L’economia rischia il collasso: “L’emergenza ci costa 47 miliardi al mese, 788 euro a testa”

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 apr – Il conto dell’emergenza coronavirus, in termini di perdite economiche, è davvero salato. Almeno secondo la Svimez, che stima che la serrata generale anti contagio costacirca 47 miliardi di euro al mese (il 3,1% del Pil italiano): 37 in fumo al centro nord, 10 al sud. Si tratta di 788 euro pro capite al mese nella media italiana: 951 euro al centro nord, 473 euro al sud. L’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno fa queste stime partendo dal presupposto che il 50% degli impianti italiani è al momento fermo.

Pil italiano -8,4% nel 2020

Svimez poi fa presente che considerando una ripresa delle attività nella seconda parte dell’anno, il Pil nel 2020 si ridurrebbe comunque dell’8,4% per l’Italia, registrando un -8,5% al centro nord e un -7,9% nel Mezzogiorno. Insomma, secondo l’associazione, è vero sì che l’emergenza sanitaria colpisce più il nord, ma gli impatti sociali ed economici purtroppo uniscono il Paese. Nel dettaglio, senza considerare i settori dell’agricoltura, le attività finanziarie e assicurative e la pubblica amministrazione, crollano del 50% fatturato, valore aggiunto e occupazione su base nazionale. La serrata generale imposta dall’epidemia colpisce duramente, sia pure con diversa intensità, i settori di industria, costruzioni, servizi e commercio. In termini di posti di lavoro coinvolti la forbice si annulla tra nord e sud: 53,3% nel settentrione, 51,1% al centro e 53,2% nel meridione.

Rischi per il Sud nella fase della ripresa

Svimez infine lancia l’allarme: il sud rischia di accusare una maggiore debolezza rispetto al centro nord nella fase della ripresa, perché sconta inevitabilmente la precedente lunga crisi, prima recessiva, poi di sostanziale stagnazione, divenuta strutturale.

L’appello del nord: “Paese rischia di spegnere definitivamente il proprio motore”

Dal nord inoltre arriva l’appello al governo da parte dei presidenti di Confindustria di quattro regioni per la “riapertura delle imprese, la difesa dei luoghi di lavoro, in piena sicurezza“. Il tempo stringe, è a rischio l’intero sistema economico: “Se le quattro principali regioni del nord che rappresentano il 45% del Pil italiano non riusciranno a ripartire nel breve periodo, il Paese rischia di spegnere definitivamente il proprio motore e ogni giorno che passa rappresenta un rischio in più di non riuscire più a rimetterlo in marcia”. Il problema è duplice: da un lato, ogni giorno che passa migliaia di imprese italiane stanno perdendo clienti sostituiti dalla concorrenza straniera; dall’altro, nonostante l’emergenza, il governo finora non ha messo in campo neanche un centesimo.

“Serve riapertura ordinata e in sicurezza del cuore del sistema economico del Paese”

Ecco perché Confindustria Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte avvertono che “prolungare il lockdown significa continuare a non produrre, perdere clienti e relazioni internazionali, non fatturare con l’effetto che molte imprese finiranno per non essere in grado di pagare gli stipendi del prossimo mese”. Gli industriali del nord pertanto chiedono “una roadmap per una riapertura ordinata e in piena sicurezza del cuore del sistema economico del Paese. È ora necessario concretizzare la Fase 2“. E spiegano anche che “per farlo bisogna realizzare un percorso chiaro e decisioni condivise con una interlocuzione costante tra Pubblica amministrazione, associazioni di rappresentanza delle imprese e sindacati che indichi le tappe per condurre il sistema produttivo verso la piena operatività”.

Insomma, il succo delle richieste degli industriali è che visto che il governo giallofucsia non sta aiutando economicamente le imprese a “tenere botta” durante la serrata generale, a questo punto è di vitale importanza riaprire il prima possibile.

Adolfo Spezzaferro

Author: Il Primato Nazionale

Ftse Mib: alle prese con il livello chiave a 17.659 punti. Terna imposta un nuovo rimbalzo

Ftse Mib. L’indice si porta leggermente sopra il livello chiave dei 17.659 punti, ostacolo che nell’ultimo mese ha bloccato l’ascesa dell’indice. Sarebbe già positivo vedere oggi una chiusura sopra 17.659 punti così il Ftse Mib recupererebbe tutto il terreno perso con la candela short day ad alta volatilità del 12 marzo scorso.

Amazon.Ieriil titoloha chiuso in rialzo la seduta a Wall Street, portandosi a ridosso del livello importante collocato a 2.035 dollari. Se venisse confermata già oggi la rottura di tale livello, il titolo potrebbe mettere nel mirino 2.095 dollari e poi aspirare a nuovi massimi storici.

Terna.Situazione grafica delicata peril titoloche non riesce a trovare la forza per portarsi a quota 6 euro, un livello di resistenza importante nel medio periodo. Da area 5,5 euro Terna sta tentando di far partire l’ennesimo tentativo di rimbalzo per ambire ai 6 euro che, se raggiunto, potrebbe migliorare il sentiment di mercato.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]

please wait…

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Post Correlati

Author: Finanza.com

Il mercato immobiliare sarà ingolfato di vendite a fine pandemia


Approfondimenti
IL FONDO DEI NONNI
https://www.eugeniobenetazzo.com/anziani-vitalizio-immobili-reverse-mortgage/ ***************************************************************** I miei modelli di portafoglio:
https://www.eugeniobenetazzo.com/markets ***************************************************************** Segui i miei outlook finanziari sui socials: http://www.facebook.com/followbenetazzo
http://it.linkedin.com/in/followbenetazzo

Russia Accuses Trump Of Trying To Conquer The Galaxy

President Trump took a giant leap for America this week by signing an executive order outlining US policy on commercial mining in space.

Upon Trump signing the order, entitled“Encouraging International Support for the Recovery and Use of Space Resources,”which gives Americans the “the right to engage in the commercial exploration, recovery, and use of resources in outer space,” the Russian space agency, Roscosmos, accused the US of attempting to conquer the galaxy.

Roscosmos said in a statement Tuesday that “Attempts to expropriate outer space and aggressive plans to de facto seize the territories of other planets will hardly encourage other nations to participate in fruitful cooperation.”

Sergey Savelyev, Roscosmos deputy director responsible for international cooperation, insisted President Trump’s space ambitions were tantamount to space colonialism:

“There have already been examples in history when one country decided to start seizing territories in its own interests and everyone remembers how that turned out,” Savelyev said.

The Kremlin said colonization of space would be “unacceptable.”

This is not the first time Washington has outlined the need to harvest resources from space. In 2015, Congress signed a law permitting companies to extract resources from asteroids and the moon.

After 50 years, NASA has recently released plans of returning to the moon by 2024. On the other hand, Roscosmos has said it will land Russians on Earth’s only natural satellite by 2030. As it appears, both space agencies are locked in a moon race for this decade.

It becomes quite apparent at this point why President Trump signed the National Defense Authorization Act in late 2019 to usher in the Space Force — the newest and sixth branch of the military — the first since the last branch, the US Air Force was established in 1947. That is because resource wars on other planets or the moon could be the next domain in warfare.

Author: zerohedge.com