Categorie
Calcio

WDR-Radio-Reporterin Sabine Töpperwien beendet ihre Karriere

Author: DER SPIEGEL – Sport

Sie war Sportreporterin, Leiterin der Sportredaktion im Hörfunk – vor allem aber war sie Fußballkommentatorin: Sabine Töpperwien beendet ihre Karriere. Das teilte der WDR mit. Nach Angaben des Senders hat Töpperwien insgesamt mehr als 700 Fußballspiele kommentiert, knapp 600 davon in der Bundesliga.

»Sabine Töpperwien ist eine Pionierin und eine lebende Legende der deutschen Sportberichterstattung. Ich werde ihre markante Stimme, ihre leidenschaftlichen Fußballkommentare und ihre ausgezeichnete Sportkompetenz sehr vermissen«, teilte WDR-Intendant Tom Buhrow mit.

Töpperwien war die erste Frau, die in Deutschland live aus einem Fußballstadion berichtet hat. »Eine Frau auf dem Heiligen Stuhl des Fußballreporters – das könne doch nicht sein, hieß es beispielsweise«, wird Töpperwien in der Mitteilung zitiert. Doch Bruder Rolf Töpperwien habe sie gut vorbereitet. Jedes Wort werde auf die Goldwaage gelegt, habe er gewarnt.

»Mit halbem Dampf arbeiten – das will ich nicht«

»Otto Rehhagel entgegnete mir mal, ich hätte doch noch nie den Schweiß einer Kabine gerochen. Und Christoph Daum riet mir, lieber mal meinen Bruder zu schicken. Frauen hatten es lange Zeit viel, viel schwerer im Reportergeschäft. Es war ein steiniger Weg, das zu ändern.«

Neben Fußball berichtete Töpperwien über zwölf Olympische Spiele, über Eiskunstlauf und Tischtennis. Ab 2001 leitete sie die WDR-Sportredaktion Hörfunk. 2006 war sie Teamchefin Hörfunk der ARD bei der Fußball-WM in Deutschland. Seit 2019 war sie Teil der Führung des crossmedialen Sportcampus im WDR.

Zum Monatsende geht Töpperwien aus gesundheitlichen Gründen in den vorzeitigen Ruhestand. »Ich bin nun 60 und habe seit knapp einem Jahr chronische Schmerzen in den Nerven und Sehnen beider Arme. Mit halbem Dampf arbeiten – das will ich nicht.«

Icon: Der Spiegel

Categorie
Calcio

Livingston 2-2 Celtic: Neil Lennon says no crisis but title may be beyond them

Author: BBC Sport – Football

Celtic are not a “shambles” or “in crisis” but a 10th consecutive Scottish Premiership title may now be beyond them, says manager Neil Lennon.

Captain Scott Brown was sent off as Celtic drew 2-2 with Livingston on Wednesday, their fourth league game in a row without a win.

It leaves them 20 points behind leaders Rangers with two games in hand.

“People will say it’s over, I can understand that, but we’ll keep going,” Lennon told BBC Scotland.

“The club isn’t a shambles, far from it. And it’s not in crisis off the field. The board have been magnificent; they’ve presided over nine titles in a row and a quadruple treble.

“I think people need to take a step back and put some perspective on it.”

Ciaron Brown headed Livingston into the lead, only for Mohamed Elyounoussi and Nir Bitton to turn the game around in Celtic’s favour.

But Jay Emmanuel-Thomas levelled after the break to earn the hosts a point and Celtic’s poor night was compounded when Brown was ordered off for lashing out at Jaze Kabia five minutes after coming on.

“Before lockdown, we were 13 points clear and were rampant. I don’t know where they’ve gone,” said Lennon of his players.

“At times it’s been ill-discipline, but the mentality hasn’t been as strong as it should have been.”

Celtic’s current run of four league games without a win is their worst run since 2000, and has ratcheted the pressure up on Lennon again.

Completing the quadruple treble in December by winning the delayed 2019-20 Scottish Cup final had dampened a little of the dissent but, with a 10th consecutive title now looking beyond them, the criticism seems set to intensify again.

“I won’t walk away, absolutely not,” he said. “I’ve put too much into this. Too much of my life. And a month ago we won the treble.

“We’ve lost two games in the league. Europe wasn’t good enough and we’re out of the League Cup. But we’re human beings and we haven’t played well for whatever reason. We can analyse it to death.

“If the club have to make a decision then they have to make a decision. You’re asking the wrong guy about my position. You keep asking if I’m going to be here. I will be until I’m told otherwise.”

Categorie
Calcio

Foot – ANG – Liverpool – Jürgen Klopp : « Contre Burnley, c'est toujours un combat »

Author: L'Equipe.fr Actu Football

Jürgen Klopp (entraîneur de Liverpool) : « Burnley ne marque pas beaucoup. Mais ils ne concèdent pas beaucoup de buts non plus. Cela nous indique que ce match sera difficile. Mais c’est toujours le cas contre Burnley, c’est toujours un combat. Il faut défendre, il faut gérer l’intensité que Burnley met sur le terrain. Ben Mee est un joueur très important pour Burnley. Je le savais déjà, mais maintenant, il est clair qu’ils ont un onze de départ bien installé, pas seulement avec (James) Tarkowski et Mee. Il y a aussi (Nick) Pope. Je pense que ces trois joueurs sont le coeur de l’équipe.

Ils ont deux attaquants devant. Et ils ont aussi de très bons joueurs au milieu. Ils ont un jeu spécifique et je respecte ce qu’ils font depuis maintenant plusieurs années. Sean (Dyche) est capable de tirer les meilleures performances de son groupe, même si ce n’est pas le plus gros groupe du monde. Évidemment, lorsqu’ils ont des blessés, cela les pénalise, peut-être plus que d’autres équipes. Mais c’est ainsi. Ils font avec, et ils se débrouillent très bien. Voilà quelle équipe nous allons affronter. »

Categorie
Calcio

Copa del Rey: Real Madrid fliegt in Überzahl bei Drittligist CD Alcoyano raus

Author: DER SPIEGEL – Sport

Pokalaus für Real Madrid im Copa del Rey: In der Runde der letzten 32 Teams verloren die Königlichen sensationell bei Drittligist CD Alcoyano 1:2 (1:1, 1:0) nach Verlängerung.

Mit Schaudern erinnert man sich in Madrid an die Saison 2009/2010: Damals verlor Madrid ebenfalls in der Runde der letzten 32 bei einem Drittligisten, Alcorcón. 0:4 ging Madrid damals beim Außenseiter unter, im damals noch ausgetragenen Rückspiel reichte es nur zu einem 1:0-Sieg. Elf Jahre später kam erneut das Aus bei einem unterklassigen Team. Trainer Zinédine Zidane hatte zwar einigen Spielern aus der zweiten Reihe eine Chance gegeben, aber auch Hochkaräter wie Isco oder Marcelo in der Startelf aufgeboten.

Éder Militão erzielte dann auch in der 45. Minute das standesgemäße 1:0 für den Favoriten. In der zweiten Halbzeit verflachte die Partie mehr und mehr, Madrid verpasste das 2:0 und in der 80. Minute kam der Außenseiter durch José Solbes zum Ausgleich.

In der Verlängerung sah Ramón Lopez Olivan Gelb-Rot (110.). Madrid nun in Überzahl und mit den eingewechselten Toni Kroos, Karim Benzema und Eden Hazard am Drücker. Doch das Tor fiel auf der anderen Seite: Juanan sorgte mit seinem Treffer für das 2:1 (115.) – und das sensationelle Aus des 19-maligen Copa-Gewinners.

Icon: Der Spiegel

Categorie
Calcio

Tante scuse…

Author: axel Milan Night

Come ha perfettamente riassunto Max nelle pagelle la notizia è che questo Milan non fa più notizia. Non sono tanto i risultati in se, che in tutta franchezza mai mi sarei aspettato, ma il modo. Questa squadra entra sempre in campo con una sua precisa identità, carattere, convinzione e sicurezza nei propri mezzi ma sa anche adattarsi alla partita, all’avversario ed al momento. Me lo aspetterei da una squadra di veterani non da una delle rose più giovani di tutta Europa.

Sembra quasi che Milanello si sia magicamente trasformato dalla casa degli orrori nella succursale del santuario di Lourdes dove si trasformano ragazzini di belle speranze e onesti mestieranti in giocatori da top team, duri, scafati, tosti e… semplicemente bravi. Se della trasfigurazione di Calabria, Calha e kessie abbiamo scritto a profusione, ma in realtà che avessero delle qualità potevamo almeno sospettarlo e qualche prodromo si era visto anche nel passato, ci sono altri casi che stupiscono ancora di più.

Kalulu, che a Lione non aveva mai nemmeno esordito in prima squadra, che entra a partita in corso o dall’inizio, da centrale o da esterno, da esterno prima e dai centrale poi nel corso della stessa partita, e mostra una sicurezza disarmante. Sempre ben posizionato, non gli scotta mai la palla tra i piedi, bravo pure a trovare il compagno a centrocampo tra le linee in fase di costruzione, riesce persino a marcarne due contemporaneamente nella stessa azione. Esce su uno e lo ritrovi sull’altro e non ti rendi nemmeno conto di come ha fatto e se lo sta chiedendo pure Capitan Marvel che credeva che il dono del teletrasporto fosse una sua esclusiva.

Pino, che, al netto dell’ingenuità che gli è costata l’espulsione a Cagliari, è un motore inesauribile. Il soldato perfetto che rispetta le consegne e ringhia in copertura coprendo puntualmente le scorribande del terzino per tutta la fascia raddoppiando continuamente ma senza andare a scapito della qualità. Capace di scambi in velocità, volate di cinquanta metri, qualche numero col pallone tra i piedi e pure di metterla dentro. Lo stesso Casti, pur con i suoi limiti e col fisico di una medusa, gioca con la diligenza e la determinazione di uno Spetsnaz sotto copertura durante una missione “sporca” in territorio nemico.

Potrei dire cose simili pure di Dalot (in netto miglioramento anche se non mi entusiasma come altri), Diaz, che ha mostrato che la classe non gli manca e ha capito che al di là dei tocchi geniali che gli riconosciamo (il filtrante per Ibra è da manuale del calcio) qui tocca sbattersi per tutto il campo e per tutti i 90+ recupero, tanto che lo si vede pure in area a coprire se del caso. Di Kjaer che da mestierante di lungo corso e sfanculato brutalmente dall’Atalanta dei miracoli si è trasformato nel Von Karajan della nostra difesa, di questo e di quell’altro. Pure al giovane Werther venuto dai ghiacci, nonostante stia pagando i proverbiali dolori e non stia giocando bene in campionato (fino ad ora il meglio di sé l’ha dato in EL…), non si può rimproverare l’impegno. L’impressione è che abbia bisogno di tirare un pò il fiato anche perché, per la diversa stagionalità del campionato della tundra, non ha praticamente mai riposato. Vedremo, ma sarei comunque ottimista perché le qualità ha mostrato di averle e quello che gli serve, forse, è solo recuperare un po di lucidità.

Finisco con Meitè. Arriva da una delle peggiori squadre del campionato dove, peraltro, deambulava tra panchina e tribuna. Appena arrivato viene scaraventato in campo in un momento di sofferenza ed entra col piglio giusto. Non sono solo i palloni recuperati o un paio di strappi palla tra i piedi che permettono alla squadra di alzare il baricentro, rifiatare e tenere in mano il pallino, ma i movimenti. Ci ho fatto caso. Quando si deve uscire da una situazione difficile si posiziona sempre in modo da favorire lo scarico del compagno facendosi trovare smarcato. Quando devi soffrire è una qualità importante, eppure a Milanello ci ha passato si e no qualche ora. Vedremo se è stato un fuoco di paglia o se la premiata ditta M&M ci ha visto giusto ancora una volta ma l’inizio è stato promettente.

Insomma, sembra che qualsiasi cosa passi dalle nostre parti si trasformi in oro. A questo punto anche le remore che avevo su Manzukko, vuoi per il caratterino non esattamente conciliante vuoi perché è fermo da parecchio e dovrà ritrovare il ritmo partita, spariscono e mi aspetto con fiducia che dia un contributo sostanziale alle nostre fortune. Sulle qualità del giocatore non ho mai avuto dubbi. Tomori, fino a qualche giorno fa, non sapevo nemmeno che esistesse, ma a questo punto poco importa. Basterà anche a lui l’aria di Milanello? Comincio a crederlo fortemente…

Immagino che, some in tutte le cose della vita, non esista un solo fattore, un solo protagonista se preferite, al quale ascrivere il merito dell’aria di santità che respiriamo in questo periodo. Certamente l’effetto Ibra, che giochi o meno, che si alleni o no, che sia sano, infortunato o coviddato non cambia la sostanza, la sua solo presenza pare aleggiare nella testa di tutti i compagni ed ha un peso importante. La gestione Maldini (ben coadiuvato da Massara) altrettanto, le Moncadate stanno dando il oro contributo (vedi kalulu), la società che paga gli stipendi più puntuale di un orologio atomico infonde ai ragazzi sicurezza in un periodo in cui anche i potenti giganti dell’economia cinese devono mendicare sconti e dilazioni ha probabilmente un peso che si riflette con quello che vediamo in campo ma…

giocatori. Esistono quelli scarsi, quelli forti, i fortissimi ed i fuoriclasse. E poi c’è Ibra…

Mi rendo conto di avere clamorosamente sottovalutato l’importanza di Pioli. Più vedo la squadra, più sento le sue interviste, più mi rendo conto di quanto la persona (il Santo) superi di gran lunga il tecnico. Sta riuscendo in una impresa quanto mai difficile. Creare un gruppo così armonioso dovendo miscelare giovani a cui dare sicurezza, giocatori che venivano da periodi di contestazione dei tifosi a cui dare un ruolo in campo e nello spogliatoio,  mestieranti di lungo corso a cui dare nuovi stimoli e motivazioni, e rendere Ibra un riferimento positivo e non demotivante per chi non potrebbe reggere il confronto (cioè tutti gli altri) caricarlo di responsabilità tanto che lui stesso tira fuori il meglio dal suo carattere guascone (li cazzia ogni due per tre ma per un passaggio sbagliato, se effettuato con buone intenzioni, applaude il compagno, ed una complimento da re “Z” ti dà una carica incommensurabile, grande…) è sintomo di un uomo forte. Forte dentro, dove conta, senza aver bisogno di atteggiamenti fuori dalle righe. Senza i piagnistei di chi vorrebbe vincere con i 300 migliori giocatori al mondo in rosa, di chi pensa di professare la verità rivelata o chi crede di essere nato “imparato”. Una forza che, con ogni probabilità, i ragazzi sentono ed alla quale attingono; ed i ragazzi lo stanno ripagando dando il loro meglio sempre, che siano titolari inamovibili o che giochino qualche minuto quando serve. La stessa forza con la quale, immagino, si sia conquistato credibilità all’interno della società e che per questo sia ora ascoltato senza aver necessità di lavare i panni sporchi in pubblico. Il simbolo di una normalità diventata eccezionale. Magari è anche arrivato nel posto giusto al momento giusto ma lui ci sta mettendo del suo. Mai una parola fuori posto, sempre con grande “savoir fare”, non nasconde le sue, loro, nostre, ambizioni ma senza mai scadere nell’arroganza e sempre ben conscio dei propri limiti prima che delle sue certezze. Non mi sbilancio su dove arriveremo, mi godo il momento e vada come vada, ma per quello che sta facendo merita comunque tutta la mia stima ed i miei ringraziamenti; finalmente un uomo da Milan. Tante scuse Stefano, te le dovevo…

FORZA MILAN

Axel