How to Build a Star Trek: The Next Generation Mechanical Keyboard

Author: Ryan Whitwam ExtremeTechExtremeTech

This site may earn affiliate commissions from the links on this page. Terms of use.

Star Trek: The Next Generation first aired on TV more than 30 years ago, but it’s held up remarkably well. For myself and many other sci-fi fans, the exploits of the Enterprise-D were part of our formative years. I will always love this series, and I also love mechanical keyboards. So, why not combine my loves? That’s how I ended up with this LCARS keyboard. Here’s how I built it. 

The planning

Most of my keyboard projects are inspired by a particular keyboard kit or keyset, and this one is thanks to an official re-release of the Star Trek-themed keyset called DSA Galaxy Class. The colors come from the LCARS interface designed for The Next Generation and subsequently used in Deep Space Nine and Voyager. LCARS was created under the direction of Gene Roddenberry, who wanted the Enterprise-D to look so advanced that its screens would be simple and clean.

DSA Galaxy Class uses the same pastel color palette as the original LCARS screens, as well as the Star Trek “Swiss911” fonts. It also has custom legends from the show like “Eject Core” and “Engage.” This set originally ran several years back without an official Star Trek branding, but designer Ryan Norbauer worked with the Roddenberry Shop to make an officially licensed version for the 30th anniversary. The difference this time is the set comes in a snazzy box and includes novelty caps with Star Trek insignia. For a Star Trek fan, this set is truly drool-worthy.

I wasn’t content to just slap those glorious keycaps on any old board and call it a day. After pre-ordering the caps, I had many months of waiting ahead of me. So, I kept an eye out for new keyboard kits that had the right look — like the CA66 you see in the photos. This is a 65 percent keyboard, which is my preferred layout. More importantly, it has large, rounded bezels that look a bit like the computer consoles on the show.

Choosing the switches was a challenge. All the LCARS computers on the show are touch screens, so I didn’t want a switch that sounded too mechanical. Even non-clicky switches (like my favorite Zealio switches) tend to make a racket, so I used this as an opportunity to try a new-ish Zealio variant called Zilents (67g weight). These tactile switches have small rubber bumpers inside on the slider that dampen the noise of the switch. They feel otherwise just like Zealios.

Making modifications

Set designers got to work on the Enterprise-D in the late 1980s, so it has an…unusual aesthetic. The entire inside of the ship is tan. It’s a very distinctive look, and one not replicated in the later series. You’re also not likely to find a lot of keyboard cases in “Enterprise tan.”

Before: Very much not tan.

The CA66 kit I ordered came with a raw silver aluminum case. I chose this because I knew I would have to change the color anyway. I reached out to Ryan Norbauer, who created a limited edition tan-colored tenkeyless keyboard case to go along with the Galaxy Class keyset. With his assistance, I was able to have a local custom paint shop powder coat the CA66 case. The powder coat has a mild texture to make the board a little more visually interesting, and it’s the perfect Enterprise color.

After: Enterprise tan.

I also employed my middling design skills to create several “GNDN” labels for the board. You’ve probably seen these red labels floating around in the Star Trek universe. GNDN stands for “goes nowhere, does nothing” because they’re just there to make things look science-fiction-y. To replicate the iconic look of these warning labels, I had my creations printed by a few different vendors to test various materials. The most prominent GNDN sticker is on the top bezel of the board, identifying the keyboard as “LCARS TERMINAL 3823.04-1.”

Building and programming

It took several months of planning, research, and waiting to get all the parts, but I was finally ready to build the keyboard in June 2018. The CA66 has the perfect look for this project, but it’s a bit lacking in hardware features. For example, the plate doesn’t support removing switch tops. That makes repair and maintenance harder. I knew I needed to be extra careful in building this one, so I took my time.

The first step is almost always to add stabilizers to the PCB. These wires keep long keys like space and enter level as you press them. Most boards use PCB-mounted stabilizers, and those must be plugged in before you solder any switches. If you forget, you have to disassemble the entire keyboard and start over. Desoldering is also vastly harder than soldering in the first place.

Next, I plugged the switches into the plate and estimated the spacing. Lining the PCB up with the switches is a pain, but only then can you confirm they’re in the right place. I used keycaps to confirm the switches were in the right locations since the PCB supports several different layouts. Then, I locked everything in by soldering the four corner switches and one in the middle. I briefly plugged the PCB into my computer to make sure those switches worked. Everything looked good, so I carried on soldering. This layout has 66 switches, and each of those has two pins. So, that was 132 total solder points. Each one takes just a few seconds — any longer than that and you risk damaging the hardware.

The CA66 connects over USB Type-C, but the shape of the case requires the port to be on a small breakout board that links with the PCB via a ribbon cable. I mistakenly left the mounting screws in the case when it was painted. Luckily, I was able to get all three out without stripping them (that’s why they too are tan). After mounting the plate/PCB inside the case, I plugged in the USB cable and sealed it up.

Programming the CA66 was easy enough. It runs the TMK firmware, which I don’t enjoy as much as newer options like QMK. It’s a little limited, but there’s an online visual editor. That editor, however, is mostly in Chinese. Google Translate is necessary here. The desktop application for flashing a new layout is also in Chinese. Luckily, there are only a few buttons, so I was able to figure it out.

Wrapping up

After adding the Galaxy Class keycaps and GNDN stickers, I’m extremely happy with the Star Trek aesthetic. I think this keyboard would look totally at home on the Enterprise.

I also quite like it as a keyboard, too. This is the first time I’ve been able to use Zilent switches installed in a keyboard. They have the same robust tactile bump from Zealios with the addition of a quieter bottom out. This is a better solution than o-rings, which reduce travel and feel too mushy.

It took a long time to get this project finished, but it was worth it. After I finished this build, the manufacturer announced a new production round for later this year. This time, it’ll include an option for Bluetooth support on the PCB. I might pick up the new PCB to upgrade this keyboard. After all, wireless seems more futuristic, right?

ConciliaWeb, dal 23 luglio la piattaforma per risolvere le controversie tra utenti e operatori

Author: IlSoftware.it

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) ha annunciato che il prossimo 23 luglio verrà lanciato il nuovo portale ConciliaWeb, uno strumento appositamente progettato per dirimere le dispute tra consumatori e operatori di telecomunicazioni (ne avevamo parlato a novembre scorso: ConciliaWeb, nuovo strumento online per risolvere le dispute tra consumatori e operatori).

Entro il prossimo 19 luglio, inoltre, gli operatori dovranno inserire – nelle home page dei rispettivi siti web – un avviso circa la necessità per gli utenti di accedere alla piattaforma ConciliaWeb per la presentazione delle istanze di risoluzione delle controversie.

ConciliaWeb, dal 23 luglio la piattaforma per risolvere le controversie tra utenti e operatori

La piattaforma ConciliaWeb consentirà agli abbonati dei servizi telefonici, di connettività, delle pay-tv e degli altri soggetti che operano nel settore dei servizi digitali di presentare eventuali contestazioni per denunciare comportamenti che violano gli accordi contrattuali.
Anziché rivolgersi ai Corecom di zona, gli utenti potranno provare a risolvere le controversie direttamente online, senza mai spostarsi dal proprio domicilio.
Attraverso smartphone o PC, la gestione della “vertenza” sarà possibile in due differenti modalità: una asincrona, che prevede lo scambio di email e una sincrona, con l’opportunità di organizzare una videoconferenza per mettere le parti a confronto.

Piano spiagge sicure 2018, Salvini: “Nuove risorse contro l’abusivismo commerciale”


Author: F. Q. Il Fatto Quotidiano

“Ci sarà il coinvolgimento diretto degli enti locali, quindi ci sarà il protagonismo dei sindaci, degli assessori, che applicheranno ancor di più il daspo urbano, introdotto dal precedente governo, per le aree ad alta densità turistica. Uno strumento che permetterà di sanzionare ed intervenire in alcune zone che, dal Nord al Sud dell’Italia, sono infestate da abusivismo commerciale, sanitario e non solo. Così il vicepresidente del Consiglio, e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in conferenza stampa al Viminale, ha presentato il piano spiagge sicure estate 2018. “Non c’è solo la direttiva spiagge sicure ma ci sono anche, a corredo, alcuni milioni di euro che arrivano dal fondo giustizia, dai conti sequestrati ai mafiosi, per pagare gli straordinari agli agenti di polizia locale dei comuni interessati”, ha aggiunto Salvini.

Uscire dal nucleare per sempre, ovunque

Author: beppegrillo.it Il Blog di Beppe Grillo

di Gunter Pauli – Oggi ci sono in funzione 443 centrali nucleari in 30 paesi. In tutto producono 375 GW di energia.

La Cina sta costruendo 27 nuovi impianti, la Russia 11. Gli Stati Uniti sono il primo paese produttore di energia nucleare con 104 impianti, molto più della Francia (58) e del Giappone (50 togliendo le 4 centrali dismesse di Fukushima).

Di queste, circa 212 centrali hanno più di 30 anni e non esiste una scienza assoluta sulla durata di funzionamento di queste centrali nucleari. Il problema è che la maggior parte delle centrali si vogliono costruire nel Terzo Mondo, dove i canoni di sicurezza non sono il massimo.

Il relativo declino del nucleare era stato scolpito nella pietra ben prima del disastro di Fukushima. La Lituania e l’Italia hanno deciso di abbandonare del tutto il nucleare, mentre la Finlandia lamenta il fatto che l’impianto da 1,6 GW costruito dalle industrie francesi (AREVA) e tedesche (Siemens) sia in ritardo di 5 anni e presenti un superamento dei costi del 70%.

Solo i ritardi impongono ai consumatori una fattura annua supplementare di 1,3 miliardi di euro, senza prevedere l’aumento dei costi di capitale. L’ultimo impianto ordinato da Georgia Power nel 2010 è costato 17 miliardi di dollari. Il costo dell’investimento al chilo Wattora (kWh) prima dell’11 marzo 2011 era stimato a $ 7.000, ma con le misure di sicurezza supplementari che sono state imposte, hanno aumentato il costo a 10.000 dollari per kWh.

Quello che non si conteggia mai nei costi sono tutti i sussidi, i vantaggi in termini di ammortamento, la protezione assicurativa, il sostegno finanziario e lo smaltimento delle scorie. L’energia nucleare non solo distrugge il Pianeta, ma non è nemmeno competitiva.

Non sorprende quindi che, nonostante le massicce sovvenzioni e la protezione giuridica la capacità installata per le energie rinnovabili abbia superato a livello mondiale il nucleare.

Ora la domanda è: dove troverà il mondo tutta l’energia rinnovabile e a prezzi accessibili?

L’innovazione.

La Blue Economy ci propone di utilizzare ciò che abbiamo e di studiare la competitività di ogni innovazione senza aspettarci sovvenzioni. Quindi: ci sono soluzioni per le energie rinnovabili che siano veramente accessibili?

Negli ultimi mesi ho presentato un portafoglio di tecnologie attraverso il programma Blue Economy Innovations. Queste scoperte non hanno ricevuto molta attenzione probabilmente perché richiedono un know-how complesso. Tuttavia, queste nuove fonti di calore ed elettricità ridisegnerà e rafforzerà l’attuale panorama delle energie rinnovabili.

Le tre innovazioni sono:

  1. turbine eoliche verticali collocate all’interno di pali di trasmissione ad alta tensione esistenti
  2. la riprogettazione degli impianti esistenti di trattamento delle acque reflue urbane per combinare il trattamento delle acque con i rifiuti solidi urbani organici al fine di produrre biogas;
  3. la generazione combinata di calore ed elettricità con un sistema fotovoltaico bifacciale collocati in un contenitore riciclato, senza parti in movimento.

Se vogliamo seriamente impegnarci in una strategia per le energie rinnovabili senza l’avvertimento di rischi incalcolabili legati al nucleare, dobbiamo andare oltre l’attuale mix di energia solare, eolica, idroelettrica e rifiuti.

Mentre queste quattro energie hanno guidato le energie rinnovabili negli ultimi trent’anni, dobbiamo cogliere ulteriori opportunità che sono immediate e meno costose. È qui che entra in gioco un approccio creativo all’uso di impianti esistenti come i tralicci.

L’ovvio vantaggio aggiuntivo è la creazione di posti di lavoro.

E le tre tecnologie prese in considerazione sono solo alcune dell’ampio portafoglio di potenziali scoperte. Immaginate se tutte le ferrovie e le autostrade fossero dotate della tecnologia eolica? Immaginate se tutti i principali impianti di trattamento delle acque reflue delle aziende alimentari industriali avessero una strategia per il biogas? Immaginate se metà delle famiglie sostituisse il riscaldamento elettrico ad acqua con termo sifoni luminescenti, riducendo il consumo domestico del 15%?

Ora non sarebbe difficile trovare una soluzione globale che permetta l’uscita dal nucleare attraverso una strategia win-win, semplice, ampliando i benefici per tutti, riducendo il rischio e abbracciando le innovazioni che già ci sono e sono mature per l’attuazione.

Efficienza energetica: a che punto siamo e cosa possiamo fare?


Author: Giulio QualEnergia.it – Il portale dell'energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Un’analisi critica dei dati del Rapporto RAEE 2018 di Enea che mette in lucele criticità e le opportunità che devono essere affrontate dal nuovo Governo: importante una policy di incentivazione forte e coerente. L’intervento di Virginio Trivella di Rete Irene.

“‘Semplificazione‘ è la parola chiave che ha caratterizzato il 2017, anno in cui il nostro Paese ha messo in campo provvedimenti e strumenti strutturali per superare una serie di barriere che rendevano molto complessa l’attuazione delle politiche nazionali per l’Efficienza Energetica.”

“Primo fra tutti, la Strategia Energetica Nazionale (SEN) ha delineato per il settore edilizio, ritenuto il più critico anche a livello europeo, un percorso a lungo termine di riqualificazione del parco edifici, l’ottimizzazione delle detrazioni fiscali e l’utilizzo del Fondo Nazionale per l’efficienza energetica, meccanismo quest’ultimo pensato per ridurre le incertezze negli investimenti e stimolare i finanziamenti bancari.”

Con queste parole il presidente di ENEA Federico Testa ha introdotto la versione 2018 del Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica, l’appuntamento periodico che, insieme al Rapporto Annuale sulle Detrazioni del 65%, fa il punto sullo stato d’avanzamento del processo di riduzione dei consumi di energia in Italia e sull’efficacia delle policy messe in atto per accelerare la transizione energetica del Paese (documenti in allegato in basso).

Gli ultimi dati aggregati risalgono al 2016 e, dopo la preoccupante inversione di tendenza registrata nel 2015, mostrano che anche nel settore civile i consumi di energia in Italia hanno ripreso un debolissimo percorso di decrescita.

Il settore continua a detenere il primato dei consumi nazionali (39%), con il residenziale al 26% (in calo dell’1% rispetto al 2015) e il non residenziale comprensivo della Pubblica Amministrazione al 13% (in crescita dello 0,3%).

Grafico: Impieghi finali di energia per settore 1990 – 2016
clicca sull’immagine a fianco per ingrandire

Grafico: Consumo energetico nel residenziale per fonte 2005 – 2016
clicca sull’immagine a fianco per ingrandire

Grafico: Consumo energetico nel settore non residenziale per fonte 2005 – 2016
clicca sull’immagine a fianco per ingrandire

Abbiamo rispettato gli obiettivi del Paee?

Rispetto all’obiettivo al 2020 fissato dal PAEE 2014, pari a 15 Mtep/anno di riduzioni di consumi di energia finale, nel periodo 2011-2017 risultano conseguiti risparmi pari al 52% (mediamente 1,3 Mtep/anno).

Il restante 48% dovrebbe essere realizzato negli ultimi tre anni con risparmi annui medi di 2,5 Mtep/anno, e la complessità del compito ha indotto Davide Crippa, nuovo Sottosegretario di Stato per lo Sviluppo economico intervenuto al convegno di presentazione del Rapporto, ad affermare che “c’è da fare uno sforzo molto considerevole, e su questo c’è da impegnarsi veramente tanto”.

Più nel dettaglio, risulta che il settore residenziale nel 2017 ha già quasi raggiunto l’obiettivo di risparmio di 3,67 Mtep/anno. Tutti gli altri settori invece sono molto più indietro.

L’industria è al 49% dell’obiettivo al 2020, i trasporti al 31%, il terziario (che è incluso nel macrosettore civile) al 17,5%.

È intuitivo che il successo nel residenziale sia dovuto alla fissazione di un obiettivo di risparmio molto basso rispetto al suo potenziale oltre che al successo di politiche di incentivazione, sebbene – come ripetiamo da anni – esse siano state per lungo tempo molto lontane da criteri di ottimalità. Ma questo consente di sostenere che si possa fare molto di più, anche in previsione di progressi più lenti in altri settori.

Tabella: Risparmi energetici conseguiti al 2017 e attesi al 2020
clicca sull’immagine a fianco per ingrandire

Il ruolo dell’Ecobonus

È bene infatti evidenziare che i risultati conseguiti beneficiano ancora solo marginalmente delle fondamentali novità vigenti dal 1° gennaio 2017 (con l’introduzione dell’ecobonus per i condomini), e per nulla del nuovo e dirompente meccanismo di cessione dei crediti fiscali che comincia solo ora ad attivarsi.

Inoltre, nel 2017 il sistema dei certificati bianchi è andato in crisi, dimezzando i risparmi ottenuti rispetto all’anno precedente.

Tabella: Risparmi da Certificati Bianchi 2005 – 2017
clicca sull’immagine a fianco per ingrandire

Sembra quindi evidente che puntare su una più ampia diffusione degli interventi di deep renovation degli edifici attraverso l’applicazione estensiva delle detrazioni fiscali sia oggi un mezzo irrinunciabile per conseguire gli obiettivi complessivi al 2020 e per traguardare quelli ben più impegnativi fissati qualche giorno fa dagli organi dell’Unione Europea per il 2030, che dovranno essere recepiti nel Piano Energia e Clima in predisposizione entro la fine dell’anno.

Di questo sembrano essere consapevoli i responsabili della strategia energetica nazionale: confrontando le tabelle dei risparmi obbligatori da conseguire entro il 2020 ai sensi della Direttiva Efficienza Energetica pubblicate nel 2017 e nel 2018, si osserva che quelli attesi dai certificati bianchi sono stati ridimensionati di oltre il 20%, mentre quelli dovuti alle detrazioni fiscali sono più che raddoppiati.

Le previsioni relative al Conto Termico, che erano state fissate a un irrealistico 23% dei risparmi globali attesi, sono state quasi annullate, mentre sono stati aggiunti i risparmi previsti dall’attuazione del Piano Industria 4.0 (che in assenza di strumentazione specifica rischia di rimanere uno slogan) e del Fondo nazionale per l’efficienza energetica.

Tabella: Risparmi obbligatori anni 2014 – 2017
clicca sull’immagine a fianco per ingrandire

Tabella: Risparmi obbligatori anni 2014 – 2017
clicca sull’immagine a fianco per ingrandire

A proposito di quest’ultimo, il 6 marzo 2018 è finalmente entrato in vigore, con quattro anni e mezzo di ritardo, il decreto attuativo previsto dal D.Lgs. 102/2014, ma nella realtà il Fondo non è operativo perché le regole applicative non sono ancora state definite.

Allo stesso modo, non si ha alcuna notizia del decreto istitutivo di una sezione specifica del Fondo finalizzata al rilascio delle garanzie su operazioni di finanziamento degli interventi assistiti dall’ecobonus, previsto dall’ultima legge di bilancio e che avrebbe dovuto essere emanato entro il mese di marzo 2018.

Quello delle garanzie è un tema fondamentale per la diffusione degli interventi di riqualificazione degli edifici popolari, che spesso sono quelli che presentano le caratteristiche energetiche peggiori.

La mancanza di tempestività nell’emanazione dei decreti attuativi ha un gravissimo impatto sull’efficacia dei provvedimenti, così come lo ha avuto il ritardo nella definizione delle regole della cessione dei crediti fiscali, che ha fatto perdere quasi due anni durante i quali si sarebbe potuto fare molto di più di quanto è stato registrato dal Rapporto. Su questo aspetto la politica e i vari organi amministrativi dello Stato (Ragioneria Generale inclusa) dovrebbero fare una seria riflessione critica e impegnarsi in un deciso cambio di passo.

Costo efficacia

Una conclusione interessante rinvenibile nel Rapporto RAEE 2018 di ENEA ha a che fare con l’analisi del costo-efficacia dei meccanismi di incentivazione, che evidenzia per quelli orientati all’efficienza energetica valori migliori rispetto a quelli relativi alle rinnovabili, a conferma della correttezza dell’impostazione Efficiency first che la politica energetica dovrebbe sempre privilegiare.

Tabella: Costo efficacia dei meccanismi incentivanti al 2017
clicca sull’immagine a fianco per ingrandire

Sempre in tema di costo-efficacia, è interessante l’analisi condotta sui vari tipi di interventi che mostra, ancora una volta, la convenienza economica a intervenire sul miglioramento degli involucri edilizi prima che sull’efficacia degli impianti.

Dati analoghi sono stati recentemente pubblicati anche dall’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano: le differenze sono dovute a diverse modalità di computo, ma i rapporti tra i costi dei vari tipi di intervento sono sostanzialmente gli stessi.

Tabella: Costo efficacia dei meccanismi incentivanti per comma anni 2014 – 2017
clicca sull’immagine a fianco per ingrandire

Conclusioni

Tornando alle parole del presidente di ENEA, il “percorso a lungo termine di riqualificazione del parco edifici, l’ottimizzazione delle detrazioni fiscali e l’utilizzo del Fondo Nazionale per l’efficienza energetica” dovrebbero essere posti saldamente tra le priorità del nuovo Governo.

Il percorso a lungo termine deve essere proseguito senza esitazioni e ripensamenti, e non deve essere messo a rischio dalle dichiarazioni forse un po’ superficiali di chi mette in discussione l’utilità delle agevolazioni o il percorso di eliminazione e riallocazione dei sussidi ambientalmente dannosi.

Degno di nota è il commento pronunciato dall’ex Viceministro all’Economia Enrico Morando (che è stato completamente travisato nelle sintesi pubblicate da alcuni organi di stampa), che mai come in questa occasione è stato così netto nell’affermare che queste misure di spesa fiscale hanno un moltiplicatore sul piano economico molto elevato, sufficiente a rendere sostenibile una loro applicazione estremamente diffusa.

Tra le ottimizzazioni del sistema di incentivazione che potrebbero essere implementate senza difficoltà vi potrebbero essere l’uniformazione del trattamento fiscale (compresa la facoltà di cessione) per tutti gli interventi realizzati nell’ambito di un unico progetto di riqualificazione, al fine di semplificarne i processi di finanziamento; l’agevolazione preferenziale degli interventi il più possibile integrati ed efficienti, soprattutto in ambito condominiale; la revisione dei requisiti minimi di efficientamento energetico per l’eliminazione di alcuni aspetti che limitano fortemente la fattibilità di molti progetti; l’eliminazione di alcuni limiti soggettivi alla fruizione degli incentivi, come quelli che riguardano gli edifici di proprietà dei soggetti IRES, del terzo settore e delle amministrazioni pubbliche.

Dell’utilità del fondo di garanzia a favore del finanziamento degli investimenti in efficienza energetica si è già detto, trattandosi di un tassello essenziale per lo sviluppo delle operazioni nel segmento dell’edilizia popolare, come anche è stato sottolineato dal Sottosegretario Crippa.

Oltre a presentare un dettagliato aggiornamento dei dati consuntivi e delle linee di tendenza, il Rapporto RAEE 2018 di ENEA ha il merito di aver iniziato l’approfondimento di alcuni aspetti non presenti nelle versioni precedenti e di grande valenza per l’effettivo dispiegamento su grande scala delle attività di efficientamento energetico degli edifici.

In particolare, è interessante l’analisi delle barriere non economiche e il tentativo di individuare modalità e strumenti per accrescere la consapevolezza del pubblico, indurre cambiamenti comportamentali e fornire informazioni necessarie ad agire, attuando una strategia comunicativa puntualmente mirata a superare gli ostacoli che assai spesso mortificano l’impegno a favore dell’efficienza energetica.

Oltre all’attività meritoriamente condotta da ENEA, andrebbe forse maggiormente sottolineato il maggiore impegno che dovrebbe essere assunto dalle amministrazioni locali nella promozione degli interventi e nel monitoraggio e controllo delle attività che sono realizzate nei territori di propria competenza.

Il Rapporto RAEE 2018 di ENEA si chiude con una serie di suggerimenti che non possiamo far altro che sottoscrivere, auspicando che il nuovo Governo non disperda l’esperienza avviata negli ultimi anni e si impegni a perfezionarla, affidando un ruolo di primo piano alla politica di stimolo dell’attività edilizia, in stretta connessione con quelle rivolte alla tutela dell’ambiente e della salute, alla sicurezza energetica, allo sviluppo dell’occupazione e al contrasto del depauperamento della ricchezza delle famiglie.

(Virginio Trivella è coordinatore del Comitato tecnico scientifico di Rete IRENE, l’articolo è stato pubblicato originariamente sul sito dell’associazione, riproposto su QualEnergia.it con il consenso dell’autore)

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO