Sapphire officially unveils RX 480 Nitro+ graphics cards

Coming in 4GB and 8GB versions

Sapphire has now officially announced its custom Radeon RX 480 graphics card, the Sapphire RX 480 Nitro+, that will be available in both 4GB and 8GB versions and come with a fully-custom cooler, high factory-overclock and plenty of other features.

While reference Radeon RX 480 was not bad either, although it had some troubles with excessive power draw from the PCIe slot, some of the custom versions, including the new Sapphire RX 480 Nitro+, are definitely a treat.

Featuring a fully-custom PCB, which probably packs a bit more VRM phases compared to the custom version and draws power from a single 8-pin PCIe as well as feature Black Diamond Chokes, which are 10 percent cooler and 25 percent more power efficient compared to standard chokes, the Sapphire RX 480 Nitro+ has plenty of other features to offer.

First in line is the factory-overclock, which pushes the 4GB version to 1208MHz GPU base and 1306MHz for the GPU Boost clock, which is significantly higher than reference 1120MHz for the GPU base and 1266MHz for the GPU base clock. While it has the same 1208MHz GPU base clock, the 8GB version of the Sapphire RX 480 Nitro+ graphics card will come with a higher GPU Boost clock of 1342MHz, which is quite an impressive number.

The GDDR5 memory on the 4GB version will still work at 7000MHz while the same GDDR5 memory on the 8GB version will be clocked at slightly higher 8000MHz. In case you missed it, the RX 480 packs AMD’s 14nm Polaris 10 GPU with 2304 Stream Processors and features a 256-bit memory interface.

The second biggest feature is the fully-custom dual-fan Dual-X cooler from Sapphire with two 95mm blades, Sapphire’s Intelligent Fan Control III, which switches the fans at low temperature and low loads as well as a special full cover Nitro Free Flow backplate which allows air to pass through the back of the card. The new Dual-X cooler also comes with Nitro Quick Connect feature allows users to remove, clean or replace fans by simply removing a single screw.

The cooler also comes with RGB LED Nitro Glow system and a dedicated button at the top of the card which allows users to quickly switch between standard single blue color mode, rainbow random color, PCB temperature, fan speed, custom color options set by TriXX 3.0 software or to turn LEDs completely off.

Sapphire’s new RX 480 Nitro+ lineup is currently listed online with a price starting at €290-€300 for the 8GB version and €240 for the 4GB version in Europe, while Overclockers.co.uk lists it for £239.99 for the 8GB version and £199.99 for the 4GB version, including taxes. Unfortunately, we could not find it listed in the US.

There should be plenty of custom Radeon RX 480 on the market soon and Sapphire will certainly be on the top of the wish list.

sapphire RX480Nitroplus 1

sapphire RX480Nitroplus 2

sapphire RX480Nitroplus 3

sapphire RX480Nitroplus 4

Autore: Fudzilla.com – Home

Dark matter evades even our most sensitive detector

One of the fundamental challenges of researching dark matter is our inability to detect it. While it constitutes an estimated 27% of all the estimated mass and energy in the observable universe, it doesn’t interact with any type of electromagnetic radiation. Scientists have worked for years to try and find direct evidence of dark matter’s existence, but to little avail. After its last, 20-month run, the Large Underground Xenon (LUX) dark matter experiment team reported that they had failed to detect any of the particles they were looking for.

“LUX has delivered the world’s best search sensitivity since its first run in 2013,” said Rick Gaitskell, physics professor at Brown University and co-spokesperson for the LUX project. “With this final result from the 2014-2016 search, the scientists of the LUX Collaboration have pushed the sensitivity of the instrument to a final performance level that is 4 times better than the original project goals. It would have been marvelous if the improved sensitivity had also delivered a clear dark matter signal. However, what we have observed is consistent with background alone.”

LUX dark matter

The LUX detector is one of a kind, an exquisitely sensitive detector designed to pick up signs of weakly interacting massive particles (WIMPs) during one of the rare interactions between dark matter and normal matter. LUX consists of a third of a ton of cooled liquid xenon in a titanium shell, surrounded by powerful sensors designed to detect the photons and electrical charges emitted if a WIMP should manage to collide with a xenon atom. The whole shebang is shielded from cosmic rays by a 72,000-gallon tank of high-purity water and a mile of rock; it’s located in the former Homestake Gold Mine in Lead, South Dakota. It ended up being an even better detector than anticipated, partly because the team had to work so hard to isolate the baseline of impostor particle interactions that their baseline error filtration got really good. But, since they got so good at picking out the baseline, they can say with certainty that the baseline is all they observed. They did not see dark matter interactions.

In their statement, the LUX collaboration pointed out that while they had eliminated “large swathes” of possible mass ranges and interactions associated with WIMPs, the WIMP model itself “remains alive and viable.” Constraints don’t invalidate the model. Data you didn’t anticipate is still data.

Now it’s a matter of time: The next data on dark matter might come from CERN, or it might come from LUX’s successor, LUX-ZEPLIN, which will be 70 times as sensitive, taking LUX’s place in the mine. Compared with LUX’s one-third-ton of liquid xenon, LZ will have a 10-ton liquid xenon target, which will fit inside the same 72,000-gallon tank of pure water used by LUX to help fend off external radiation.

“The innovations of the LUX experiment form the foundation for the LZ experiment,” said Harry Nelson of UCSB, spokesperson for that project. “We expect LZ to achieve 70 times the sensitivity of LUX. The LZ program continues to pass its milestones, aided by the terrific support of the Sanford Lab, the DOE, and its many collaborating institutions and scientists.  LZ should be online in 2020.”

(Image credits: luxdarkmatter.org)

Autore: ExtremeTechExtremeTech

Sicurezza Keepass e Apache, l’Europa avvia una verifica

La Commissione Europea sta per avviare una verifica sulla sicurezza di due applicazioni opensource: Keepass e Apache HTTP Server. Il primo è un eccellente password manager, programma che permette di gestire le proprie credenziali e utilizzarle automaticamente, quando necessario, sulle pagine web.
Nell’articolo Gestione password: come farlo in sicurezza abbiamo illustrato, nel dettaglio, il funzionamento di Keepass.
Apache HTTP Server è invece il noto e popolarissimo server web, disponibile su piattaforma Linux e compatibile con diversi altri sistemi operativi.

Sicurezza Keepass e Apache, l'Europa avvia una verifica

I controlli di sicurezza inizieranno nel corso delle settimane a venire e i risultati delle indagini svolte dai tecnici della Commissione Europea verranno messe a fattor comune con gli sviluppatori delle applicazioni e la comunità.

Si tratta di un “test pilota” che, nel caso in cui dovesse condurre a risultati incoraggianti, sarà successivamente esteso ad altre applicazioni opensource.

Maggiori informazioni sull’iniziativa sono reperibili in questa pagina.

Autore: IlSoftware.it

Banche, le favole (smentite) del governo su Mps e sulla vendita delle nuove PopEtruria, Marche, Carife e Carichieti

A furia di raccontare favole si corre il rischio di risvegliarsi in un incubo. E’ quello che sta capitando all’Italia in tema di banche. Il tempo scorre inesorabile e giorno dopo giorno, ora dopo ora, la famosa trattativa con Bruxelles sul salvataggio di Mps sembra ricalcare fedelmente ciò che è accaduto lo scorso anno, quando il governo, la Banca d’Italia e l’Abi discussero per mesi su come procedere al salvataggio di Banca Marche, Popolare Etruria, CariFerrara e CariChieti per poi scoprire che non c’erano alternative al cosiddetto “burden sharing”, cioè alla condivisione degli oneri da parte di azionisti e creditori.

A novembre le quattro banche vennero poste in risoluzione e con un tratto di penna furono cancellati i risparmi di migliaia di famiglie che di quelle banche avevano sottoscritto azioni e obbligazioni subordinate. Ora siamo all’epilogo di quella vicenda: i risparmiatori non hanno ancora avuto un euro di rimborso, i responsabili sono tutti a piede libero e le quattro banche-ponte rinate dalle ceneri dei vecchi istituti stanno per essere vendute. La speranza iniziale era quella di incassare almeno 2 miliardi di euro dalla cessione, anche perché le nuove Banca Marche, Popolare Etruria, CariFerrara e CariChieti si ritrovano con dei bilanci perfetti essendo state conferite tutte le sofferenze a una bad bank. Quindi, come hanno recitato per mesi i venditori (cioè il Fondo di risoluzione della Banca d’Italia) e il governo, sono “senz’altro molto appetibili per il mercato”. Si è visto. Innanzitutto, Roma ha dovuto chiedere a Bruxelles una proroga dei termini per la cessione delle quattro banche perché a fine aprile non erano ancora nemmeno pronti gli information memorandum (cioè i documenti informativi con i dati e i conti delle quattro banche) da distribuire ai potenziali acquirenti.

Poi da 2 miliardi le speranze di incasso si sono ridotte a 1,6-1,4 miliardi a causa dei maggiori oneri di ristrutturazione e degli investimenti necessari al rilancio degli istituti. E alla fine si è arrivati a ben tre, dicasi tre, offerte impegnative in busta chiusa, di cui due per le banche e una per la compagnia d’assicurazioni di Popolare Etruria. Con un laconico comunicato, la Banca d’Italia ha fatto sapere che le offerte sono state girate agli advisor per le opportune valutazioni. Non una parola sull’entità delle cifre che, secondo le indiscrezioni, sarebbero comprese tra i 500 e i 600 milioni, cioè oltre un miliardo di euro in meno rispetto a quanto è costata la ricapitalizzazione delle quattro good bank. A novembre l’operazione Salva-banche aveva comportato per il sistema bancario italiano l’esborso di circa 3,6 miliardi di euro: 1,7 miliardi per coprire le perdite dei quattro istituti, 1,8 miliardi per ricapitalizzarli e 140 milioni circa per dotare di mezzi sufficienti la bad bank chiamata a farsi carico delle sofferenze. I termini dell’operazione non sono mai stati chiariti, tanto che ad oggi non è ancora dato sapere a quali condizioni IntesaSanpaolo, Unicredit e Ubi abbiano concesso il prestito ponte da circa 2 miliardi per far decollare il salvataggio, ma è intuibile che se le quattro banche verranno vendute a una cifra inferiore a quella iniettata dal Fondo di risoluzione per la loro ricapitalizzazione, il sistema bancario sarà chiamato a farsi carico della perdita versando ulteriori quattrini nel Fondo al quale hanno già anticipato “volontariamente” tre annualità di contributi.

Insomma, un disastro che ci si prepara a replicare in grande stile con il MontePaschi, la cui disastrata situazione è da anni sotto gli occhi di tutti. Già si sa che il 29 luglio la banca non riuscirà a superare gli stress test della Bce e Francoforte, peraltro, ha chiesto all’istituto senese di liberarsi di 10 miliardi di sofferenze entro il 2018. E’ una situazione potenzialmente esplosiva per la quale il governo ha chiesto a Bruxelles di poter intervenire a sostegno della banca anche con fondi pubblici. Lo ha fatto cercando di sfruttare l’effetto-Brexit e i timori di ripercussioni sistemiche, ma non sembra aver convinto nessuno: al 29 luglio mancano ormai pochi giorni, ma non c’è alcun via libera né sull’utilizzo di fondi pubblici, né tanto meno sulla sospensione della normativa sul bail-in.

Così, il governo da giorni non fa che parlare di una “soluzione di mercato” che passerebbe ancora una volta dal fondo Atlante e da ciò che resta nelle sue casse dopo il salvataggio di Popolare Vicenza e Veneto Banca (1,7 miliardi circa), da un prestito di oltre 6 miliardi che verrebbe concesso da JP Morgan alla società veicolo (Giasone? Caronte?) incaricata di rilevare i non performing loans di MontePaschi e da una ricapitalizzazione di circa 4 miliardi dell’istituto senese a carico di non meglio precisate “banche d’affari” e “investitori istituzionali”. Come si vede, un vero affare, almeno per JP Morgan che senza correre particolari rischi potrebbe spuntare ottimi guadagni. Un po’ meno per Atlante, che sembrerebbe intenzionato a pagare i non performing loans a un prezzo decisamente più elevato rispetto a quello di mercato nella speranza che l’entità dell’operazione (complessivamente circa 10 miliardi di euro) contribuisca a risollevare il valore di mercato delle sofferenze dall’attuale 20%. La realtà dice però che chi investe in non performing loans sostiene rischi non indifferenti e i costi così come i tempi di recupero sono elevati. Questo pesa sul prezzo, così come la qualità delle garanzie sui crediti. Si potrebbe dire che la scelta di pagare un prezzo superiore a quello di mercato è un problema di Atlante, se non fosse che tra gli investitori del fondo gestito da Quaestio sgr c’è anche la mano pubblica rappresentata dalla Cassa depositi e prestiti che, secondo indiscrezioni, sarebbe disposta a sacrificare sull’altare dell’operazione MontePaschi ulteriori fondi, oltre ai 500 milioni circa già investiti nel primo round di finanziamento del fondo.

Più che l’operazione sui non performing loans, lo snodo cruciale è rappresentato dalle modalità con le quali verrà ricapitalizzata la banca senese. Al di là delle rassicurazioni di facciata, non si può escludere che in ultima istanza sia costretto a intervenire lo Stato, cosa che farebbe automaticamente scattare il bail-in. E’ per questo che tra Bruxelles e Roma, a quanto si apprende, si sta facendo strada l’idea che contestualmente all’intervento pubblico a sostegno della banca venga decretato il rimborso per i risparmiatori cui sono state vendute impropriamente obbligazioni subordinate: una soluzione, questa, che consentirebbe di rispettare la normativa Ue senza penalizzare troppo i risparmiatori che si trovano a detenere circa i due terzi delle obbligazioni subordinate emesse dalla banca, vale a dire qualcosa come 3,3 miliardi di euro in titoli.

Ma al solito non si possono fare i conti senza l’oste: dove andrà a prenderli lo Stato 3 miliardi? Potrà rimborsare al 100% gli obbligazionisti di Siena, quando ha previsto solo l’80% di rimborsi a quelli delle quattro banche andate in risoluzione a novembre? Varranno gli stessi limiti di reddito e di entità dell’investimento? Insomma, posto che i risparmiatori truffati di Popolare Etruria, Banca Marche, CariFerrara e CariChieti non hanno ancora visto un euro, se nel caso di MontePaschi venisse adottato lo stesso schema andrebbe in fumo oltre un miliardo di risparmi delle famiglie. Non c’è che dire, un bel regalo di Ferragosto che non mancherà di produrre conseguenze ancora più gravi sull’intero sistema bancario.

Autore: Il Fatto Quotidiano

I partiti si spartiscono i nostri soldi #MollateIlMalloppo

Dona

di MoVimento 5 Stelle

Scene di giubilo sono segnalate nelle tesorerie dei partiti politici: oggi si va all’incasso, alla faccia dei cittadini italiani che nel 1993 votarono plebiscitariamente al referendum per abolire il finanziamento pubblico ai partiti. E’ bastato poco, un nulla, cambiare la dicitura in “rimborsi elettorali” e così gli italiani sono stati raggirati. Ventitre anni dopo stiamo ancora qui a dare loro soldi mentre la povertà dilaga a livelli spaventosi, vengono applicati tagli alla scuola e alla sanità e come beffa dicono pure di avere abolito i finanziamenti pubblici. Bugiardi: incassano eccome! Per gli italiani lacrime e sangue, per i partiti privilegi e milioni.
L’ufficio di presidenza della Camera ha dato il via libera alla spartizione del bottino. La parte del leone ovviamente la fa il Pd, che incassa 1.881.757,42 euro, seguito dal Pdl (ma non si era sciolto?) con 1.167.236,23 euro. La medaglia di bronzo va alla Lega Nord – quella di “Roma ladrona” – con 393.634,95 euro. Fuori dal podio, per un pelo, Scelta Civica con 359.878,36 (ma non si era scelto, pardon, sciolto anche questo?).
Buone prestazioni per Sel (226.115,90 euro), Fratelli d’Italia (140.500,37) e Udc 121.669,71 euro. Poi 6.278,30 euro per l’Idv, Rifondazione Comunista 7.205,32, Verdi 6.805,03, Con Monti per l’Italia 12.087,78 nonostante, tra l’altro, di questi partiti si sia persa la traccia.
Questo per quanto riguarda la Camera, il Senato ha a disposizione un ulteriore fondo di 5.747.218,75 euro. Il totale delle elargizione è quindi di 11.875.415 euro di cui solo una parte è ancora “congelata” perché la commissione sulla trasparenza alla Camera deve verificare che i bilanci dei partiti siano a posto. Poco male, ci sarà sempre una legge Boccadutri pronta eventualmente a sbloccare tutto. #MollateIlMalloppo.

Ps: non è una dimenticanza, il M5S non c’è nella lista perché ha rinunciato a inizio legislatura ai 42 milioni di euro che ci sarebbero stati destinati

22 Lug 2016, 15:05 | Scrivi | Commenti (54) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

Tags: finanziamenti pubblici, MoVimento 5 Stelle, Pd, rimborsi elettorali

Autore: Blog di Beppe Grillo