Hearing Aids: Better, Cheaper, and More Accessible Than Ever

Author: David Cardinal ExtremeTechExtremeTech

This site may earn affiliate commissions from the links on this page. Terms of use.

Hearing improvement technology has marched forward at a slow-but-steady pace, but a new recent law has opened the floodgates. In a rare bipartisan consensus, Congress approved and President Trump signed into law legislation that includes the Over the Counter (OTC) Hearing Aid Act. The act stipulates consumers can directly purchase hearing improvement devices without seeing a medical professional. It also means companies can sell products that claim to improve your hearing without going through the process of qualifying them as medical devices. While the devices will still be FDA regulated, the greater access to consumers is already leading to increased innovation and lower prices. Many current units sell for less than $ 500 now (while medical device hearing aids can cost from $ 2,000 to $ 10,000), and some are planned for as little as $ 150.

This new class of device is aimed at users with mild to moderate hearing loss — which statistically is most people as they age. For those with major hearing loss, the medical route will still make the most sense. After trying out many of this year’s crop of devices, a few stood out that we’ll cover here. Note that most of the exciting new devices I demoed at CES 2018 aren’t available just yet, but should begin rolling out soon.

Hearing Versus Listening

Nuheara expects to ship its new LiveIQ devices later this year, featuring active noise cancellation and an ability to blend ambient sound and device audioMany traditional hearing products simplify amplify everything. If you’re one of those people who can’t hear someone speaking otherwise, that makes perfect sense. But a much larger group of people can hear pretty well in a quiet environment, but have trouble listening to and understanding conversations in noisy environments. In this case, amplification only makes everything louder, not easier to understand. So companies are now touting their ability to intelligently separate background noise from conversation and help you hear the latter without being distracted by the former. In previous years at CES I’ve been disappointed with the devices I was able to test, but there were several exciting new products this year that gave me a lot of reason for optimism.

Almost all of the below devices rely on recent versions of the Bluetooth spec to serve a range of applications, including listening to music, making phone calls, and listening better.

Nuheara

Nuheara entered the market a year ago with its IQbuds; now the company will be expanding its product line with higher-end models this year. The current $ 300 product is positioned as a fairly traditional set of Bluetooth wireless earbuds that also include what Nuheara calls noise control. You can even use their smartphone app to create your own mix of ambient sound and whatever you’re listening to on your phone. Its new products move upmarket, closer to $ 500 — taking advantage of the Hearing Aid Act — to provide hearing assistance as a primary goal, in addition to allowing phone calls and listening to music. Its IQbuds Boost model, due out this spring, employs AI to build a personal hearing profile for each user; the profile can then be loaded into the ear buds for optimum soundfield modification.

Lizn

The Lizn units definitely aren't invisible, but they are smaller than even most wireless earbudsStartup Lizn takes the conventional approach of amplification a little further with a couple twists. First, it has a directional microphone, so it is able to focus on amplifying the conversation in front of you — hopefully including the person you are listening to. Second, because they’re fitting in-ear units, they will automatically block some of the ambient noise. Finally, the company offers some type of selectivity in its amplification, as they stress it amplifies consonants in speech to best improve intelligibility.

I tried a pre-production pair of the Lizn hearing devices at a press event, and was quite impressed given the price. For the limited use of better understanding the person I was speaking with, they provided a good experience. They’re not invisible, but are fairly non-intrusive, depending on your choice of red, gray, or black models. The best part is that the Lizn is only $ 149 if you pre-order, and is expected to ship “around March.”

Eargo

Eargo's new Max model is as small as the original but with additional intelligent noise reduction and featuresEargo’s Max hearing aids are all but invisible. They are not only super-tiny, but most of the unit sits well inside your ear. The well-funded startup is directly aimed at disrupting the traditional hearing aid market and its $ 2,000+ products. When I demoed a pair, the noise reduction and speech amplification were both quite impressive. However, the resulting sound field seemed somewhat unnatural, and even a bit uncomfortable, to me. From the limited time I used them I don’t know whether that is something people will get used to.

Since it was a demo situation, I was also unable to take advantage of the company’s audiologists and hearing test to customize the units to my hearing and preferences. I’m also sure sound quality is something the company will continue to tweak as it ships its new Eargo Max units this month. If you really don’t want anyone to know you’re wearing a hearing device, this is the one for you. If not, I think you’ll be able to get surprisingly similar performance in a slightly larger form factor later this year from some of the other companies we looked at.

Samplified

Dutch research spin-out Samplified Audio is working on the problem from a different angle. It’s building a sound processing platform called Clementine, which can intelligently amplify conversations while suppressing background noise. However, the signal processing platform won’t necessarily be built directly into a hearing aid. Instead, it can instead be run on a tiny device you can clip on to your shirt or even place on the table in front of you, which then communicates the modified soundfield over Bluetooth to a standard pair of earphones or earbuds.

While in some ways this adds complexity for the user, it has a couple nice advantages. First, you can use your favorite earphones with it. Second, you can place the “listening device” near the person you are listening to — perhaps on the table in front of you. That gives it a leg up compared with the results from a device simply sitting in your ear. I tried a prototype of the sound processor and was very impressed by how well it performed, even on the noisy show floor. But until Clementine is actually available in a consumer product, it’ll be hard to evaluate its real-world performance.

Resound

Medical device maker Resound continues to pursue many of these same innovations, although through the more complicated, and more expensive, channel of medical professionals. Perhaps the biggest advantage Resound has is it provides a whole family of hearing improvement products, for just about any type or degree of hearing loss. Unfortunately I didn’t get a chance to demo their Linx 3D in-ear offering this year; last year I found it amplified well, but didn’t reduce the noise as much as the company claimed it would. We look forward to giving it another go-around at the earliest opportunity.

Is Now the Time to Look for Help for Your Hearing?

If you’ve been put off by the hassle and expense of a full-fledged medical device hearing aid, but know you want some help hearing in tough environments, I’d definitely give one or more of these products a try. However, based on my experience demoing quite a few of them, make sure you have a chance to evaluate them personally before you commit to purchasing one of them (although I guess the Lizn is inexpensive enough you might just take the risk). That said, the technology is also moving quickly, so if you can wait a year or two you’ll see some major improvements and possibly more price reductions. You’re also likely to see the integration of more active hearing technology in “everyday” headphones and earbuds. Even IoT devices and smartphones that support voice recognition are likely to start to incorporate more of these technologies over time.

Parlamentarie M5s, chiuso il voto online: “I risultati saranno annunciati domenica”


Author: F. Q. Il Fatto Quotidiano

Si è chiuso il voto per le Parlamentarie del Movimento 5 stelle. Alla fine, dunque, non c’è stata alcuna proroga. Ad annunciarlo è un post sul blog di Beppe Grillo in cui si spiega anche che “le liste definitive saranno annunciate” domenica 21 gennaio a Pescara, dove è in agenda un evento dei pentastellati. Nel frattempo, spiega sempre il blog, “i risultati delle votazioni sono stati affidati a due notai“.

“C’è stata una grande partecipazione. Il voto si è svolto con regolarità e in sicurezza grazie alla verifica via sms di tutti coloro che hanno partecipato alle votazioni. Ci sono stati dei picchi di traffico soprattutto nella fase iniziale della giornata di ieri quando si è registrata una vera e propria corsa virtuale ai seggi di tutta Italia. Questo ha causato dei rallentamenti nell’accesso al sito, ma nulla di preoccupante visto che nella giornata di oggi l’afflusso è stato regolare e ben distribuito nell’arco della giornata”, è il testo pubblicato sul blog del fondatore del Movimento.

Un psot in cui i pentastellati replicano anche anche all’ipotesi di una proroga del voto online. “Il caos di cui blaterano i giornali invece non c’è stato. La proroga non è stata necessaria. La nostra è stata una prova di democrazia diretta online che non ha eguali per dimensione e importanza in tutto il mondo e ciò è stato possibile grazie all’associazione Rousseau che ha seguito i processi della votazione”.

I 5 stelle provano a replicare anche alle polemiche dei centinaia di esclusi in tutta Italia alle parlamentarie. “I partiti che goffamente ci attaccano stanno decidendo i nomi nelle segrete stanze senza alcuni spiraglio di partecipazione dal basso. E non hanno neppure il pudore di tacere. Riempiranno il Parlamento di nominati e attaccano gli unici per i quali la parola democrazia ha ancora un valore. Non a parole ma con i fatti. Non c’è nessun timore di ricorsi da parte degli esclusi. Le regole che hanno accettato tutti coloro che hanno proposto la candidatura erano molto chiare e molto rigide. Sono state applicate in maniera severa. Alcuni si sono lamentati dell’esclusione dalle liste, è vero. È stato fatto per tutelare al massimo il MoVimento 5 Stelle”.

Il post sul blog spiega inoltre quali sarebbero stati i criteri che hanno portato all’esclusione di alcuni aspiranti candidati. “Anche il turpiloquio nei confronti degli avversari politici a mezzo social è stato considerato ostativo ai fini della candidatura. Inoltre era richiesto ai sensi dello Statuto e del Codice Etico di astenersi da comportamenti che possano pregiudicare l’immagine o l’azione politica del MoVimento 5 Stelle e attenersi a criteri di lealtà e correttezza nei confronti degli altri iscritti, di mantenere comportamenti eticamente ineccepibili, anche a prescindere dalla rilevanza penale degli stessi. Stare nel MoVimento 5 Stelle d’altronde non è finalizzato alla Candidatura”.

L’inferno dei pendolari nel nuovo rapporto di Legambiente


Author: Giulio QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari

Cresce il numero di quanti si spostano in treno, oltre 5 milioni e mezzo di persone. Ma mentre si investe sull’alta velocità, si taglia su intercity e treni regionali, spesso troppo vecchi e lenti. La fotografia della situazione del trasporto ferroviario in Italia nella nuova edizione del rapporto Pendolaria di Legambiente.

La mobilità su ferro vede muoversi ogni giorno 5,51 milioni di persone in Italia, con una crescita del numero complessivo dei pendolari, ma aumentano anche le differenze tra le varie regioni e quelle sulla rete ferroviaria, segnata da una parte dai continui successi dell’alta velocità e dall’altra dai tagli agli intercity e da treni regionali spesso troppo vecchi e lenti.

In particolare sono 2milioni e 841mila i passeggeri che usufruiscono del servizio ferroviario regionale, e oltre 2milioni e 672mila quelli che ogni giorno prendono le metropolitane. Per completare il numero di coloro che ogni giorno prendono il treno sui collegamenti nazionali, vanno aggiunte 40mila persone che viaggiano sugli intercity e 170mila tra Frecce ed Italo.

A fotografare la situazione del trasporto ferroviario in Italia è Pendolaria, il rapporto annuale di Legambiente (allegato in basso) presentato oggi a Roma, che analizza nel dettaglio numeri e storie di un’Italia a due velocità e le varie disuguaglianze che ci sono nel Paese.

Ai grandi successi dell’Alta Velocità maturati in questi anni – ampia offerta di treni tra Salerno, Roma, Firenze, Bologna, Milano, Torino e Venezia e un aumento dell’offerta in meno di 11 anni pari al 435% -, si affianca una situazione del trasporto regionale che rimane difficile, anche per via della riduzione dei treni Intercity e dei collegamenti a lunga percorrenza (-15,5 dal 2010 al 2016) con un calo del 40% dei passeggeri e la diminuzione dei collegamenti regionali (-6,5% dal 2010 al 2016), a seguito dei tagli realizzati nel 2009 dal Governo Berlusconi.

E poi – si legge nel comunicato diffuso dall’associazione ambientalista – in alcuni casi c’è il peggioramento del servizio con disagi e disservizi come accade sulla Roma-Lido di Ostia, linea suburbana gestita da Atac, dove si è registrata una riduzione del 45% dei passeggeri passati da quasi 100.000 tra studenti e lavoratori negli scorsi anni a 55.000.

Oppure sulla Circumvesuviana: sulle tre storiche linee suburbane di Napoli dal 2010 al 2016 si è registrato un calo dell’offerta di treni del 30%. In questi anni (dal 2003 ad oggi) c’è da segnalare, inoltre, la chiusura di 1.323,2 chilometri di linee ferroviarie.

Ad esempio in Molise non esiste più un collegamento ferroviario con il mare: sono scomparsi i treni che dal 1882 collegavano Campobasso con l’Adriatico e con Termoli. Ai chilometri di ferrovia chiusa, vanno poi aggiunti oltre 321 km di rete ordinaria che risulta “sospesa” per inagibilità dell’infrastruttura, come nel caso della Trapani-Palermo. 

 Eppure, come emerge dal dossier Pendolaria, dove si investe nella cura del ferro il numero dei pendolari cresce e aumenta la voglia di spostarsi in treno, come è accaduto in Lombardia, dove nonostante le difficoltà su alcune linee, si è raggiunta quota 735.000 passeggeri ogni giorno sui treni regionali (con un +3,1% nel 2017 e +24% dal 2009 ad oggi, quando erano 559mila) o in Friuli Venezia Giulia dove si è passati da 13mila a 21.500 i viaggiatori con un aumento del +38%.

Tornano a crescere i pendolari anche in Abruzzo (+5,3%), grazie al recupero di alcune corse nel 20117 e l’introduzione del cadenzamento dei treni sulla linea costiera Adriatica. Bene anche l’Emilia Romagna che tocca quota 205.000 (erano 106.500 nel 2010), in Trentino si è passati da 13.000 a 26.400, in Alto Adige da 19.900 a 31.400, in Puglia da 80.000 a 150.000.

Risultati positivi li troviamo anche nelle 38 esperienze di successo e buone pratiche del trasporto su ferro segnalate nel report di Pendolaria: al Nord come le linee in Val Venosta e Val Pusteria in Alto Adige, ma anche al Sud (come per la Metropolitana di Napoli, nella linea tra Bari e l’aeroporto, del collegamento diretto Palermo-Catania dopo la chiusura dell’autostrada nel 2015), o i tratti minori come fra Ascoli e Porto d’Ascoli dopo l’elettrificazione.

Buone notizie arrivano anche da alcune linee sospese da tempo e che ora vedono la luce: come la Cecina-Saline di Volterra in Toscana chiusa e la Gemona-Salice, in Friuli che sono state riaperte, la Priverno-Terracina con lo stanziamento dei fondi da parte della Regione Lazio, la Bosco Redole-Benevento riaperta per fini turistici.

 “Cambiare e migliorare la situazione che vivono ogni giorno milioni di pendolari – ha dichiarato Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente – è una sfida possibile e deve diventare una priorità, non solo per ridurre differenze e recuperare ritardi, ma perché è un grande investimento per il futuro del Paese. Occorre porsi l’obiettivo al 2030 di raddoppiare il numero di persone che ogni giorno in Italia prende treni regionali e metropolitane, per farle passare da 5,5 a 10 milioni. Si tratta di una sfida alla portata di un Paese come l’Italia, che produce vantaggi in termini ambientali e positive ricadute occupazionali, legate sia alla costruzione e manutenzione del parco rotabile che alla gestione della mobilità”.

Le ragioni di questa situazione – si spiega – sono nei tagli avvenuti nelle risorse per il trasporto ferroviario ma anche nel gap infrastrutturale delle città italiane nelle dotazioni di linee metropolitane, tram, ferrovie suburbane rispetto agli altri Paesi europei.

Differenze e disuguaglianze nel Paese sono da individuare, secondo Legambiente, in alcuni errori compiuti in questi anni nelle politiche dei trasporti (riduzioni treni e aumento delle tariffe) e nel modo diverso con cui le diverse Regioni hanno gestito il servizio dopo il trasferimento delle competenze nel 2001, con tagli ai servizi ferroviari e aumento del costo dei biglietti in quasi tutte le Regioni.

Sono poche le Regioni che hanno investito risorse proprie per potenziare il servizio e evitare i tagli, con una media di spesa rispetto al bilancio regionale dello 0,35% e tante Regioni che non investono alcuna risorsa aggiuntiva per migliorare il servizio rispetto a quelle trasferite dallo Stato. 

Preoccupa inoltre la situazione complessiva del Meridione. Al sud circolano meno treni: ad esempio le corse dei treni regionali in tutta la Sicilia sono 429 contro le 2.396 della Lombardia. Inoltre i convogli sono più vecchi – con una età media nettamente più alta 19,2 anni rispetto ai 13,3 del Nord e a quella nazionale di 16,8 – e sono più lenti, sia per problemi di infrastruttura sia perché circolano treni vecchi e non più adatti alla domanda di mobilità. Ad esempio tra Cosenza e Crotone non esiste un collegamento diretto, occorre effettuare almeno un cambio e impiegare 3 ore di viaggio per percorrere 115 km. Altro problema, tra Ragusa e Palermo ci sono solo 3 collegamenti al giorno, tutti con un cambio, e in totale ci vogliono 4 ore e mezza per arrivare a destinazione.

Al Sud poi l’Alta Velocità si ferma a Salerno e, malgrado la continuazione di alcune Frecce verso Reggio Calabria, Taranto o Lecce, il numero in rapporto a quelli che circolano al Centro-Nord di questi treni è insignificante.

“Se vogliamo cambiare la situazione nelle città italiane – aggiunge Zanchini – dobbiamo rendere competitivo il trasporto pubblico su ferro e la mobilità sostenibile. Le tante storie positive che abbiamo raccolto dimostrano la voglia di cambiamento da parte dei cittadini. La prossima legislatura dovrà affrontare la questione delle risorse per garantire un aumento del servizio, con più treni per dare risposta alla domanda dei pendolari e offrire un’alternativa all’auto, e la realizzazione di nuove linee di metro, tram e ferrovie metropolitane. Perché dal 2002 ad oggi la priorità degli investimenti è andata verso strade e autostrade solo per il 13% alle città, mentre è proprio nelle aree urbane che si concentra la domanda di mobilità delle persone”.

 

 

Pink Floyd: Their Mortal Remains a Roma con la tecnologia Sennheiser AMBEO 3D

Author: Le news di Hardware Upgrade

Sennheiser ha annunciato la propria partecipazione tecnica alla mostra The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains, aperta al Museo d’Arte Contemporanea a Roma dal 19 gennaio al 1 luglio.

L’azienda mette al centro la propria tecnologia AMBEO 3D, sviluppata per dare una sensazione di tridimensionalità del suono e immergere quindi completamente il visitatore nella musica. Il primo prodotto a fare uso di questa tecnologia sono state le AMBEO Smart, cuffie pensate per ascoltare musica e per registrarla in modalità binaurale – una tecnica che permette di registrare il suono preservandone le caratteristiche spaziali come percepite dall’uomo.

L’azienda ha preso parte al mixaggio di Comfortably Numb suonato al Live 8 per proporlo tramite la sua tecnologia. A curare il mixaggio sono stati Simon Rhodes e Simon Franglen, che hanno lavorato insieme all’ingegnere del suono dei Pink Floyd Andy Jackson.

I Pink Floyd sono sempre stati all’avanguardia nella sperimentazione sonora e sarà interessante capire se ci sarà una maggiore attenzione verso questo tipo di tecnologia in futuro. L’avvento della realtà virtuale e la necessità di dare maggiori informazioni spaziali in questo ambito sembrano preannunciare un grande successo, ma resta da vedere se anche la tradizionale musica sarà proposta in questo modo.

Chi volesse avere un assaggio di ciò che la tecnologia AMBEO mette a disposizione – o anche solo gustarsi un buon ascolto dei sempre ottimi Pink Floyd – ha tempo fino al 1 luglio 2018. Buona visita.

Help desk applicativo

Author: Monster Job Search Results

LAZ-ROMA, Innovaway S.p.a, azienda leader nel settore ICT, ricerca una risorsa per attività di HELP DESK APPLICATIVO. La risorsa si occuperà del supporto tecnico on site su dispositivi IOS. Gradita esperienza pregressa in analoga mansione, buona conoscenza della lingua inglese e disponibilità immediata. Tipologia contrattuale e livello di inquadramento saranno commisurate all’esperienza maturata. I candidat