Categorie
Calcio

Foot – L1 – Monaco enfonce Reims qui finit encore à dix

Author: L'Equipe.fr Actu Football

Face à des Rémois réduits à dix dès la 22e minute après l’expulsion de Bradley Locko, les Monégasques se sont imposés (3-0) grâce à des buts signés Alexandre Golovine (47e), Takumi Minamino (87e) et Wissam Ben Yedder (90e).

Categorie
Calcio

Foot – C3 – Ligue Europa (goupe E) : Manchester United se rassure, la Real Sociedad assure

Author: L'Equipe.fr Actu Football

Sensation de la phase de groupe de Ligue des champions la saison passée, où il avait battu le Real Madrid, le Sheriff Tiraspol joue cette année la Ligue Europa avec moins de réussite face aux gros clubs.

Les Moldaves recevaient jeudi soir Manchester United et les hommes d’Erik Ten Hag se sont facilement imposés. Après l’ouverture du score rapide de Jadon Sancho (17e), bien servi par Christian Eriksen, Cristiano Ronaldo a fait le break sur penalty (39e). C’est le premier but de la saison du quintuple Ballon d’Or portugais et son tout premier but en C3, aussi, après toute une carrière en C1. Le Français Raphaël Varane était aligné en charnière. Le défenseur des Bleus a livré une prestation correcte.

La Real Sociedad seule en tête

Dans l’autre match du Groupe E, la Real Sociedad a confirmé sa victoire de la semaine dernière à Old Trafford (1-0) en écartant l’Omonia Nicosie (2-1). Ander Guevara a débloqué le match d’une frappe lointaine (30e), Bruno a égalisé pour les Chypriotes (72e) mais Alexander Sorloth a très vite permis aux Basques de reprendre l’avantage (80e). L’ex Angevin Mohamed-Ali Cho, international Espoirs français, était titulaire et a joué une heure.

Categorie
Calcio

Champions League: FC Bayern München siegt bei Inter Mailand – Serientäter am Sehnsuchtsort

Author: DER SPIEGEL – Sport

Inzaghi schraubte: Inters Trainer Simone Inzaghi, Bruder des ewigen Bayern-Albtraums Filippo, musste nach dem 2:3 im Stadtderby gegen die AC und dem verpatzten Saisonstart reagieren. Und er fuhrwerkte so durch die Startelf, wie es der Kader hergab: Der ehemalige Ajax-Keeper Onana löste Klublegende Samir Handanovič ab, Stefan de Vrij wurde in der Dreierkette durch den beweglicheren Danilo D’Ambrosio ersetzt, auch Robin Gosens und Džeko kamen neu ins Team. Dazu wechselte Milan Škriniar die Position und Denzel Dumfries durfte entgegen den Erwartungen rechts ran. Kommando Confusione. Allein, es half nichts.

Categorie
Calcio

Le palle di Mozart

Author: Chiara Milan Night

Delirio! Apoteosi! Catarsi! Pelle d’oca. Senso di precarietà vertiginosa. Tempesta di passioni. Uragano di emozioni. Una gioia immensa. Incredibile. Irrefrenabile. Irresistibile. Indescrivibile. Indescrivibile, però, non posso certo dirlo voi, ragazzi, che, provando le mie stesse sensazioni, mi capite benissimo. E meno male che non ho visto la partita. Non potevo proprio non andare al matrimonio della figlia di una mia carissima amica. DAZN sul cellulare? Nisba, perché mi diceva che avevo troppi dispositivi. Allora? Allora YouTube. Solo cronaca, naturalmente. Devo confessare che non mi sono comportata benissimo. Io e la finezza abbiamo viaggiato su strade parallele. Ma come si fa a non urlare “Gooooolllllll!!!!!! Sìììììììììì!!!!!!!!!!!!!”, quando segna il Milan nel derby, che per me è la madre di tutte le partite? Come si fa? D’accordo, ho indotto sguardi un po’ severi o gaiamente incuriositi. C’erano persone che mi guardavano con compatimento. Altre sorridevano con aria divertita. Sta di fatto che pure i camerieri poi si sono interessati al risultato, eh! Anche quella a cui ho detto che le avrei spezzato la mano, se mi avesse portato via, come si apprestava a fare, il mio mezzo bicchiere di Prosecco. Ma a contare è solo una cosa. Abbiamo vinto il derby! Ed è festa grande. A dire il vero ho visto gli ultimi venti minuti sul cellulare di un ragazzo. Lui stava a un tavolo di gente digiuna di calcio. Di più. Insofferente verso il calcio. Il tapino solo fugacemente si azzardava, subito ripreso, a sbirciare DAZN. Alla fine non ce l’ha fatta più. Dicendo a moglie e amici che doveva farlo per me, ha abbandonato la compagnia e mi si è seduto vicino. Così abbiamo sofferto e gioito insieme. Troppo bello! Troppo bello! Troppo bello! Che giornata fantastica! Simone, ti regalo le palle di Mozart, per addolcirti la sconfitta ed asciugare le tue lacrime. Ma chi sei tu, Milan, per impadronirti del mio umore?

Perchè me l’hai escluso?

Devo fare delle confessioni riguardo al mio pre. Non mi comporto benissimo. Non gradisco la composizione della lista Champions. Esprimo un educato dissenso. Insomma, mi girano le palle. Ma non sono quelle di Mozart, che ci aspettano Martedì. Non riesco, comunque, a pensare alla trasferta, davvero insidiosa, di Salisburgo. Ne dico di tutti i colori a Pioli. Non vado a vendemmiare le parole dalla vigna del vocabolario. Dentro Ballo e Brahim. Fuori Adli, Vranckx e Thiaw. Ma come si fa? Roma e Orrendi possono iscrivere solo 23 giocatori per decisione dell’Uefa. Noi ci siamo inflitti questa punizione da soli. In realtà ne inseriamo 22, perché Florenzi, purtroppo, è messo lì esclusivamente per fare numero. Con Ballo e Brahim, secondo me assolutamente non adeguati, ci riduciamo a 20. Anzi, 19 e mezzo, visto l’infortunio di Krunic. Se tutto va bene per lui e per noi, Ibra rientrerà per gli Ottavi. Suggerisco che a lasciargli il posto nella lista sia Deka. Sono imbufalita. Non è possibile fare scelte così demenziali, urlo al mio amico Umberto, che tenta di difendere Brahim. Io volevo Adli! Il ragazzo mi era piaciuto nelle sporadiche e brevissime apparizioni che gli sono state concesse. Inutile dirmi che Pioli ne sa più di me. Se, dopo Kjaer, non si fosse fatto male Romagnoli, avrebbe fatto giocare Kalulu? Dovete spiegarmi la ratio delle sue decisioni. Non ripetermi semplicemente che abbiamo vinto lo scudetto. Quello lo so anch’io. Che senso ha affermare che parlo a vanvera, perché non conosco i nuovi? Conosco bene i vecchi! E questo mi basta. E poi ho fiducia nelle scelte di Maldini, anche se sono condizionate dalle ristrettezze economiche. Stefano, ho deciso. Non ti parlo più. Tanto non mi ascolti. Guarda che formazione mi hai schierato con il Sassuolo…. Come fai a non pensare a cambiare modulo con in rosa tanti trequartisti e mezze ali e due esterni destri che sono un inno alla modestia? Ma che ballottaggio è quello tra Saele e Messias? Possono stare comodamente in panchina entrambi.

Durante il derby io ero a Polpenazze

Insomma, sono una caldaia in ebollizione. E la valvola di sicurezza traballa pericolosamente. Se perdiamo il derby, scoppio. Mamma mia, che tensione. Lascio perdere il malumore per la lista Champions, le palle di Mozart e ammennicoli vari. Paura di perdere e speranza di vincere si alternano nella mia anima. Non disdegnerei neppure il pareggio. Certo che batterli sarebbe eccezionale. Se le buschiamo, però…. Le mie paure sono alimentate dalla brutta prestazione con il Sassuolo. Avessimo vinto, probabilmente, per la prima volta dopo anni e annorum mi sentirei favorita. La cosa non conta niente, per carità. Ma mi sarebbe piaciuto provare una sensazione nuova. Io non mi ritengo battuta in partenza, come mi era capitato nell’ultimo derby di campionato. Ero tanto convinta che ci sverniciassero, da andarmene sul Garda e spegnere il cellulare, per non sapere niente. Stavolta no. Diciamo che sono possibilista. Sta di fatto che non potrò guardare la partita. Ma terrò d’occhio il risultato. E come! E niente divieti di telefonate. Dovessimo vincere, guarderò il prossimo derby? Credo di no. Per scaramanzia, naturalmente.

Lo voglio sempre in campo!

Stefano, se non mi metti Deka, ti impalo. E, anche se non gioca benissimo, devi lasciarlo in campo. Al massimo puoi sostituirlo nel finale con Adli. Brahim non lo voglio vedere. Cancello quello che ho detto. Non ricordavo che avevo stabilito di non parlarti più. E le mie decisioni sono irrevocabili. Insomma, come si fa a non notare le doti di Charles? Lui può fare grandi cose. Se c’è da aspettarlo, perché deve inserirsi al meglio, io lo aspetto. Ma deve giocare! La rabbia per la lista Champions non mi ha fatto pensare al voto da dare al Mercato. Mi incuriosisce Dest. A me sembra un bell’acquisto. Servivano un difensore e un centrocampista. Sono arrivati sul filo di lana. Thiaw e Vrancks non li conosco proprio. Paolino, io di te mi fido. Certo che con pochi soldi non si possono fare grandi spese. Comunque gli investimenti sui giovani mi piacciono. Manca un Italiano da mettere in lista Champions. Per quelli del nostro vivaio si poteva fare poco. Non ho mai creduto alla cessione di Gabbia. Maldini ha ritenuto di investire quasi tutto il budget su Deka. Secondo me ha fatto bene. Voglio il ragazzo in campo! Voto al Mercato? 6+. Deriva da un 8 alla dirigenza e un 4,5 alla proprietà. Gerry, sarai a S. Siro. Speriamo che tu ne esca soddisfatto. Regalaci i rinnovi di Leao e Benna. E tu, Milan, regalami la vittoria. Così poi, magari, faccio la pace con Pioli.

Gerry, facci questo regalo.

E vittoria è stata! Sììììììììììì!!!!!!!!!! Gli ottimisti ad oltranza, quelli che considerano un diritto di lesa maestà criticare Pioli e la Società, perché noi abbiamo vinto lo scudetto, non ci vogliono sul loro carro? Pazienza. Io sto sul mio di carri e mi godo la mia felicità, che non è certo inferiore alla loro. E mi piace condividerla con chi desidera farlo. Mamma mia! Mamma mia! Mamma mia! Ho ancora i brividi, pensando al derby. Mi vedrò la partita, gustandomela con calma, di nascosto dal mio Orrendo, che non parla più di calcio. Ma adesso bisogna pensare al Salisburgo. Gerry, la tua prima è stata al bacio. Ha visto che Leao? Non ti dico altro. Grazie, Magic Mike! Sei meraviglioso. Ehi, palle di Mozart, vi ho sempre trovato buonissime. Spero non diventiate amarissime Martedì sera. Grazie Milan! Forza Milan!

Chiara

Categorie
Calcio

Bundesliga: Trainer Urs Fischer von Union Berlin – Die langen Jahre vor dem Hype

Author: DER SPIEGEL – Sport

Mehr Perspektiven, mehr verstehen.

Freier Zugang zu allen Artikeln, Videos, Audioinhalten und Podcasts

  • Alle Artikel auf SPIEGEL.de frei zugänglich

  • DER SPIEGEL als E-Paper und in der App

  • DER SPIEGEL zum Anhören und der werktägliche Podcast SPIEGEL Daily

  • Nur € 19,99 pro Monat, jederzeit kündbar

Sie haben bereits ein Digital-Abonnement?

SPIEGEL+ wird über Ihren iTunes-Account abgewickelt und mit Kaufbestätigung bezahlt. 24 Stunden vor Ablauf verlängert sich das Abo automatisch um einen Monat zum Preis von zurzeit 19,99€. In den Einstellungen Ihres iTunes-Accounts können Sie das Abo jederzeit kündigen. Um SPIEGEL+ außerhalb dieser App zu nutzen, müssen Sie das Abo direkt nach dem Kauf mit einem SPIEGEL-ID-Konto verknüpfen. Mit dem Kauf akzeptieren Sie unsere Allgemeinen Geschäftsbedingungen und Datenschutzerklärung.