Ces 2019, c’è anche il sesso: i gadget e le app hi-tech

Author: Marco Consoli Wired

IMG_3146a

Las Vegas – Basta un tocco per fare entrare una spogliarellista in casa propria. Naughty America ha mostrato al Ces la sua nuova app (non la trovate sugli store ufficiali però, che si tengono a distanza dal mondo del porno) per visualizzare una stripper con tanto di palo su tablet o smartphone: grazie alla realtà aumentata la ragazza inizia a dimenarsi come se si trovasse davanti ai propri occhi.

L’applicazione in realtà potrebbe funzionare in maniera più convincente e non sappiamo come apparirebbe indossando i Magic Leap o altri occhiali a realtà aumentata, ma l’azienda americana specializzata in contenuti pornografici, offre anche diverse applicazioni di realtà virtuale con cui vivere un amplesso dal punto di vista del maschio circondato di bellezze adoranti. Certo ci vuole un certo coraggio a sbarcare alla fiera dell’intrattenimento elettronico di questi tempi, e non soltanto perché il mondo del porno, come altre industrie, è stato messo alle strette dal movimento #metoo, ma anche perché il sesso non gode di grande considerazione da parte degli organizzatori della fiera.

IMG_3139

Da un paio di giorni qui non si fa che parlare di Osè, il sex toy femminile cui è stato dato prima un premio per l’innovazione nella categoria droni e robot (grazie al fatto che usa micro-robot per simulare il tocco di una bocca, una lingua e dita umane), poi revocato perché l’oggetto sarebbe stato giudicato immorale e inadatto ad entrare in quella categoria. Lora DiCarlo, fondatrice dell’azienda che lo produce, ha accusato la Consumer Technology Association, che organizza lo show, di discriminazione, soprattutto perché ha permesso che venisse presentato, nel padiglione di Endgadget, una bambola robotica chiamata Solana. E perché appunto da anni consente a Naughty America di presenziare col suo mini-ufficio (ben nascosto a dire il vero) in cui i contenuti di realtà virtuale sono assolutamente espliciti.

ohmibod-apple-watch

Il Ces in realtà non è sessuofobico come molti hanno scritto nelle ultime ore. Tra le aziende espositrici da nove anni c’è anche l’americana OhMiBod, che quest’anno ha presentato una app per Apple Watch che permette di collegarsi in bluetooth ai vibratori e di regolarne il ritmo in sintonia con la propria eccitazione sessuale, determinata dall’aumento del battito cardiaco. Alla fiera poi ha fatto la comparsa anche MysteryVibe, un dildo connesso per uomini che dovrebbe provocare una stimolazione senza precedenti e migliorare la performance a letto.

ose

Con l’arrivo di migliaia di espositori maschi da tutto il mondo, nella città del vizio anche i bordelli si sono adeguati: nel celebre Sheri’s Ranch (che è fuori Las Vegas, dove la prostituzione invece è vietata) quest’anno è stata inaugurata la sex tape room, una stanza con tecnologia a comando vocale in cui i clienti possono registrare il proprio filmino ricordo. Non sempre quel che succede a Las Vegas resta a Las Vegas.

Leggi anche

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

Potrebbe interessarti anche

Ces 2019, c’è anche il sesso: i gadget e le app hi-tech ultima modifica: 2019-01-12T03:50:03+00:00 da admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.