Categorie
Economia

15 GENNAIO

Open Interest e Analisi Monetaria.

Oggi è la prima scadenza mensile dell’anno: alle 9.02 scadranno le opzioni mibo, alle 12.00 le opzioni su Stoxx50, alle 13 sul Dax e all’apertura tutte le opzioni su S&P500.

Sotto scadenza è sempre consigliabile una maggior prudenza per l’erraticità che potrebbero avere i prezzi, vuoi per i rollaggi su scadenze successive, vuoi per le chiusure o la rapide ricoperture.

Da oggi andremo ad analizzare la scadenza Febbraio.

Sul Dax, a parte la enorme quantità di contratti call entrati a strike 15000 che rende gli altri strike quasi invisibili, si segnalano ingressi di put sulle aree supportive a strike 13500 e 13800 e call in area 14300 e 14400. Future in sensibile aumento.

Sulle Mibo forti ingressi di put a strke 21500 e 22500 e nuovi ingressi di call a 24000. Future in netto aumento.

Su Eurostoxx50 sono evidenti invece diffuse chiusure di put a strike otm 3350 e 2950 e nuove aperture a partire da strike 3450. Primo livello importante di call lo si trova sul lontano livello di 3850 dove, come per il dax, sono entrati con grosse quantità di contratti. Future in flessione.

Infine S&P500 che vede continuamente puntellare i propri supporti con nuovi ingressi di put a strike 3750 e 3600. Piccole aperture di call a strike 3850 e 4000 e future in lieve diminuzione ma comunque con numeri di tutto rispetto.

https://www.sunnymoney.it/15-gennaio/

VN:F [1.9.20_1166]

please wait…

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Author: Finanza.com

Categorie
Economia

Cicli e Gann in sinergia: FTSEMIB 18-22 Gennaio 2021

Analisi TecnicaSiamo sempre all’interno dell’ampio canale rialzista anche se il nostrano non riesce al momento a toccarne la parte alta per dare forza all’intero movimento.Le linee parallele (in viola) all’interno del canale sono i “tagli” che rappresentano delle linee di resistenze/supporti dinamiciche aiutano a capire i movimenti interni al trend….

Il nostrano si scontra con la forte area resistiva tra i 22800 e 23200 che impedisce l’ascesa veso la parte alta del trend principale.L’analisi di breve mostra la perdita della trendline rialzista del secondo ordine (molto ripida) con perdita ulteriore del forte livello in area 22500/22600,Le ultime candele ribassiste indicano una debolezza che potrebbe estendersi fino al test dei supporti a 21800/21600.Solamente la ripresa del livello dei 22600 potrebbe ridare linfa al rialzo andando in rottura dell’area a 22870 e susseguente test della resistenze 23100/23200..

Massimo realizzato secondo R-squared e quindi discesa per formare un minimo …. se movimento regolare….

GD Star Ratingloading…

GD Star Ratingloading…

Author: Finanza.com

Categorie
Economia

Bitcoin Correction? Or Just Consolidation


President-Elect Joe Biden has plan for more stimulus as well as path to 100 million vaccinations in the first 100 days of his presidency. Meanwhile, Bitcoin is falling below the $40,000, losing as much as 10 percent at times over the past day. However, some believe the price could come back up once more stimulus comes from the Biden Administration. Others say this is just a part of Bitcoin's volatility. Then, Holland Cooke gives us a sneak peak at the Consumer Electronics Show, which is completely virtual this year. CES is showing off the future of the car industry, as well as some gadgets to make things a little easier during the pandemic. #BoomBust #QuestionMore #RTAmerica Get exclusive content and watch full episodes now by downloading the Portable.TV app: https://bit.ly/DownloadPortable Check out our other shows! NO show does it like this. It’s TIME TO DO NEWS AGAIN with Rick Sanchez
News with Rick Sanchez: https://bit.ly/NRSSHOW It’s her take on all things political and she presents ALL the angles: News.Views.Hughes with Scottie Nell Hughes, NVH: https://bit.ly/NVHSHOW What’s your NEWS IQ? Give us 30 minutes, and we’ll take you across the globe! In Question with Manila Chan, IQ: https://bit.ly/IQ_SHOW Steve Malzberg sinks his teeth into the slander, hypocrisy, bias and lies of MSM. MMM…Delicious! Eat The Press: http://bit.ly/EatThePress Candid conversations with the most outspoken guy in Hollywood! Dennis Miller + One! Dennis Miller Plus One: http://bit.ly/DennisMillerPlusOne Let our TV time-machine bring you the week’s highlights and a closer look at the BIGGEST stories, Just Press Play: http://bit.ly/JustPressPlayShow Yep, it’s Gov. Jesse Ventura and you’re living in his WORLD! Come along for the ride.
The World According To Jesse: http://bit.ly/WATJSHOW They’re watching you. Are you watching them? Are you WATCHING THE HAWKS?
Watching The Hawks: http://bit.ly/WTHSHOW Do you keep missing the forest for the trees? Let Holland Cooke show you the Big Picture, The Big Picture: http://bit.ly/TheBigPictureShow Follow us on Twitter:
https://twitter.com/RT_BoomBust Check us out on Facebook — and feel free to ask us questions:
http://www.facebook.com/BoomBustRT Follow Christy Ai on Instagram: https://www.instagram.com/christai_ai/ Check out more from RT America! Eat The Press: https://www.youtube.com/playlist?list=PLagVUKF7CUTQsuWo5sCat5spbo2Cqfskm Dennis Miller Plus One: https://www.youtube.com/playlist?list=PLagVUKF7CUTQFiMl7qOaZ9L0Zkq_b9RF- Just Press Play:
https://www.youtube.com/playlist?list=PLagVUKF7CUTTuYcV8a3afYQ4pFBm50ZC9 The World According To Jesse: https://www.youtube.com/playlist?list=PLagVUKF7CUTR4fIiDHxGpe38eAJWgzVQ8 Watching The Hawks:
https://www.youtube.com/channel/UCbiFt3UdxX7LxferwDmuegQ The Big Picture: https://www.youtube.com/user/TheBigPictureRT

Categorie
Economia

Quello che i Navigator non possono fare

Author: Redazione Rete MMT

In tanti hanno evidenziato il fallimento dei Navigator, quelle figure professionali (circa 2900 persone) che dovrebbero aiutare i percettori del reddito di cittadinanza nella ricerca del lavoro.

L’attività dei Navigator è iniziata a dicembre 2019 dopo un percorso formativo specialistico e prima ancora la fase di selezione). Il profilo del Navigator medio è una donna di 35 anni, laureata in Giurisprudenza con 107/110 (dati ANPAL – Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro).

I destinatari del supporto dei Navigator non sono tutti i percettori del RdC ma chi tra questi ha sottoscritto il Patto per il lavoro, quindi poco più di 1.000.000 adulti. Chi è ritenuto non in condizione di lavorare viene indirizzato ai servizi sociali del proprio Comune per la sottoscrizione del Patto per l’inclusione sociale (parliamo di circa 1.000.000 di adulti secondo i dati ANPAL dello scorso settembre).

Sino ad agosto 2020 solo circa 100.000 persone ha trovato un posto di lavoro. C’è chi attribuisce la responsabilità ai Navigator e chi al fatto che il Patto per il lavoro viene sottoscritto solo a valle dell’assegnazione del RdC e non prima come condizione vincolante all’assegnazione (è dura a morire l’idea che il disoccupato sia causa della sua condizione…).

Entrambe le posizioni orientano lo sguardo nella direzione sbagliata. Anche chi difende l’attività dei Navigator, giustificando gli scarsi risultati con il lockdown che ha ritardato gli incontri di orientamento e depotenziato l’efficacia del supporto, in realtà sta guardando il dettaglio perdendo di vista il contesto.

È impossibile trovare un lavoro quando i posti di lavoro non ci sono. Ci sono più disoccupati dei posti di lavoro disponibili e il gap è destinato a salire. Ripescando la metafora di Phil Harvey dei100 cani e dei 95 ossi (qui spiegato da Warren Mosler in Primavera Economica) ci saranno sempre dei cani che non potranno ottenere l’osso se gli ossi sono in numero inferiore ai cani. I navigator non ne hanno colpa e tanto meno i disoccupati. In una situazione drammatica come quella dell’economia ai tempi dell’epidemia facciamo il tifo per il rinnovo dei contratti dei Navigator; serviranno a poco ma rischiano di aumentare le fila dei disoccupati.

Il problema è la domanda aggregata ed è necessario aumentare il deficit per far ripartire l’economia. Urge l’attivazione di un piano di lavoro transitorio, che le istituzioni dell’ambito delle politiche attive del lavoro potrebbero gestire in collaborazione con Regioni e Comuni. Un piano di lavoro transitorio raggiunge quel risultato che le politiche attive del lavoro non possono ottenere. Chiaramente per tutto il tempo dei lockdown parziali o totali che non rendono possibile la ripresa delle attività, è necessario prorogare e ampliare tutte le misure di sostegno al reddito e all’economia, come abbiamo illustrato qui.

I livelli occupazionali e la povertà sono una questione di macroeconomia. I Navigator non c’entrano.

Categorie
Economia

I DERIVATI: DALLA TEORIA ALLA PRATICA

Oggi parleremo di come si utilizzano i derivati e le importanti implicazioni operative che hanno. Insomma inizieremo a passare dalla teoria alla pratica.

Approfondiremo i concetti utilizzando il future più liquido che possiamo trovare sul mercato Europeo: l’Eurostoxx50, e parleremo di leva finanziaria, di marginazione, di profilo di rischio, di negoziazione.

In fondo alla pagina il video relativo.

Diciamo subito che il mercato dei derivati finanziari, che fanno riferimento ad azioni, obbligazioni o indici, si discosta rispetto ai derivati con sottostante di natura reale come possono essere quelli sulle materie prime come petrolio, grano ect.

Questo genere di contratti finanziari non viene quasi mai utilizzato con l’intento effettivo di concludere realmente la transazione con la consegna fisica del sottostante. Nella realtà infatti soltanto il 3% dei contratti viene perfezionato.

Lo scopo dei contratti derivati di natura finanziaria è quello di guadagnare dalla compravendita del derivato stesso, dopo un movimento del sottostante che viene replicato nel derivato. Compriamo un future perché vogliamo andare a rialzo, attendiamo il movimento e se questo si verifica vendiamo il future realizzando un profitto. Oppure vendiamo allo scoperto il future perché vogliamo andare a ribasso e a seguito della discesa ricompriamo la posizione chiudendola contabilizzando anche in questo caso un guadagno.

Utilizzare i Derivati, Future ed Opzioni, permette di beneficiare di un importante vantaggio rispetto all’acquisto diretto del sottostante. Questo vantaggio è riassunto semplicemente nella quantità di capitale che viene impiegata.

Chi opera nei mercati Finanziari ed utilizza Future ed Opzioni, non deve possedere il totale reale del contratto ma deve versare a garanzia solo una parte di esso che normalmente corrisponde a circa l’11%. Questo deposito cauzionale è chiamato in gergo Margine di Garanzia.

Utilizzare come Costo di Impresa il solo Margine di Garanzia permette guadagni o perdite della medesima entità di chi possiede l’intero valore del sottostante: questa caratteristica prima dei derivati è il cosiddettoEffetto Leva.

L’effetto Levaè una delle principali caratteristiche di un contratto Derivato e rende particolarmente pericoloso il suo utilizzo se non se ne conoscono perfettamente i meccanismi.

Non dobbiamo dimenticare che con i contratti Derivati stiamo negoziando sottostanti che nominalmente valgono molto di più.

Facciamo un esempio Reale su un indice conosciuto dalla maggior parte degli operatori, Eurostoxx50.

L’Eurostoxx50 è un indice azionario che comprende i 50 titoli a maggior capitalizzazione Europei. È utilizzato come riferimento per una ampia gamma di prodotti che vanno dai Certificati agli Etf, dai Future alle Opzioni e la sua borsa di riferimento è l’Eurex. Ha al suo interno altri indici settoriali come ad esempio Banks ed Automotive

Il Future su Eurostoxx50 si chiama Fesx, le Opzioni invece Oesx. Questi derivati permettono di operare sul suo indice di riferimento senza necessariamente possedere fisicamente tutte le azioni che lo compongono.

Il prezzo a cui si compra o si vende il Future riflette sempre il valore del suo indice che a sua volta dipende dal prezzo dei suoi 50 titoli azionari. Future ed opzioni seguono quindi da vicino i movimenti dei prezzi dell’indice in un rapporto praticamente diretto e proporzionale, salgono e scendono di prezzo entrambi nello stesso modo e con uguale intensità.

Per operare con il Future e le Opzioni è necessario, oltre che un particolare conto di trading che si chiama Conto Derivati, avere disponibile una cifra minima necessaria al Margine di Garanzia, Iniziale e di Mantenimento, che equivale all’incirca al 10%/11% del valore totale del contratto.

Il Contratto Fesx vale 10 Euro ogni punto. Se per ipotesi il Future batte 3000 punti equivale a dire che questo contratto vale 10*3000. ovvero 30.000,00 Euro. Non saranno quindi necessari realmente 30.000 euro per operare su questo paniere di azioni europee, ma serviranno quindi, a seconda dell’intermediario o broker, circa 3.000,00/3.300,00 Euro come Margine di Garanzia per poterlo utilizzare che, come abbiamo detto prima corrisponde al 10/11% di sottostante. Da qua si comprende perfettamente l’Effetto Leva del Derivato: a fronte di un esborso iniziale di soli 3.000,00 Euro riusciamo a movimentare un contratto che ne vale 30.000,00.

E’ fondamentale far presente che il semplice pagamento di un Margine di Garanzia non rappresenta affatto quanto si può arrivare a perdere. Se per ipotesi il nostro contratto future subisce una diminuzione di prezzo del 20% e passa da 3000 a 2400 il nostro portafoglio perderebbe 600 punti che, moltiplicati per 10 euro a punto, sono 6.000,00 euro.

Vediamo anche graficamente questo effetto.

Mettendo sul piatto 3.000 euro di margine ne controlliamo 30.000 ed ecco infatti cosa succede alla posizione nel nostro esempio.

Il Margine di Garanzia serve semplicemente per garantire l’apertura ed il mantenimento della posizione, ma il nostro guadagno o la nostra perdita possono essere ben superiori a quanto versato.

La rischiosità e l’opportunità di questi strumenti è insita nella loro Leva Finanziaria che tende ad amplificare sia i guadagni che le perdite e spesso crea grossi problemi sui portafogli degli investitori meno competenti. Importante è ricordare che la cifra investita non è il Margine di Garanzia ma il Reale Valore Nominale del sottostante che, nel caso di Eurostoxx 50 non è 3.000 euro, ma 30.000 euro che rappresenta il valore totale del future rispetto all’indice ed alle azioni che lo compongono.

Il contratto Fesx regolato dalla borsa di riferimento, Eurex, è negoziabile dalle ore 8,00 alle ore 22,00. Questo sta a significare che ogni operatore può acquistare o vendere tale contratto future all’interno di questa fascia di orario.

Chi intende operare con il future, come per tutti gli strumenti finanziari, avrà a che fare con il cosiddetto Book di Negoziazione sul quale è possibile vedere le proposte di chi vuole vendere, Ask o Lettera, e di chi vuole comprare, Bid o Denaro. La differenza o distanza di Prezzo tra chi Compra (Bid o Denaro) e chi Vende (Ask o Lettera) è chiamato Spread. Lo Spread può aumentare o diminuire a seconda delle condizioni del mercato e della sua volatilità. La figura principale che garantisce liquidità ed una ampiezza tollerabile dello spread è il Market Maker.

Il Future ha scadenza Trimestrale: Marzo, Giugno, Settembre e Dicembre.

Le opzioni di riferimento, oltre che scadenza trimestrale chiamata anche delle tre streghe, appunto perché scadono contemporaneamente i future, le opzioni sugli indici e le opzioni su azioni, possono avere scadenza Settimanale o Mensile.

Normalmente gli scambi maggiori avvengono sempre sulle scadenze trimestrali più vicine.

Nel caso di Eurostoxx50, alla data prefissata che corrisponde sempre al terzo venerdì del mese di scadenza, tutte le posizioni vengono chiuse automaticamente e regolate per contanti. Nel nostro portafoglio non avremo i titoli di riferimento del future ma solo la regolazione monetaria per differenza del future stesso. In tutti i casi, chi vuole mantenere la posizione di portafoglio, all’approssimarsi della scadenza può semplicemente procedere al Rollover che altro non è che la chiusura di un contratto che sta per scadere e l’apertura di un nuovo contratto che ha scadenza superiore.

A questo punto abbiamo molti riferimenti che ci permettono di comprendere sia la rischiosità che i reali vantaggi di operare con i Derivati Finanziari: primo fra tutti l’Effetto Leva che amplifica i guadagni ma anche le perdite e la possibilità, con cifre relativamente piccole, di spostare capitali relativamente grandi.

Quindi, nel caso di Eurostoxx50, andiamo a movimentare un capitale di 30.000 euro, ed ogni movimento percentuale ha come riferimento, non quanto da noi versato a garanzia, ma l’intero valore nozionale del Future. Ogni guadagno o perdita sarà quindi in leva.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]

please wait…

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Author: Finanza.com