Dco sbilanciamenti, le osservazioni di Anev

Molte critiche alle proposte fatte dall’Autorità nel dco 316/16, ritenuto discriminatorio per le rinnovabili non programmabili. E una serie di proposte per permettere alle fonti pulite di partecipare alla pari al mercato. Uno sguardo alle osservazioni degli operatori dell’eolico al dco sugli sbilanciamenti.

Discriminatorio e penalizzante per una fonte che non può migliorare le proprie previsione oltre i limiti tecnici possibili”: è duro il giudizio che gli operatori dell’eolico rappresentati da Anev danno del dco 316/16 sulla disciplina degli sbilanciamenti proposto dell’Autorità.

ANEV condivide le finalità della riforma, ma – sottolinea in una nota – ritiene …

Autore: QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Monaco: nuovi morti in una sparatoria nel centro commerciale.

Quelle che sembrano essere le immagini dell’attentatore di Monaco, davanti al fast food Mac Donalds.

Una nuova sparatoria ha avuto luogo nel quartiere di Moosach, a Monaco di Baviera, in Germania. È iniziata alle 17:52, in un Mac Donalds davanti al centro commerciale Olimpia (OEZ). La polizia conferma che ci sono molte vittime. Secondo alcune emittenti locali: 15 corpi a terra, di cui almeno 6 morti. Persone barricate nei negozi, elicotteri che sorvolano la zona e la polizia tutto intorno. La metropolitana a Monaco è stata chiusa e tutta l’area è stata chiusa al traffico. Sembra che a sparare siano stati almeno tre uomini. Gli autori sono in fuga. I dipendenti non possono lasciare i negozi, nell’attesa che l’area venga bonificata.

La polizia di Monaco ha annunciato in un tweet che è in corso un evento gravissimo e ha chiesto a tutti i cittadini di sgomberare la zona.

centro commerciale monaco - attacco sparatoria

Nuovi aggiornamenti a mano a mano che arrivano le notizie.

Unisciti al gruppo Telegram per ricevere aggiornamenti e discuterne con gli altri lettori della Pagina: https://telegram.me/joinchat/A2QpiT9W8GMkmcZQjcXY7g

donate

Autore: Byoblu.com

Red Devil RX480 è la scheda video custom di Powercolor

Anche TUL Corporation, azienda taiwanese che produce schede video basate su GPU AMD Radeon vendute con brand Powercolor, ha annunciato una propria soluzione basata su GPU Radeon RX 480. Parliamo della scheda Powercolor Red Devil RX480 8GB GDDR5, modello che è caratterizzato da un design custom abbinato ad un sistema di raffreddamento a tripla ventola.

powercolor_rx480_devil_1.jpg (105671 bytes)

La scheda utilizza GPU Radeon RX 480 in declinazione con frequenza di clock massima pari a 1.330 MHz, abbinata a 8 Gbytes di memoria video da 2.000 MHz di clock (8 Gbps effettivi): se per la GPU è offerto un interessante overclock di serie così non è per la memoria video, che mantiene le specifiche AMD. Il funzionamento stabile in overclock è assicurato dalla presenza di 3 ventole, che sormontano una voluminosa struttura dissipante con heatpipes.

powercolor_rx480_devil_2.jpg (76849 bytes)

A caratterizzare la costruzione della scheda troviamo anche una placca posteriore in alluminio a copertura del PCB, che assolve il compito di proteggere i componenti superficiali oltre che di irrobustire e rinforzare la scheda. Il pannello delle connessioni video prevede una porta DVI Dual Link, un connettore HDMI 2.0b e 3 porte Display Port in standard 1.4.

powercolor_rx480_devil_3.jpg (66089 bytes)

Powercolor Red Devil RX480 8GB GDDR5 sarà proposta in vendita a partire dal 29 Luglio, ad un listino ufficiale tasse escluse pari a 269 dollari nel mercato nord americano. Al momento attuale non è stata fornita indicazione circa disponibilità e prezzo per il nostro mercato; ulteriori informazioni sono disponibili sul sito del produttore a questo indirizzo.

Autore: Le news di Hardware Upgrade

Facebook: copertura internet in zone remote con droni Aquila

Oggi essere tagliati fuori da internet è come trovarsi fuori dal mondo. Per servire le aree non coperte dal servizio, i grandi operatori si stanno attrezzando. Anche Facebook si pone il problema. I vertici del noto social network hanno pensato di affidarsi a velivoli in quota per distribuire il segnale. Il drone Aquila è il prodotto di questa ricerca.