Wind presenta la ricarica mobile dalle pagine di Facebook

Autore: IlSoftware.it

Nonostante il periodo difficile che Facebook ha dovuto affrontare (si calcolano perdite nette per 59 milioni di dollari nell’ultimo trimestre di attività), il social network fondato da Mark Zuckerberg viene considerato un’interessante opportunità anche dagli operatori telefonici “nostrani”. Lo sconfinato bacino d’utenza di Facebook attrae e le società di telecomunicazioni cercano di sfruttarlo per “fare business”: è il caso di Wind che, seguendo le orme di Vodafone, presenta quest’oggi un’applicazione che consente di ricaricare qualunque utenza mobile servendosi semplicemente di Facebook e di una carta di credito.
Si chiama “Ricarica Wind” l’applicazione Facebook (vedere questa pagina) che previa concessione di alcune autorizzazioni (l’applicazione, come indicato, avrà accesso al nome dell’utente, all’immagine del suo profilo, al suo identificativo, all’elenco degli amici ed a tutte le altre informazioni indicate come pubbliche), consente di ricaricare il telefonino di qualsiasi cliente della società. Non sarà più quindi necessario effettuare il login sull’area clienti di Wind: la ricarica potrà essere richiesta senza abbandonare le pagine del social network.

Grazie alla collaborazione con Vesta, Wind è il primo operatore italiano a ricevere il 100% di protezione contro le frodi per le transazioni di ricarica su Facebook. I dati relativi alle transazioni comunicati attraverso il social network sono elaborati e gestiti in completo outsourcing dalla piattaforma di pagamenti di Vesta conforme con la direttiva PCI e restano indipendenti da Facebook durante l’intero processo di ricarica“, si legge nel comunicato diramato dall’azienda diretta da Maximo Ibarra.

Un servizio simile era stato lanciato a novembre scorso da Vodafone proponendo, anche in quel caso, una speciale applicazione destinata agli utenti registrati su Facebook.

iPad Mini vs. Nexus 7 vs. Kindle Fire HD: How the biggest little tablets compare

Autore: ExtremeTech

The 7-inch tablets

Apple is the company that took tablets from a niche business device that no one cared about, to a to a world-changing kind of gadget. The iPad has been selling briskly for the last few years, but Cupertino has decided it was neglecting an important part of the tablet market — people that want a device that’s cheaper and easier to hold. Well, Apple certainly delivered on one of those counts.

The 7.9-inch iPad Mini is not the first small tablet to hit the market; in fact Amazon beat Apple by almost a year. Then there is the Nexus 7, which Google announced last summer. With this device category getting much more crowded, let’s see how the main players compare.

Hardware

The centerpiece of any tablet is the touchscreen, and Apple has a reputation for using some of the best panels out there. The iPad Mini has a somewhat disappointing, but expected resolution of 1024×768. This gives it noticeably lower pixel density than the Nexus 7 or Kindle Fire HD at 1280×720 and 1280×800 respectively.

A5Apple can make up some points by simply having higher image quality and more accurate colors, which is an area of concern with the Nexus 7 and Kindle. Both tend to look a little washed out, and the Nexus 7 suffers from some image ghosting.

The other thing to know about the different screens is that Apple is the only tablet maker that has chosen to stick with a 4:3 aspect ratio. Just like the full-size iPad, the Mini is a little more square than the competition, which are both 16:9 (like the HDTV in your living room). For a 10-inch tablet, 4:3 is a very good form factor. Just take a large 16:9 slate, hold it in portrait orientation, and see if it doesn’t feel incredibly ungainly.

The Nexus 7 and Kindle Fire HD both work very well as widescreen device because of their size. It’s actually almost the same ratio as a trade paperback book — great for reading. The iPad Mini’s wider design might be a tiny bit more awkward to hold in one hand, but it is incredibly light. The Mini is 0.68 pounds (308g). Compare that to 335 grams pounds for the Nexus, and 390 grams for the Fire HD 7.

Internally, the iPad Mini is a few generations behind the iPhone 5 or refreshed iPad 3. It runs on an Apple A5 ARM processor, which is dual-core and clocked somewhere around 1GHz. The Nexus 7 has a quad-core 1.3GHz Tegra 3 chip with a very powerful Nvidia GPU. The Kindle Fire HD has a capable, but aging OMAP 4460 at 1.2GHz per core. Google wins the spec race, for whatever that’s worth these days.

Google is still selling a version of the Nexus 7 with just 8GB of storage, but all indications are that this model is going away. A new 32GB model is expected to join the 16GB. Apple and Amazon are starting their small slates at 16GB, but Apple goes up to 64GB while Amazon stops at 32GB.

Software

One of these things is not like the others, and it’s the iPad Mini. While the Nexus 7 and Kindle Fire both run on Android, Apple has its iOS platform to push. There was a time when iOS was simple-looking because it was simple, but now there is a lot more behind the scenes. Now iOS looks simple in spite of the complexity that lurks beneath the surface. Still, the glossy layer of usability on top makes iOS a pleasant, but perhaps limiting experience. The upshot of Apple’s strict control of the platform is that iOS is stupid-fast.

N7 ETThe Nexus 7 runs stock, unmodified Android 4.1.2 Jelly Bean. It’s the best Android experience you can get, with no crapware apps, no foolish UI changes, and no waiting on updates. Android is much easier to use than it once was, but the learning curve can be a bit steeper than iOS. Stock Android gives the user more control and opportunities to customize the experience. The Nexus 7 is a fast device, but iOS will likely remain a touch smoother overall.

Amazon’s Kindle Fire HD, on the other hand, is running the most modified version of Android out there. Amazon has excised all the Google from Android, and transplanted in a combination of Bing and Amazon services. The Kindle Fire HD presents itself solely as a content consumption device. There are ads, suggested items, and the prevalent Kindle branding. The UI is a little on the sluggish side, and the removal of a conventional Android home screen is severely limiting.

Beyond the basic software loaded on these tablets, the third-party content and software ecosystem is also a big deal. By going with a 1024×768 screen, Apple has ensured that all the iOS apps built for the iPad 1 and 2 will work on the iPad Mini with no modifications. That’s a huge app ecosystem right out of the gate, and Apple has all the video and music you could want.

Kindle Fire HDGoogle has the Play Store tied into the Nexus 7 and it’s got some great apps these days. The use of a Tegra 3 chip also allows access to the best Tegra-only games. There are fewer tablet-specific apps on Android, but Google is trying to encourage developers to fix that. Music and video are available in Google Play, but the selection is lacking.

The Kindle Fire HD lacks access to Google Play because it has no Google services, Instead, users get the Amazon Appstore. This is definitely the worst of the three app ecosystems. The Appstore has a small subset of Android apps, and developers often see delays getting updates through review. There is also a distinct lack of tablet apps in Amazon’s store. The selection of music and video on the Kindle Fire HD is on par with Apple, though.

Price

iPad Mini PriceThere were pundits predicting that Apple would price the iPad Mini starting at $ 299, which would be respectable. Some more reckless members of the media were floating $ 199; a price that would have eviscerated Google and Amazon. In the end, Cupertino went with a more Apple-like $ 329 for the 16GB WiFi tablet.

Google’s 8GB Nexus 7 is currently selling for $ 199, but I expect the 16GB to be dropped to that level after Google’s upcoming event. The new 32GB will probably come in at $ 249. Amazon is selling the 16GB Kindle Fire HD for $ 199, and the 32GB for $ 249. An LTE 16GB iPad Mini runs $ 459, but there are no LTE versions of the other tablets.

When the dust settles, Google and Amazon will likely have products that match each other on price, while Apple’s iPad Mini starts at $ 130 more. Apple is going the sell an unspeakable number of iPad Minis — it’s inevitable. However, it’s probably not going to destroy the market for cheaper Android tablets like it could have. This is going the be a new device for people that love iOS, backed by an already impressive software ecosystem.

Now read: The iPad Mini: Has Apple lost its way?

F1 2012 è la star del Red Bull Game Tour

Autore: Ultimi articoli e news per PC Windows | Multiplayer.it

F1 2012 è la star del Red Bull Game Tour
In palio un tour nel mondo dei motori Red Bull

Il Red Bull Game Tour è un torneo, incentrato su F1 2012, che si svolgerà durante tre appuntamenti. Il primo è Lucca Comics & Games, dall’1 al 4 Novembre, il secondo è la seconda edizione della Games Week di Milano, dal 9 all’11 Novembre, e la sessione conclusiva si terrà durante il Motor Show di Bologna, tra veri bolidi, dal 5 al 9 dicembre.

Per l’occasione Namco Bandai Partners Italia ha messo a disposizione 8 simulatori, ovviamente equipaggiati con F1 2012, che ospiteranno i partecipanti alla competizione. Per entrare in gara sarà sufficiente presentarsi agli stand Red Bull durante le date di Lucca e Bologna o a quello di Namco Bandai Partners Italia in occasione della Games Week.

La finale si terrà terrà il 9 Dicembre, dopo le ultime “selezioni”, sullo showfloor del Motorshow. Il vincitore del Red Bull Game Tour avrà la possibilità di fare un giro da copilota e di scoprire il motorsport targato Red Bull. I partecipanti otterranno anche una futuristica badge NFC che consentirà di connettere il giocatore al proprio profilo, con tanto di condivisione dei risultati in tempo reale.

Link: Red Bull Game Tour

Grillo: “70 giornali a rischio chiusura, buona notizia. Finanziati per raccontare balle”


Autore: Il Fatto Quotidiano

Settanta testate giornalistiche rischiano di chiudere? Per Beppe Grillo si tratta di una “buona notizia”. “Ogni tanto bisogna guardare il grande cielo azzurro e tirare il fiato”, scrive il fondatore del Movimento 5 Stelle sul suo blog in un post dal titolo Bye bye giornali. ”Finora – ricorda – sono stati finanziati dalle nostre tasse per raccontarci le loro balle virtuali”.

Poi cita Franco Siddi, segretario generale della Federazione Nazionale della Stampa che “è preoccupato per il pluralismo dell’informazione, ma soprattutto per i soldi. ‘Siamo a fine anno e non solo i finanziamenti pubblici all’editoria sono scesi da 114 milioni del 2011 a 60-70 del 2012. Ma non si riesce neanche a capire con esattezza quale sarà l’ammontare. Le imprese che stanno continuando a lavorare (?) stringendo i denti rischiano di arrivare a fine anno e scoprire che i fondi non saranno erogati. In quel caso l’unica strada sarà la chiusura’”. Poi il comico conclude: “Bye, bye giornali, è stato bello, anche grazie a voi, arrivare 61esimi al mondo per la libertà di informazione”.

Tra i commenti, per alcuni utenti “era ora che fosse applicata la dura legge del commercio anche alla stampa” perché “chi non vende fallisce e chiude come succede a qualsiasi attività privata”. Poi c’è chi spera che la stessa prospettiva negativa si applichi anche alla Rai e chi ricorda che dalla scomparsa delle testate “c’è solo da guadagnarci” in quanto “la vera informazione è su Internet”.  In più, scrive Jan g., se da Monti si riuscisse a ottenere “l’azzeramento dei finanziamenti ai giornalai di regime, sarebbe già una problema in meno di cui dovremmo occuparci una volta in parlamento”. La maggior parte degli utenti concorda con il comico genovese. E sono opinioni isolate quelle a favore della stampa, come quella di Andrea che scrive: “Caro Beppe, con rispetto parlando, questa volta hai toppato. Gioire per la chiusura di 70 giornali, anche volendo abbracciare la tua tesi secondo la quale i giornalisti sono tutti contro di te ed il tuo movimento (ed è una incredibile stronzata) è un gesto irresponsabile e miope”.

Incentivi auto a gas, partiti oggi e dureranno poco


Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Da questa mattina alle 9 è possibile prenotare gli incentivi per trasformare a gas o a GPL la propria vettura. Valgono 500 euro per ogni conversione a GPL e 650 euro per quelle a metano. Si esauriranno molto in fretta: la somma a disposizione potrà bastare per 4.500-5.500 mezzi.

Da questa mattina alle 9 è possibile prenotare gli incentivi per trasformare a gas o a GPL la propria vettura. Valgono 500 euro per ogni conversione a GPL e 650 euro per quelle a metano – per un totale di 3 milioni e mezzo di euro – previsti dal Ministero dello Sviluppo Economico come fondi residui dei finanziamenti già varati nel 2011. C’è dunque da sbrigarsi: una somma del genere potrà bastare per 4.500-5.500 mezzi.

La prenotazione dovrà essere fatta sul sito del Consorzio Ecogas, associazione cui il Ministero dello Sviluppo Economico ha affidato la gestione delle prenotazioni e il monitoraggio di questi contributi. Questa iniziativa, che utilizza i residui dei finanziamenti del 2011, permette di dare – come si legge nella nota di Ecogas – ”continuità a una politica di incentivazione dei carburanti gassosi meno inquinanti e costosi rispetto ai tradizionali che è iniziata nel 2006”.

Gli sgravi disposti per GPL e metano nel 2007 hanno comportato la conversione di circa 90mila auto, con un risparmio in termini di emissioni di CO2 pari a 180mila tonnellate. ”La somma messa a disposizione quest’anno per incentivare i carburanti gassosi potrà soddisfare solo poche richieste – ha dichiarato Rita Caroselli, direttore di Assogasliquidi, l’associazione di Federchimica che rappresenta il settore del GPL – Tuttavia, questa decisione del Ministero è un’ulteriore riprova che GPL e metano sono la migliore soluzione attualmente disponibile per dare un contributo significativo nella lotta all’ inquinamento atmosferico”.