidia. Specifically, AMD picked up substantially more performance from the new API compared with Nvidia, which typically lost DX12 benchmarks even if it won them under DirectX 11. (Note that this refers to Maxwell, which was still Nvidia’s flagship GPU family back then). The exception was Rise of the Tomb Raider, which ran faster on the GTX 980 Ti as compared to the Fury X in both DX11 and DX12.

Crystal Dynamics recently released a patch for RotTR and Overclockers3D put it through its paces. What they found suggested substantial gains for AMD’s Fury X in DX12, but relatively flat performance for Nvidia owners. At 1080p, the Fury X’s performance leapt 25%, from 64 FPS to 80 FPS — and while it still loses to the GTX 980 Ti at that resolution, by 4K, the Fury X is once again in the lead. Total DX11 vs. DX12 performance with the latest patch for both GPUs is shown below:

Check Overclockers3D for additional details on how the patch impacted performance at each resolution. This patch also added multi-GPU support, a vertical-sync toggle, 3D Stereo, and multi-monitor support as well. Asynchronous compute support was also prominently added, at least for AMD cards.

A shifting DX12 landscape

It’s interesting to see performance shifting so dramatically in a game that’s already been out for months. While different AMD GPUs may see different levels of improvement from these changes, a 25% uplift for the Fury X at 1080p suggests a huge gain for other cards as well.

These types of improvements are going to be game and GPU-dependent and they don’t always scale evenly between different GPUs from the same developer. When we tested the RX 480 last week, we benchmarked the GPU in Ashes of the Singularity with async compute enabled and disabled to gauge the impact of the feature. Cards like the RX 480 and R9 380 showed only a minimal performance difference between having asynchronous compute enabled versus disabled, while the R9 Nano still picked up a substantial speed boost (44 FPS with async disabled versus 50 enabled).

Still, this update is good news for AMD owners, who should be able to expect at least moderate performance improvements across the board — and it puts AMD back in the pole position against the GTX 980 Ti in 1440p and 4K in DX12. While that’s less valuable now with Pascal on the market, the 1080 and 1070 are both still shipping in limited quantities. 28nm GPU performance will remain extremely relevant for most of the market for a good while yet.

Autore: ExtremeTechExtremeTech

Categorie
Energia

Riforma tariffe elettriche non domestici: le ipotesi peggiori per il FV lo sono anche per le PMI

Un’analisi di Confartigianato mostra come, tra le ipotesi delineate nel dco sulla riforma della tariffa elettrica per i non domestici, quelle più penalizzanti per l’autoproduzione da rinnovabili – A e B1 – lo sarebbero anche per le imprese artigiane. Anche ANIE Energia e Italia Solare intervengono: meglio B3 o C.

Le ipotesi più radicali di riforma della tariffa elettrica degli utenti non domestici proposte dall’Autorità per l’Energia non taglierebbero solo le gambe a fotovoltaico, risparmio elettrico e cogenerazione: renderebbero anche più salata la bolletta per gran parte delle piccole e medie imprese.

A mostrarlo è un’analisi delle ipotesi proposte dall’Aeegsi svolta da Confartigianato. Per la micro e piccola impresa tipo dell’Indice Confartigianato nell’ipotesi più sfavorevole il costo dell’elettricità potrebbe salire di circa il 12%.

Anche ANIE Energia interviene su tema in un incontro con l’Autorità e, seppure per motivazioni diverse, concorda con Confartigianato: si scelga una delle due ipotesi che spostano in maniera minore i costi verso le parti fisse, le uniche che non comprometterebbero il mercato del fotovoltaico e delle altre tecnologie per risparmiare o autoprodurre elettricità (si veda analisi di QualEnergia.it). La stessa visione è di Italia Solare, che oggi pubblica la sua analisi sul dco (in allegato in basso).

Le 5 ipotesi

Come sappiamo, sono 5 le ipotesi di riforma delle tariffe dei non domestici proposte dall’Aeegsi in attuazione di quanto disposto dal Milleproroghe.

C’è l’ipotesi A, pienamente riflessiva della struttura tariffaria applicata ai servizi di rete; l’ipotesi B , in parte riflessiva della struttura attuale della tariffa di rete e in parte proporzionale all’energia elettrica prelevata, declinata in 3 versioni B1, B2 e B3 e l’ipotesi C (split) – che a differenza delle ipotesi A e B  prevede strutture differenziate per gli oneri derivanti degli incentivi alle fonti rinnovabili e gli altri oneri.

Per capire quali tra le ipotesi citate sono le più dannose per l’autoconsumo,  basta guardare al peso sul totale del costo in bolletta che ciascuna riserva alla parte variabile, cioè proporzionale all’energia prelevata: più questa quota è alta, maggiore è la convenienza a ridurre i prelievi dalla rete e, dunque, ad esempio, ad installare un impianto FV.

Attualmente il 92,89% dei costi dipende dalla quantità di energia consumata. L’ipotesi meno impattante per gli economics dell’autoproduzione è la B3 in cui la quota citata si ferma all’83,73%, seguita dalla C (73,74%) e dalla B2 (67,46%). L’ipotesi peggiore è invece la A, nella quale i prelievi di energia contano solamente per il 34,92% della spesa in bolletta.

A parità di consumi poi alcune proposte sono più favorevoli per gli utenti allacciati in alta e altissima tensione, altre per quelli in bassa e media: per gli utenti in alta e altissima tensione la tariffa più conveniente sarebbe la A, mentre per i clienti in bassa tensione le ipotesi migliori sarebbero la B3 e la C (vedi tabella).

I conti nelle diverse ipotesi poi cambiano a seconda di tipo di allaccio, potenza impegnata e consumi (si veda questa tabella).

L’analisi di Confartigianato

Per la micro e piccola impresa tipo dell’Indice Confartigianato, che presenta un rapporto tra consumo e potenza più basso della media – spiega in un intervento su Quotidiano Energia Enrico Quintavalle, responsabile Ufficio Studi Confartigianato – l’ipotesi A farebbe crescere i costi del 12,1%: “oltre il massimo del IV trimestre 2014, annullando di fatto l’effetto congiunto della riduzione del costo del ‘Taglia bollette’ e del ribasso del prezzo dell’elettricità.” Simile, spiega, sarebbe l’impatto della B1.

L’analisi della distribuzione del gettito degli oneri evidenzia che nella prima ipotesi la quota pagata dalle utenze in bassa tensione si alzerebbe di 10,9 punti percentuali, equivalente a 1,4 miliardi di euro su un gettito di 12,6 miliardi di euro, e nella seconda di 5,3 punti, che a parità di gettito vale circa 700 milioni di euro, ampliando ulteriormente il divario di costo unitario per oneri pagato da una bassa tensione rispetto ai grandi consumatori.

L’ipotesi B2, invece, “appare più neutrale per le imprese in bassa tensione”, mentre per Confartigianato risultano più favorevoli le rimanenti due ipotesi la B3 e la C.

La visione di ANIE Rinnovabili e di Italia Solare

B3 e C, per altri motivi, sono le ipotesi preferite anche dalle associazioni delle rinnovabili.

“Tra le opzioni presenti in consultazione – si legge in una nota diffusa da ANIE Rinnovabili dopo un incontro con l’Autorità – quella meno impattante sugli investimenti per l’autoproduzione da fonte rinnovabile e per l’efficienza energetica è la B3. Infatti si pone in continuità con la struttura tariffaria attualmente vigente, quindi dà maggiore stabilità al quadro regolatorio; inoltre potrebbe continuare a favorire la penetrazione delle tecnologie di decarbonizzazione, quindi generazione elettrica da fonti rinnovabili o da cogenerazione ad alto rendimento o mediante i sistemi di accumulo, tecnologia utile non solo ad ottimizzare l’impegno di potenza sulla rete elettrica, ma anche a favorire l’autoconsumo.”

“Tuttavia – prosegue la nota – l’opzione C risulta essere comunque accettabile, perché permetterebbe di tutelare anche gli investimenti già effettuati in efficienza energetica ed in autoconsumo.” L’associazione ritiene che le altre ipotesi (A, B1, B2) “non siano assolutamente in linea con lo sviluppo delle fonti rinnovabili, dell’efficienza energetica e dell’autoconsumo.”

Analoghe le conclusioni di Italia Solare (vedi anche documento in allegato), che alla preferenza per B3 e C aggiunge una proposta: “si ritiene che debba essere eliminata (o al più mantenuta solo nei casi e nei limiti in cui è preesistente) la componente fissa per punto di connessione, spostando il relativo peso sulla quota per impegno di potenza o a consumo, perché la componente fissa per punto di connessione costituisce una forma di prelievo svincolata completamente dalle scelte dell’utente e quindi in chiara contraddizione con i principi dell’Energy Union per i quali l’elemento chiave della transizione energetica è la responsabilizzazione del consumatore.”

Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari