Categorie
Economia

Torrino DAO is listed on Magic Eden

https://magiceden.io/marketplace/torrino_dao_collection

YouChain S.p.A.

Digital Asset Management | https://www.youchain.it

Il primo incubatore finanziario in Italia ad investire in digital assets

Capitali Coraggiosi

Inside Crypto Asset Management

Disponibile su https://www.amazon.it/dp/B0BRDCP3MY

Sezione Markets: Area Riservata

Analisi settimanali su fondi, azioni, bonds e digital assets

https://eugeniobenetazzo.com/markets/

Twitter

https://twitter.com/We_Are_YouChain

Linkedin

https://www.linkedin.com/in/followbenetazzo/

Instagram

https://www.instagram.com/eugenio_benetazzo/

Categorie
HardwareSoftware

Lenovo Unveils Yoga Slim 7x 14 Gen 14 and ThinkPad T14 Gen 6 Notebooks Powered By Qualcomm Snapdragon X Elite

Author: AnandTech

While we’ve been expecting the availability of the Qualcomm Snapdragon X Elite processor to be around the middle of this year, Lenovo has announced two new ‘AI-powered’ notebooks for the Windows on Arm platform. Announced is the Lenovo Yoga Slim 7x Gen 14 and the Lenovo ThinkPad T14s Gen 6 both feature Qualcomm’s latest 12-core Snapdragon X Elite processor, ushering in a new era for Microsoft’s Windows on Arm platform. Lenovo aims to target content creators and business professionals with these new models.

Qualcomm’s new Snapdragon X Elite processor looks set to try to change the adoption of the Windows-on-Arm devices, with a critical focus on providing AI capability on device, which promises up to 45 TOPs of performance solely from the Hexagon NPU. Powered by the Oryon CPU cores, the Snapdragon X Elite is designed to deliver exceptional performance and efficiency, achieving up to 3.8GHz in all-core turbo in intensive workloads. The processor also includes the latest Hexagon NPU, offering 45 TOPS of performance for INT8 tasks, making it well-suited for handling complex AI tasks on devices such as Generative AI. 


Lenovo Yoga Slim 7x Gen 14 Notebook for Windows on Arm

Starting with the slimmer of the two models, the Lenovo Yoga Slim 7x is primarily tailored for creators. It is designed to be thin, lightweight, and portable and has a 70 Wh battery, making it ideal for creators on the go. The device is powered by the latest Snapdragon X Elite processor, featuring Qualcomm’s integrated Hegaxon NPU designed to power GenAI-based text-to-image capabilities, sophisticated photo and video editing tools, and intelligent text creation and editing feedback.


The Lenovo Yoga Slim 7x Gen 14 is just 12.9 mm thick.

For connectivity, it only uses Type-C, with three USB 4 Type-C ports for the fastest 40 Gbps-capable devices. It also has a single audio jack with an HDMI 2.1 video output. Built into the top bezel is a 1080 webcam with four microphones, and it also supports IP MIPI with an integrated privacy shutter. Additional features include Dolby Atmos audio, while it also comes with Wi-Fi 7 and Bluetooth 5.3 connectivity incorporated within the Qualcomm Snapdragon X Elite processor. It weighs just 1.28 kg, with a slim 12.9 mm profile, making the Lenovo Yoga Slim 7x perfectly light for users on the go.


The Lenovo ThinkPad T14s Gen 6 notebook

On the other hand, the Lenovo ThinkPad T14s is optimized primarily for business users. It is designed to deliver optimal performance and efficiency with the Qualcomm Snapdragon X Elite 12-core processor. As with the Yoga Slim 7x, the ThinkPad T14s uses the integrated Qualcomm Adreno GPU for graphics capabilities, and it powers the 14″ display, which can come in 1920 x 1200 IPS or 2.8K with an OLED panel. The on-device Hexagon NPU primarily handles AI inferencing tasks on chips and ensures seamless integration with Microsoft 365 applications. This model is designed to provide robust device management, enhanced collaborations on the go, and integrated chip-to-cloud security for professional environments.

Lenovo ThinkPad T14s Gen 6 & Yoga Slim 7x 14 Gen 9 Specifications
(Qualcomm Snapdragon X Elite Models)

AnandTech
ThinkPad T14s Gen 6
Yoga Slim 7x 14 Gen 9 

Processor
Qualcomm Snapdragon X Elite
Windows on Arm
12C / 12 T
Up to 3.8 GHz All-Core
4.2 GHz 2T Boost
Dynamic undisclosed TDP
Qualcomm Snapdragon X Elite
Windows on Arm
12C / 12 T
Up to 3.4 GHz All-Core
4.0 GHz 2T Boost
Dynamic undisclosed TDP

Memory
Up to 64 GB LPRRD5X-8533
2 x 32 GB
Up to 32 GB LPRRD5X-8448
2 x 16 GB

GPU
Qualcomm Snapdragon X Elite Adreno Graphics

NPU
Qualcomm Hexagon NPU (45 TOPS)

Display
14″ IPS, 1920 x 1200, sRGB, 400 nits
14″ IPS, 1920 x 1200, NTSC, 400 nits
14″ OLED, 2.8k, HDR5x, 400 nits
14.5″ OLED, 2944 x 1840, 90Hz, Touch
 

Storage
Up to 1 TB PCIe 4.0 x4
Up to 1 TB PCIe 4.0 x4

Networking
Wi-Fi 7
Bluetooth 5.3
Wi-Fi 7
Bluetooth 5.3

Audio
Dual Speakers, Dolby Audio
Dolby Atmos

Battery
58 Wh (No battery runtime claimed)
70 Wh (No battery runtime claimed)

Connectivity
2 x USB 3.2 G2 Type-A
2 x USB 4 Type-C
Audio Jack
HDMI 2.1 Output
3 x USB 4 Type-C, PD 3.1, DP 1.4

Dimensions
313.6 x 219.4 x 16.9 mm (12.34 x 8.64 x 0.67 inches)
325 x 225.15 x 12.9 mm (12.8 x 8.86 x 0.51 inches)

Weight
1.24 kg / 2.72 lb
1.28 kg / 2.82 lb

Camera
1080p, IR MIPI /w Privacy Shutter
1080p, IR MIPI /w Privacy Shutter

Color
Eclipse Black
Cosmic Blue

Pricing
Starting From $1699
Starting From $1199

On the connectivity front, it has dual USB 3.2 G2 Type-A ports and two USB 4 Type-C ports for the fastest 40 Gbps-capable devices. It also has a single audio jack with an HDMI 2.1 video output. Built into the top bezel is a 1080 webcam with dual microphones, and it also supports IP MIPI with an integrated privacy shutter. Additional features include a fingerprint reader within the power button and dTPM. Lenovo uses the integrated Wi-Fi 7 within the Snapdragon X Elite for wireless connectivity, providing Bluetooth 5.3 support.

The Lenovo Yoga Slim 7x 14 Gen 9 and ThinkPad T14s Gen 6 can support up to 1TB of PCIe 4.0 x4 storage, while memory capability depends on the model. The Yoga 7x 14 Gen 9, a slimmer model, is limited to 32 GB of LPDDR5X-8448 memory in a dual-channel configuration. At the same time, the ThinkPad T14s Gen 6 can accommodate up to 64 GB of slightly faster LPDDR5X-8533 memory.

Additionally, Lenovo offers deployment services through its Lenovo TruScale platform to support the efficient management of next-generation AI PC devices such as these models. These services include customizable security features, tailored deployment processes, enhanced control over the deployment process, and services designed to align with specific business objectives.

Both the Lenovo Yoga Slim 7x and the Lenovo ThinkPad T14s Gen 6 will be available starting June 2024, with the Yoga Slim 7x starting at $1,199 and the ThinkPad T14s Gen 6 priced starting at $1,699.

Gallery: Lenovo Unveils Yoga Slim 7x and ThinkPad T14 Gen 6 Powered By Qualcomm Snapdragon X Elite

Categorie
HardwareSoftware

Intel sfida Qualcomm con Lunar Lake: +40% Prestazioni IA. Novità anche per Arrow Lake

Author: Tom’s Hardware

In una mossa ambiziosa, e che punta a ribadire il proprio predominio nel settore dei processori dedicati all’AI, Intel ha annunciato i suoi prossimi chip Lunar Lake, previsti per il lancio nel terzo trimestre del 2024.

Questi nuovi processori, secondo quanto dichiarato dall’azienda, offriranno prestazioni AI superiori di 1.4 volte rispetto ai chip Qualcomm Snapdragon X Elite, presentati oggi da Microsoft.

Intel non solo promette un rilevante balzo in avanti nelle capacità di intelligenza artificiale, ma sottolinea anche i notevoli vantaggi in termini di durata della batteria e efficienza energetica per i dispositivi che li adotteranno.

I processori Lunar Lake vengono descritti come i più efficienti mai realizzati da Intel in termini di consumo energetico su piattaforma x86, vantando un consumo inferiore del 20% rispetto ai chip di Qualcomm e del 30% rispetto agli AMD Ryzen 7 7840U.

Oltre a Lunar Lake, Intel sta anche preparando il lancio dei processori Arrow Lake dedicati ai PC desktop AI e previsti per il quarto trimestre del 2024. Ulteriori dettagli su questi chip saranno rivelati durante un evento di Intel per la stampa, che si terrà poco prima del Computex 2024.

Il lancio di Lunar Lake non include solo miglioramenti hardware, ma anche delle ottime prestazioni nel gaming, grazie al nuovo design della GPU integrata con architettura Xe2, che dovrebbe garantire prestazioni superiori del 150% rispetto ai chip Meteor Lake di generazione precedente.

Queste affermazioni arrivano in concomitanza con l’evento Surface AI di Microsoft, durante il quale sono stati svelati nuovi prodotti basati proprio sul processore Qualcomm Snapdragon X Elite.

Tom’s Hardware

Immagine id 9282

Nel confronto diretto, Intel si propone quindi come una soluzione più potente e efficiente, pronta a contrastare il dominio apparentemente inattaccabile dei sistemi M3 di Apple, una frontiera che né Intel né AMD sono ancora riusciti a superare.

Intel ha inoltre dato un assaggio delle specifiche dei Lunar Lake, rivelando che sarà composto da tre chiplet/tiles, con i core di performance (P-cores) che utilizzano la nuova microarchitettura Lion Cove e i core di efficienza (E-cores) basati su Skymont. Anche se non sono stati divulgati i dettagli completi, è stato specificato che un modello chiave, il Lunar Lake MX, avrà quattro P-cores e quattro E-cores.

Aspetto chiave dei Lunar Lake è anche il miglioramento dell’unità di elaborazione neurale (NPU), che ora offre prestazioni fino a 45+ TOPS, quadruplicando quella di Meteor Lake e superando i requisiti di Microsoft per i PC AI di nuova generazione. Questa potenza computazionale permetterà di gestire in locale applicazioni quali Microsoft Copilot, oltre a numerosi altri carichi di lavoro AI-accelerati.

Infine, la strategia di Intel non trascura l’ecosistema software per AI, con già sette milioni di dispositivi dotati di processore AI inviati e altri 40 milioni previsti entro fine anno.

L’obiettivo dichiarato è di raggiungere i 100 milioni di PC AI venduti entro il 2025, con un impegno costante nel mantenere aggiornati i driver e nel supportare un vasto numero di modelli AI all’uscita.

Con i wafers di Lunar Lake già in produzione, e la crescente domanda di soluzioni CPU infused-AI, il mercato è in attesa di vedere come questi nuovi prodotti si comporteranno una volta rilasciati sul mercato.

Categorie
HardwareSoftware

Slack: dati utenti usati senza consenso per addestrare modelli ML

Author: IlSoftware

Slack addestra i suoi modelli ML con i dati degli utenti senza il loro consenso

Si accende la polemica su Slack, la nota piattaforma di collaborazione aziendale dal 2020 nella scuderia di Salesforce. Le critiche hanno un motivo preciso: Slack Technologies sta addestrando i suoi modelli di machine learning con i dati degli utenti senza però una loro autorizzazione esplicita. Tutto ciò avviene per impostazione predefinita e chiedere l’esclusione non è poi così semplice e immediato.

Slack e l’addestramento dei modelli ML: pioggia di critiche per l’uso dei dati degli utenti senza autorizzazione

Il caso è esploso quando Corey Quinn (dirigente di DuckBill Group), dopo aver individuato tale politica in trafiletto nel documento “Principi di privacy: ricerca, apprendimento e intelligenza artificiale” (che può essere consultato qui), ha condiviso il suo disappunto su X. Nell’informativa si legge quanto segue: «Per sviluppare modelli AI/ML, nostri sistemi analizzano i dati dei clienti caricati su Slack nonché altre informazioni (comprese le informazioni sull’utilizzo) come indicato nella nostra Privacy Policy e nel contratto con il cliente».

Vista la crescente preoccupazione, Slack ha pubblicato un post su blog per chiarire come vengono utilizzati i dati dei clienti. Secondo l’azienda, tali dati non vengono dati impasto ad un sistema di addestramento dei prodotti di AI generativa, per quelli vengono impiegati LLM di terze parti, ma vengono usati unicamente per modelli ML per prodotti come “canali, suggerimenti di emoji e risultati di ricerca”. Inoltre, l’azienda specifica che i modelli ML non accedono al contenuto dei messaggi nei DM e dei canali (pubblici o privati che siano) e che la raccolta avviene in forma aggregata, quindi non è possibile associare il file al singolo utente.

Come già anticipato, chiedere che i propri dati non vengano utilizzati per l’addestramento del machine learning non è una procedura così immediata. Secondo quanto indicato nella Privacy Policy, per tirarsi fuori da questa pratica (opt-out) bisogna chiedere a chi gestisce l’area di lavoro Slack di contattare l’assistenza clienti via email e attendere che la richiesta venga elaborata. Perché questo passaggio “lento e macchinoso”? Forse, scrive qualcuno sui social, per far desistere gli utenti, dal momento che meno dati ci sono, meno performante è il modello AI.

Categorie
HardwareSoftware

AI PC Lunar Lake, Intel è sicura: un chip x86 così non si è mai visto

Author: Hardware Upgrade

Intel scalda i motori in vista dell’infuocata seconda metà dell’anno e, in anticipo sul Computex, ci ha svelato alcune delle importanti novità che vedremo nel settore client, in particolare per quanto concerne l’ambito notebook.

AI PC” è l’adagio che ha accompagnato il briefing a cui abbiamo partecipato. I processori da qui in avanti non potranno più prescindere dall’avere, oltre alla CPU e alla GPU, anche la NPU, un terzo componente che consente una gestione bilanciata dei carichi IA, affinché tutto si svolga con prestazioni adeguate e con i minori consumi possibili. Solo in questo modo, infatti, l’IA diventerà sempre più locale e meno un affare legato al cloud.

Per parlarci del futuro Intel è partita dal presente: la società ha già consegnato oltre 7 milioni di unità dei processori Meteor Lake, il processore mobile noto come Core Ultra 100 Series. L’obiettivo, dichiarato anche nell’ultima trimestrale, è consegnarne oltre 40 milioni entro l’anno e arrivare superare i 100 milioni di AI PC entro fine 2025.

Il dato è importante perché significa creare una base installata ampia per dare agli sviluppatori la motivazione di aggiungere funzionalità di IA ai propri software. Intel sta chiaramente lavorando su tutti i fronti possibili e recentemente abbiamo appreso che sono oltre 500 i modelli IA ottimizzati per i processori Intel Core Ultra: tra questi Llama 3 di Meta e Phi-3 di Microsoft, al “day one”.

La società sta lavorando con oltre 100 software house per supportare più di 300 funzionalità di IA. Tra queste, Intel si è soffermata su McAfee Deepfake Detector, una tecnologia che è in grado di identificare i video falsi generati con l’IA.

Il lavoro congiunto permette ai modelli IA di McAfee di girare in locale e sfruttare la NPU dei Core Ultra, senza rivolgersi al cloud. McAfee ha rilevato un miglioramento delle prestazioni del 300% sullo stesso modello sfruttando la NPU rispetto a un classico progetto basato solo su CPU e GPU.

Se Meteor Lake è quindi l’inizio della nuova era degli AI PC, un primo passo necessario per stabilire fondamenta solide, cosa ci riserva il futuro? Lunar Lake e Arrow Lake.

I due nomi in codice non sono nuovi, se ne parla da tempo, ma è attorno a loro che ruotano gli AI PC che segneranno la fine del 2024 e buona parte del 2025. Intel non ha parlato di Arrow Lake, lasciando questo argomento per il Computex di Taipei di inizio giugno; si tratta di un processore desktop, il primo di Intel con la NPU.

Lunar Lake è il nome in codice del processore mobile degli AI PC attesi a fine anno. In arrivo nel Q3 (terzo trimestre), in tempo per l’importante stagione degli acquisti natalizi, Lunar Lake è un processore tutto nuovo in termini di architettura.

Non solo la NPU offre prestazioni superiori a 45 TOPS, oltre il triplo rispetto a quella integrata in Meteor Lake, ma prevede una GPU basata su architettura Xe2 Battlemage. Anch’essa è dotata di XMX Engine per l’IA e, secondo Intel, offre performance superiori ai 60 TOPS. Sommando il tutto, Lunar Lake supera 100 TOPS (Meteor Lake si ferma a 34 TOPS).

Sul fronte della CPU, nuove architetture per quanto riguarda P-core (Lion Cove) ed E-core (Skymont) migliorano l’IPC e il rapporto prestazioni per watt – ossia l’efficienza complessiva – grazie a un Thread Director aggiornato.

Come visto in Meteor Lake, anche Lunar Lake prevede una “Low Power Island”, al cui interno vi sono dei core a basso consumo che si occupano dei carichi più leggeri e di routine, migliorando enormemente l’autonomia complessiva.

Tutto questo non sarebbe possibile senza la tecnologia di packaging avanzato Foveros 3D. Intel non è entrata del tutto nei dettagli ma, anticipazioni e foto del design, mostrano le presenza di due chip di memoria LPDDR5X sul package, un buon modo per mantenere i dati il più vicino alle unità di calcolo, permettendo così di avere alte prestazioni e bassi consumi. Lunar Lake dovrebbe avere fino a 32 GB di LPDDR5X.

Tutto questo, secondo Intel, permetterà a Lunar Lake di offrire prestazioni di IA superiori allo Snapdragon X Elite di Qualcomm, pronto ad arrivare sul mercato nel corso dell’estate e per cui è prevista una presentazione ufficiale in queste ore. Secondo le proiezioni di Intel su numeri pubblici, Lunar Lake è il 40% più veloce del SoC di Qualcomm in Stable Diffusion 1.5. Intel ha sottolineato che questo dato non è figlio solamente delle prestazioni di calcolo pure della NPU, ma soprattutto dell’ottimizzazione software. La società ha ribadito che oggi più che mai l’ottimizzazione è il vero elemento differenziante tra un’esperienza appagante e una non soddisfacente.

Non solo, la parte grafica di Lunar Lake è il 50% più veloce di quella di Meteor Lake. Infine, Intel afferma che i core x86 sono “più veloci” sia di quelli a bordo del Ryzen 7 8840U che di quelli dello Snapdragon X Elite, senza però rilasciato informazioni dettagliate in merito, dicendosi non ancora pronta a farlo ma “molto fiduciosa”.

In chiusura, i consumi. Lunar Lake è un design pensato per consumare il meno possibile e, secondo Intel, non si è mai vista un’architettura x86 tanto efficiente. Intel parla di consumo attivo del 20-30% inferiore rispetto a chip sul mercato come il Ryzen 7 7840U e lo Snapdragon 8cx Gen 3 durante una conferenza con Microsoft Teams. Ora non ci resta che attendere ulteriori dettagli e il debutto per capire se Lunar Lake imprimerà una svolta decisa al mondo mobile e all’emergente ambito degli AI PC.